Sunday, 18 Nov 2018

I misteriosi dischi di Baian kara ula

di Oliver Melis per Reccom Magazine

I dischi con i piccoli scheletri dalla grande testa

Nel 1938, il professore di archeologia dell’Università di Pechino, Chi Pu Tei fece una scoperta eccezionale. Durante l’esplorazione di alcune grotte nell’impervia catena montuosa di Baian Kara Ula, lungo il confine Cinese/Tibetano, scopri un sistema di gallerie artificiali e interconnesse le cui pareti erano state levigate da sembrare cristallizzate dall’azione di un calore estremo. Sulle pareti erano incisi dei segni che sembravano rappresentare il sistema solare. All’interno delle grotte furono rinvenute delle piccole tombe che contenevano i resti di creature alte circa un metro e trenta centimetri con un cranio enorme in rapporto alle dimensioni del corpo. Nei pressi delle tombe furono trovati ammassati 716 dischi di granito con diametro dai 35 ai 50 cm e con un foro al centro, spessi un centimetro. Questi dischi presentavano su un lato degli strani simboli, mentre sull’altro mostravano un’incisione a spirale che partiva dal centro e terminava sul bordo esterno.

I reperti furono portati in segreto a Pechino e per vent’anni gli scienziati cercarono di tradurre le misteriose iscrizioni dei dischi di pietra.

Fu solo nel 1962 che quando il team guidato dal professor Tsum Um Nui concluse che i manufatti risalivano a 10.000 anni prima e raccontavano la storia di creature aliene chiamate Drog-pa, provenienti da un sistema planetario lontano 12 mila anni luce. Gli indigeni della zona del ritrovamento narrano che in tempi antichi due tribù abitavano in quella zona e che strani esseri giunti dal cielo convissero tra di loro. Le autorità però decisero che il grande pubblico non doveva essere informato delle stupefacenti scoperte e tutto venne messo a tacere. La storia venne divulgata dopo due anni di assoluto silenzio. Le traduzioni dei contenuti dei dischi non furono però prese seriamente da altri luminari e solo dopo altri 25 anni gli archeologi trovarono altre conferme in alcune leggende che circolavano tra gli indigeni del luogo del ritrovamento, leggende che parlavano di piccoli esseri dalle grandi teste e dal colorito giallastro

dischi e i Dropa

Le ultime analisi dei Dischi, eseguite negli anni 60 da alcuni scienziati sovietici, rivelarono che i dischi facevano parte di una specie di circuito elettrico e se messi in rotazione per mezzo di uno speciale fonografo producevano delle vibrazioni e dei ronzi come se fossero stati sottoposti a un intenso campo elettrico, i dischi rivelarono un’alta concentrazioni di cobalto e altri minerali, il che ne rendeva difficile la lavorazione da parte di esseri umani di 10.000 anni fa.

Nel 1974 un ingegnere austriaco, Ernest Wegwrer fotografò uno dei dischi nel museo Bampo di Kiang a Pechino e, in seguito, un disco simile venne alla luce presumibilmente in Nepal.

il prof. Karil Robin Evansche si accorse che il disco, se posato su una bilancia, apparentemente perdeva e acquistava peso. Lo stesso Evans entrato in contatto con il capo della tribù dei Dzopa scopri che gli esseri che costruirono i dischi provenivano dal pianeta Sirio e che due missioni esplorative partirono per il pianeta Terra, una 20.000 anni fa e una 1014 anni prima di Cristo ma a causa di un incidente non riuscirono più a tornare al loro mondo, secondo la leggenda raccontata dal capo tribù, i Dzopa erano i discendenti degli alieni.

Questa è in sintesi la storia, ricercatori, scienziati, archeologi, antiche tribù, UFO crash preistorici, misteriosi manufatti, linguaggi alieni prontamente tradotti, e esseri alieni che giunti sulla Terra si confondono con popolazioni terrestri generando discendenze miste, come fosse cosi semplice tradurre un messaggio da esseri evoluti in maniera totalmente indipendente dalla nostra.

Come si può vedere, non manca nulla, nemmeno gli esseri dalla grossa testa che si schiantano sul nostro pianeta… Ma cosa c’è di vero?

I famosi dischi sono stati creati nel libro “Sungods in Exile” (1978) da Karyl Robin-Evans, che narra di una sua spedizione in Tibet del 1947 e di come venne a conoscenza dei Dropa e dei loro segreti. Nel 1995, però, venne a galla un’altra storia, lo scrittore David Gamon confessò al Fortean Times, di aver scritto Sungods in Exile per scherzo e per mettere alla berlina le teorie di Erich von Däniken, falsificando anche le prove.

Nonostante le ammissioni, Hartwig Hausdorf nel 1998 scrisse il libro “The Chinese Roswell” dove raccontava che il professor Tsum Um Nui della Beijing Academy, era riuscito a tradurre i dischi, purtroppo, però, mai nessuno ha sentito parlare di questo professore che, infatti, non esiste né in Cina né altrove. Tsum Um Nui non è altro che un cognome giapponese scritto, però, ortograficamente in maniera scorretta. I dischi di pietra sono conservati, a detta degli scrittori in vari musei in tutta la Cina, tuttavia, nessuno di questi musei, una volta contattato, sembra conoscerli.

Oliver Melis è owner su facebook delle pagine NWO Italia, Perle complottare e le scie chimiche sono una cazzata.

[amazon_link asins=’B001NL0BJK’ template=’ProductCarousel’ store=’982430213536′ marketplace=’IT’ link_id=’5980cea5-3d49-11e7-a041-33a4626b2a2e’]

 

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: