Friday, 21 Sep 2018

Dissotterrate in Egitto otto mummie di 3500 anni fa

Il sottosuolo egiziano continua a restituire tesori nascosti agli occhi dell’umanità da migliaia di anni. Dopo la gigantesca statua, probabilmente del faraone Ramses, rinvenuta nel limo del Nilo pochi giorni fa, il Ministero delle Antichità egiziano ha annunciato che sono state riportate alla luce otto mummie, dieci sarcofagi e numerose statuette rinvenuti in tombe di 3.500 anni fa.

Una missione archeologica egiziana ha trovato le tombe nella necropoli di Draa Abul Nagaa,  vicino a Luxor, nel sud dell’Egitto. La tomba principale a forma di T apparteneva ad un giudice di nome Userhat ed è un tipico esempio delle tombe dei nobili del Nuovo Regno.

Un membro del gruppo di archeologi egiziani lavora su una bara di legno Martedì.

La missione ha rimosso 450 metri cubi di detriti, rivelando l’ingresso della tomba principale e due tombe comuni.
i lavori di scavo sono in pieno svolgimento “per rivelare i segreti di queste due tombe”, secondo il comunicato del ministero. .
La camera interna della tomba principale ospita una collezione di sarcofagi della Dinastia 21 e mummie avvolte in teli di lino. I sarcofagi sarebbero in buone condizioni.
Gli archeologi hanno anche scoperto numerose statuette funerarie Ushabti, realizzate in faience, terracotta e legno, nonché una collezione di vasi di creta.

I membri delle archeologici statuette funerarie oculari missione egiziano noto come ushabtis.

 In un’altra stanza, la missione ha trovato “un’altra raccolta di figurine Ushabti, maschere di legno e il manico del coperchio di un sarcofago.
Fonte: CNN
Per saperne di più:

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: