Sunday, 21 Apr 2019
Articoli recenti
Scienza
Pubblicità
Aenigma
die glocke, macchina del tempo, arma o leggenda metropolitana

Die Glocke, arma, macchina del tempo, leggenda metropolitana o bufala?

A proposito di retroingegneria aliena, è parecchio diffusa una leggenda metropolitana secondo cui il nazismo agonizzante si sarebbe concentrato nella realizzazione di alcune armi decisive per vincere la guerra, forse derivate dal relitto di un disco volante. Una di queste armi sarebbe stata conosciuta come Die Glocke

Share

Bufale: astronauti su Marte nel 1979

Complottisti e bufalari sono razze che vanno spesso a braccetto. Alcuni anni fa una sedicente ex dipendente NASA si rivolse ad una trasmissione televisiva per testimoniare di avere visto astronauti su Marte…

Share

L’artefatto UFO di Bob White

A qualcuno succede anche in tarda età di cercare notorietà e denaro cominciando a raccontare panzane sugli UFO. Bob White fece di meglio, trovò anche un misterioso oggetto da esibire…

Share
Technologia

Una tecnologia per tradurre i pensieri in discorsi

Uno dei problemi principali di cui soffrono pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica o in fase di recupero da ictus è l’incapacità di utilizzare la parola per comunicare. Ora, una nuova tecnologia, apre alla speranza di poter presto offrire a questi pazienti la possibilità di recuperare la capacità di comunicare attraverso una macchina in grado di leggere il pensiero e di tradurlo in parole

Share
Cultura
Visioni dal futuro

Ritorno alla Luna: lunar Gateway o Moon Direct?

L’America vuole tornare sulla Luna con un equipaggio umano nel 2024 ma il progetto Lunar Gateway concepito a questo scopo dalla NASA sembra inadeguato, sia per il rispetto delle tempistiche che per i costi enormi che comporterebbe. Rober Zubin, presidente della Pioneer Astronautics e della Mars Society, propone un piano chiamato “Moon Direct” più economico e più rapido da realizzare

Share

Un premio per il miglior progetto di colonia su Marte – Mars Colony Prize

La Mars Society ha indetto un concorso per il migliore progetto di colonia marziana. Purtroppo il termine per la presentazione dei progetti scade il 31 marzo ma, dovendo essere sviluppato in un massimo di venti pagine, forse qualcuno può riuscire a sviluppare qualcosa di presentabile e poi non si sa mai… Premi in denaro ai migliori tre progetti, i primo venti classificati verranno pubblicati in una pubblicazione apposita…

Share

Le cinque trappole spaziali che potrebbero spazzare via la vita dalla Terra

Negli ultimi 500 milioni di anni si sono verificati almeno 5 eventi di estinzione di massa delle cui cause non siamo del tutto sicuri. Riscaldamento globale a parte, l’universo ci riserva un sacco di trappole che potrebbero causare la nostra estinzione o, addirittura, la sterilizzazione totale della Terra. Vediamo quali sono questi eventi, possiamo identificarne almeno cinque.

Share

Jeff Bezos: dimenticatevi di Marte, gli umani vivranno in grandi colonie spaziali orbitali

La visione del futuro dell’umanità di Jeff Bezos è estremamente diversa da quella di Elon Musk: mentre il CEO di SpaceX e Tesla sostiene la necessità di creare colonie sui pianeti rischiando la vita in questa impresa pioneristica, il CEO di Amazon e Blue Origin pensa che l’umanità dovrebbe trasferirsi in enormi colonie spaziali orbitali, lasciando la Terra a pochi eletti in grado di renderla nuovamente un paradiso

Share
Lifestyle
Spazio
Archeologia misteriosa
Medicina

Si può fare! – Rianimate cellule cerebrali morte da ore

Il cervello degli umani e di altri mammiferi sono estremamente vulnerabili alle interruzioni nel flusso sanguigno e alla diminuzione dei livelli di ossigeno. Qui descriviamo il restauro e il mantenimento della microcircolazione e delle funzioni molecolari e cellulari del cervello di maiale intatto in condizioni normotermiche ex vivo fino a quattro ore post-mortem

Share

Una tecnologia per tradurre i pensieri in discorsi

Uno dei problemi principali di cui soffrono pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica o in fase di recupero da ictus è l’incapacità di utilizzare la parola per comunicare. Ora, una nuova tecnologia, apre alla speranza di poter presto offrire a questi pazienti la possibilità di recuperare la capacità di comunicare attraverso una macchina in grado di leggere il pensiero e di tradurlo in parole

Share
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: