Saturday, 17 Nov 2018

Scoperto un unicorno in Islanda

Potrebbe essere una mutazione generata da un gene recessivo che si manifesta solo in determinate condizioni e casi come questo potrebbero essere la causa delle innumerevoli leggende che si tramandano sugli unicorni.

Fatto sta che le pecore di Erla Porey Olafsdottir, un allevatore islandese, hanno sempre avuto regolarmente due corna. Su un montone, tuttavia, le corna sembrano essersi fuse in un unico corno, presentando solo una lieve biforcazione nella parte terminale. Vista la peculiarità di questo montone, Erla lo ha chiamato Einhyrningur, “unicorno”, appunto, in islandese.

Einhyrningur

Il sito del giornale Islandese Islanda Monitor riporta che Einhyrningur si è, non si sa quanto accidentalmente, sperso in montagna quando il suo gregge è stato portato nel ricovero invernale e questa particolare pecora ha gironzolato liberamente nella zona, finendo per essere avvistata da alcuni agricoltori locali che, verso Natale, hanno messo in giro la voce che un unicorno si aggirava per la montagna.

L’aspetto particolare del montone, accentuato dalla insolita conformazione delle corna che sembrano tirare la pelle intorno agli occhi dandogli un aspetto un po’ esotico hanno colpito la fantasia di chi lo ha visto e i racconti, diffusisi di bar i bar e di mercato in mercato, hanno, probabilmente, salvato la vita a questo chiacchierato animale.

Infatti, secondo il sito ice news, Erla Porey Olafsdottir non reputando il montone Einhyrningur adatto alla riproduzione perché potrebbe tramandare la sua malformazione, aveva progettato di farne il protagonista principale di un sontuoso banchetto primaverile a base di pecora. per fortuna di Einhyrningur, però, le voci sul suo singolare aspetto sono arrivate fino allo zoo di Reykjavik che lo ha comprato e gli ha riservato un comodo recinto dal quale potrà fare bella mostra di sé ai visitatori.

[amazon_link asins=’B01NBAXS9D,8859207193,885920691X,B00NGOY882′ template=’ProductCarousel’ store=’982430213536′ marketplace=’IT’ link_id=’0914c2d3-29e3-11e7-b027-9511d618d808′]

 

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: