Monday, 12 Nov 2018

Paris Fashion Week

PARIS, FRANCE – MARCH 07: A general view of models on the runway during the finale of the Chanel show as part of the Paris Fashion Week Womenswear Fall/Winter 2017/2018 on March 7, 2017 in Paris, France. (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)

Dal lancio dello space shuttle di Chanel alla notte di Louis Vuitton al museo e tutto il resto.

I mostri sacri del lusso presentano alla Paris Fashion Week  le loro proposte per l’autunno-inverno 2017/18 con un’infinita varietà di spettacoli di stile.

 

 

Karl Lagerfeld ci ha immerso nella sua odissea nello spazio, dove ha giocato con uno stile retrò-futuristico per Chanel, presentando sguardi che incarnano l’evoluzione a doppio binario della moda nell’era digitale – con un piede nel passato e un’altro ben piantato nel futuro.

Ispirandosi alle tute spaziali, Lagerfeld ha presentato una serie di strutture dai colori brillanti e piani in tonalità metalliche lungo la passerella. Stampe in stile  Astronaut adornano abiti ariosi e maglioni da ragazzino, con numeri scintillanti  in rosso elettrico e viola in coppia con fasce Bejeweled e stivali in stile anni ’60 scintillanti. Lo stile della collezione può ricordare la Brigitte Bardot degli anni ’60.

Nel suo show per l’autunno-inverno 2017-18 di Moncler Gamme Rouge, Giambattista Valli senza mandare le sue ragazze alla luna, ha mantenuto saldamente i piedi in terra. Valli ha disegnato una collezione fatta su misura per le ragazze del college dell’Upper East Side. Il capospalla e i piani erano per lo più ispirati da giacche varsity e camicie Letterman, in coppia con i lunghi bicchierini scolaro o con gonne a fiori stampate da ragazzine.

All’inizio di questa settimana ella moda, alla mostra per la sua etichetta, Valli- ha reinventato volumi e forme con i suoi sontuosi ballgowns di tulle tagliati al laser – mostrando un debole per i pepli voluminosi che sottolineano il seno, mentre le forme erano particolarmente strette e avvolgenti sulla figura. I suoi capi sembrano disegnati per una desiderabile lolita.

Sarah Burton, da parte sua, ha impressionato con i suoi tocchi romantici per il pret at wear femminile disegnato per per Alexander McQueen. La Burton ha introdotto silhouette fluide e allungate, evidenziando di subire il fascino di uno stile medievale-pagano. In realtà, i suoi abiti di seta sono stati progettati e stampati a punto croce e caratterizzati da una jacquard riccamente lavorata di fiori medievali.

Altrettanto appassionato di visioni romantiche del passato, Pierpaolo Piccioli ha giocato con l’estetica vittoriana per Valentino, mescolandola con influenze della Memphis anni ’80 – basta pensare agli alti colli dai colori vivaci e caldi, alle grafiche asimmetriche dei disegni superficiali sublimati su morbidi avvolgimenti su una donna estremamente giovane e femminile.

Per Hermès, invece, il romanticismo non è all’ordine del giorno di una collezione elegante e semplice che trasuda di femminilità pratica. Capispalla perfetti fatti su misura: giacche corte in stile bolero, bombardieri rivisitati e trench lunghi dai colori strabilianti. Il patrimonio Hermès ‘incarna la costituzione francese – e la direzione creativa di Nadège Vanhee-Cybulski è saldamente radicata in questa eredità.

Miuccia Prada ha colpito rivelando un finora ben nascosto segreto: che lei è stata un grande fan della vecchia scuola hip hop dagli anni ’70 in poi. La sua collezione di Miu Miu è un trionfo di caramelle colorate, soffici, di grandi dimensioni, cappotti di pelliccia sintetica e abiti retrò aromatizzati con ricami rococò e paillettes, accessoriati con toppe di grandi dimensioni altrettanto pelose e un sacco di accessori Bejeweled e dettagli. Tutto molto glam.

Nicolas Ghesquière ha concluso la stagione su una nota intellettuale con la sua sfilata di abbigliamento femminile per Louis Vuitton al museo del Louvre. Già da un paio di stagioni, Ghesquière si proiettava verso un’abbigliamento femminile caratterizzato da tagli bruschi, sagome ancora disinvolte e seducenti. Questa volta, il suo selvaggio mix-and-match di vari stili ed influenze in una collezione è stata una dichiarazione potente. Tagli sofisticati, lusso,  Athleisure e giorno vs. abiti da sera – le più grandi tendenze della moda sono state fuse in un unico insieme coerente.

Mossa che poteva rivelarsi rischiosa, miscelando tante ispirazioni di eccellenza, ma che, in realtà, si è rivelata un successo. Per tutti basta il primo outfit sceso in passerella: una giacca di pelle signorile, drasticamente indossata sopra un abito baby-doll di seta abbinato a leggings sportivi e accessoriato con stivaletti piatti e una collana ingioiellata.

 

[amazon_link asins=’8865985941,B01M23P0YH,3836525356,8843079344,B017ASN56A,B004K3Z274,B01MCRTHQO,B0036E0Y5I’ template=’ProductCarousel’ store=’982430213536′ marketplace=’IT’ link_id=’161366bd-0852-11e7-b12d-4d52bb9921ac’]

 

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: