Monday, 19 Nov 2018

Il gatto selvatico scozzese, un animale da salvare

Formalmente si chiama Felis silvestris grampia ma gli scozzesi lo chiamano Highland tiger. Il motivo per cui il gatto selvatico scozzese sta assurgendo alla notorietà è perché, secondo l’organizzazione non governativa “Wildcat haven”, ne sono rimasti in circolazione solo 35 esemplari, facendo di lui il gatto più raro del mondo, ancora più raro del quasi estinto “Leopardo di Amur”. Il Felis silve3stris grampia è grande, più o meno, come un comune gatto domestico ma può arrivare a pesare più del doppio.

Questo gatto selvatico  giunto in Gran Bretagna tramite una enorme distesa di paludi e tundra, conosciuta come doggerland, che collegava la Gran Bretagna al continente europeo al culmine dell’ultima era glaciale circa 12.000 anni fa.

I gatti selvatici scozzesi, nel corso delle generazioni, si sono evoluti isolatamente dai loro parenti continentali, sviluppando spesse strisce grigie che corrono lungo i fianchi e circondano la loro ampia coda, adattare a camuffare la loro presenza nelle grandi foreste di pini scozzesi.

Nelle Highlands scozzesi questi gatti sono venerati come icone.

gatti selvatici scozzesi sono più pesanti gatti domestici (Credit: Peter Cairns / naturepl.com)

I gatti selvatici scozzesi sono più pesanti dei gatti domestici (Credit: Peter Cairns / naturepl.com)

La natura selvaggia di questo elegante animale è stata celebrata da molti gruppi celtici. Per esempio, il sigillo del Clan Macpherson è un gatto selvatico scozzese ringhioso, e il loro motto, “Non toccate il gatto [senza] il guanto,” è allo stesso tempo un avvertimento e una raccomandazione.

 

Un gatto selvatico scozzese (Felis silvestris Grampia) (Credit: Adrian Davies / naturepl.com)

Un gatto selvatico scozzese (Felis silvestris Grampia) (Credit: Adrian Davies / naturepl.com)

La più grande minaccia per il gatto selvatico scozzese è la sua controparte domestica. I gatti domestici sono stati introdotti in Gran Bretagna dai romani e poi dai Normanni. In Scozia si contano circa 200.000 gatti domestici randagi gatti sono più numerosi rispetto a qualsiasi altra specie di gatto. Sono stati introdotti in Gran Bretagna dai Normanni nel 11 ° secolo, e forse dai Romani molto prima. In Scozia, ci sono quasi 200.000 gatti domestici randagi, che, oltre ad occupare più o meno la stessa nicchia ecologica in competizione con il gatto selvatico scozzese e, cosa ancora peggiore, hanno finito per accoppiarsi generando incroci sempre più simili al gatto domestico che a quello selvatico.

Secondo molti ricercatori questa ibridazione è iniziata 2000 anni fa con i primi gatti domestici importati dai romani ed è andata talmente avanti che ormai nessun gatto selvatico è più veramente tale. Questa ipotesi è stata avvalorata anche da molti test genetici che hanno potuto individuare sequenze di DNA del gatto domestico in qualsiasi esemplare di gatto selvatico analizzato.

Esistono però ancora alcuni esemplari di gatto selvatico scozzese che ostentano orgogliosamente le proprie strisce da tigre, che evitano qualsiasi contatto con l’uomo e vivono cacciando lepri, conigli e altri piccoli mammiferi in larghe aree delle Highlands scozzesi.

Questi sono i gatti che Wildcat haven vuole preservare. Per farlo, li lasciano in pace. Non toccare il gatto.

Per salvaguardare la quello che resta della specie selvatica questa organizzazione si occupa di catturare e sterilizzare tutti i gatti randagi, onde evitare ulteriori contaminazioni ai 35 esemplari puri che ancora restano. La speranza è che questi gatti possano tornare ad incrociarsi tra loro ripopolando la specie.

Loch Ness è parte della Great Glen (Credit: Scotland Viaggi / Paul White / Alamy)

Loch Ness è parte della Great Glen (Credit: Scotland Viaggi / Paul White / Alamy)

Un trio di profondi laghi – Loch Ness, Loch Oich e Loch Lochy – divide la terraferma scozzese in due, separando 7.000 miglia quadrate (18.100 kmq) di deserto degli altipiani del nord dalle città dense e terreni agricoli del sud. Questa linea diagonale di acqua si trova lungo un’antica Rift Valley chiamata il Great Glen. Ci sono solo tre piccoli ponti di terra che uniscono i due lati della Scozia. Uno di questi si trova nei pressi di Inverness, la “capitale delle Highlands”.

Il Great Glen è il confine naturale del territorio che si estende a nord-ovest della Scozia e che costituisce un rifugio privilegiato per il gatto selvatico scozzese. Con ogni randagio che viene castrato al di sopra di questa linea, il futuro del gatto selvatico scozzese diventa un po ‘più sicuro.

Un gatto selvatico scozzese (Credit: Ann & Steve Toon / naturepl.com)

Un gatto selvatico scozzese (Credit: Ann & Steve Toon / naturepl.com)

 

Nel 2013, sono state designate cinque “aree prioritarie” – Angus Glens, Strathbogie, Strathpeffer, Strathavon e Cairngorms del Nord – in cui le popolazioni selvaggi scozzesi sembrano essere in buona salute. Proprio in quest’area è in corso una campagna tesa a catturare esemplari maschi per raccoglierne il seme ed utilizzarlo per la riproduzione in cattività, rendendo più diversificato il patrimonio genetico.

[amazon_link asins=’B06XXM5V63,B01C4AYTGO,B01IODIU2Y,B01EK7LS6S’ template=’ProductCarousel’ store=’982430213536′ marketplace=’IT’ link_id=’70ccfcc3-3264-11e7-87f3-734cf89460d8′]

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: