Monday, 24 Sep 2018

Stirling Castle, l’ultimo castello degli scozzesi

Associato alla regalità scozzese fin dal medioevo, assediato almeno otto volte durante la sua storia, il castello di Stirling passò varie volte di mano tra inglesi e scozzesi. Riconquistato dagli scozzesi nel 1328, durante la prima guerra di indipendenza scozzese, vide le sue difese smantellate per ordine di re Robert the Bruce, con lo scopo di levare agli inglesi ogni utilità nel rioccuparlo.

Il castello di Stirling è particolarmente noto per il ruolo che ha giocato nella storia scozzese ma, in effetti, la sua costruzione risale a ben prima che la Scozia diventasse un concetto politico. Le prime fortificazioni dell’area, infatti, risalirebbero ad oltre 3000 anni fa. Ampliando queste prime fortificazioni la tribù celtica dei Votadini avrebbe costruito una rocca circa 2000 anni fa e, secondo la tradizione locale, i Romani fortificarono ulteriormente la rocca nel 1 ° secolo.

Si dice che Kenneth MacAlpin, noto come il ‘primo re di Scozia’, abbia assediato il castello nel 9 ° secolo ma, secondo gli storici, le storie su MacAlpin sarebbero più mito che realtà. Si tramandano, inoltre, racconti secondi i quali il castello di Stirling sarebbe stato anche la sede della corte di Re Artù.

Nonostante la demolizione delle sue difese ordinate da Robert The Bruce, il ruolo di Castello di Stirling in alcuni dei più importanti eventi storici della Scozia fu ancora determinante. Negli anni successivi, diventò una sontuosa residenza per i monarchi Stewart con Maria, Regina di Scozia e il re Giacomo; ed oggi è una delle più note attrazioni della Scozia: circa un mezzo milione di visitatori è venuto nel 2015.

Testimonianze risalenti al 1110 mostrano che in Scozia il re Alessandro I dispose un pagamento per la manutenzione di una cappella all’interno del castello, segnale che prova un collegamento già forte tra la monarchia scozzese e questo castello. Durante quel periodo, edifici e cortili furono costruiti all’interno dei vecchi bastioni e terrapieni, rendendo il castello una residenza degna di un re, visto che lo stesso re Alessandro vi morì nel 1124. Entro la metà del 12 ° secolo, il castello diventò un centro amministrativo chiave.

Tutti, dai Celti ai Romani ai re scozzesi sono stati attratti dal castello di Stirling, in gran parte a causa della sua posizione.

Il picco scosceso su cui il castello sorge risale ad una eruzione vulcanica di 350 milioni di anni fa. Nel corso dei millenni successivi, la lava è stata sepolta sotto arenaria e ghiaccio. Come gran parte del resto del paesaggio drammatico della Scozia, la roccia deve la sua forma attuale alla fine dell’ultima era glaciale circa 10.000 anni fa: il ghiaccio ritirandosi, scolpì le rocce del territorio scozzese così come ci appaiono ora.

La posizione di questa rocca si rivelò nel tempo particolarmente strategica. Posta a cavallo tra l’intersezione tra le Highlands a nord e ad ovest e Forth Valley Down, con Edimburgo a sud-est, chiunque fece costruire questo castello doveva vederlo come una roccaforte perfetta per il controllo del crocevia tra le due regioni soprattutto potendo controllare il passaggio sull’adiacente e molto frequentato ponte sul fiume Forth, un punto di passaggio chiave tra le Highlands e sud della Scozia. Proprio questa fu la ragione per cui il castello giocò un ruolo chiave in molti del conflitti successivi.

I più noti di questi conflitti furono le guerre di indipendenza scozzesi. Alla fine del 13° secolo, re Giovanni di Scozia si rivelò più rigido del previsto di fronte alle intimazioni del re inglese Edoardo I, arrivando a negoziare un trattato con la Francia contro l’Inghilterra, spingendo Edward ad invadere il territorio e a conquistare il castello di Stirling. Guidati dai leggendari combattenti William Wallace e Andrew Moray, gli scozzesi riconquistarono il castello nella famosa battaglia di Stirling Bridge. Osservando dal castello il sito di quella battaglia si può riconoscere il National Wallace Monument, la torre in pietra costruita in omaggio all’eroe di guerra scozzese.

Ma dopo una pesante sconfitta nella battaglia di Falkirk, gli scozzesi furono costretti a restituire ancora una volta il castello agli inglesi. Le forze scozzesi guidate da Robert the Bruce – futuro re di Scozia – assediarono il castello, riuscendo, infine, a riconquistarlo.

Nel 1304, il castello di Stirling era l’ultimo castello di Scozia ancora detenuto dagli scozzesi, fino a quando Edward, in quell’anno, sconfisse l’esercito scozzese e ne riprese possesso.

Alla morte di Edward, però, avvenuta nel nel 1307, il fratello di Robert the Bruce pose nuovamente assedio al castello di Stirling, con l’intento di riprenderlo per sempre.

Fu in questa occasione che, nel 1314, re Robert the Bruce intercettò i rinforzi inglesi destinati alla protezione del castello a Bannockburn. Stretto tra l’area paludosa Burn Bannock e il fiume Forth, l’esercito inglese fu travolto e distrutto. Questa battaglia è commemorato in quello che è spesso chiamato l’inno nazionale non ufficiale scozzese, Fiore di Scozia.
a pensare di nuovo.

Una statua di Robert the Bruce, insieme alla data della battaglia di Bannockburn – 24 giugno 1314 – è oggi posta nel parco del castello.

Fu a questo punto che re Robert the Bruce fece smantellare le difese del castello per eliminarne l’importanza strategica ed evitare nuove conquista da parte inglese. La guerra di indipendenza scozzese si concluse definitivamente a metà del 14 ° secolo e il primo re Stewart, Robert II, ordinò il ripristino del castello.

I monarchi scozzesi successivi continuarono a rimodellare il sito per le proprie esigenze. Costruttore appassionato fu re Giacomo III (1460-1488), che potrebbe aver posto le basi per la Sala Grande così come la possiamo vedereoggi.

Furono, però, i successori di re a dare al castello il suo aspetto attuale. Cercando di competere con contemporanei come il re d’Inghilterra Enrico VII, Re Giacomo IV fece del vecchio edificio la sua residenza. Recentemente, nel 1999, il castello è stato restaurato completamente anche se il colore il colore mandarino pallido assegnato alla Sala Grande, soprannominato ‘l’oro del re’, ha sollevato qualche controversia ma, secondo gli storici, ripristina in realtà la colorazione che la sala avrebbe avuto nel 1500 sotto James IV.

Re Giacomo V, che salì al trono a solo un anno nel 1513,costruì qui il suo sontuoso palazzo, come residenza per lui e sua moglie, la nobildonna francese Maria di Guisa – la madre di Maria, Regina di Scozia.

Oggi Stirling castle è uno dei più grandi e imponenti castelli della Scozia, è monumento nazionale ed è diretto dall’Agenzia storica nazionale. È anche il quartier generale del reggimento dell’Argyll and Southerland Higlanders, sebbene tale reggimento non sia più stanziato qui da molto tempo.

 

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: