Saturday, 17 Nov 2018

Un “vaccino” che abbassa il colesterolo aiuterà a prevenire malattie cardiache e circolatorie

Gli scienziati hanno testato con successo una terapia che agisce come un vaccino sui topi. Questa terapia dovrebbe proteggere dall’accumulo di alti livelli di colesterolo nelle arterie. È ora in corso uno studio di Fase I  sugli esseri umani per verificare la possibilità di ottenere gli stessi effetti che nei topi.

Si tratta di un’idea un po’ insolita in quanto, normalmente, si parla di vaccinazioni per immunizzare l’organismo da agenti patogeni quali batteri e virus ma ma i ricercatori hanno trovato il modo di utilizzare il sistema immunitario per combattere il colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL), noto anche come colesterolo cattivo. In un documento pubblicato sull’European Heart Journal, i ricercatori spiegano come il vaccino ha insegnato al sistema immunitario come combattere un enzima che ferma la compensazione naturale del colesterolo LDL nel sangue.

L’enzima in questione è il PCSK9 (proprotein convertasi subtilisina / Kexin tipo 9), e il vaccino direttamente legato alla sua riduzione è noto come AT04A. Ci sono già terapie a base di anticorpi approvate che hanno come target il PCSK9 ma si tratta di aiuti esogeni mentre, in questo caso, si stimolerebbe l’organismo a produrre da solo questi anticorpi.

In questo esperimento, i topi sono stati geneticamente modificati e nutriti in modo da indurre colesterolo alto e aterosclerosi. AT04A ha ridotto la quantità totale di colesterolo in questi topi del 53 per cento e il danno da aterosclerosi è sceso del 64 per cento inoltre, i marcatori biologici per infiammazione dei vasi sanguigni sono scesi del 21-28 per cento rispetto ai topi non vaccinati.

“La riduzione dei livelli di colesterolo totale è risultata significativamente correlata con la concentrazione di anticorpi indotta, dimostrando che gli anticorpi indotti causato la riduzione del colesterolo e sono anche il  responsabile ultimo della riduzione dello sviluppo dell’aterosclerosi,” ha spiegato il dottor Günther Staffler, chief technology officer di Affiris (che ha sviluppato il vaccino), coautore della ricerca, in un comunicato. ” Le concentrazioni di anticorpi sono rimaste elevate fino alla fine dello studio e si può supporre che avrebbero continuato a ridurre i livelli di colesterolo per qualche tempo, con un conseguente effetto di lunga durata, come è stato dimostrato in studi precedenti.”

Se il vaccino si dimostrerà in grado di replicare gli stessi effetti benefici sugli esseri umani, potrebbe portare a terapie efficaci di lunga durata che necessiteranno solo di richiami periodici per mantenere nel tempo la loro efficacia.

“Il modo in cui viene somministrato l’AT04A è paragonabile a un vaccino”, ha aggiunto il dottor Staffler. “Tuttavia, la differenza tra un vaccino convenzionale e il nostro approccio è che un vaccino induce anticorpi che sono specifici per proteine ​​batteriche o virali che sono estranei all’organismo mentre AT04A induce anticorpi contro una proteina bersaglio che è prodotta dal corpo. 

I test sull’uomo attualmente in corso indagheranno, oltre che sull’efficacia, anche sulla sicurezza di AT04A su 72 persone. Questo studio di fase I dovrebbe essere concluso entro la fine dell’anno.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: