Saturday, 22 Sep 2018

I videogiochi interferiscono morfologicamente ed operativamente sul funzionamento del cervello

Siete impegnati nel cuore della notte a misurarvi contro il vostro computer e la vostra mente è completamente concentrata sui blocchi del tetris che calano e vanno incastrati nel modo giusto mentre la musica a 8 bit permea l’aria della vostra cameretta. Avete giocato per anni e mai vi siete posti la domanda chiave: che cosa sono questi videogiochi e che effetti hanno sul mio cervello?

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Frontiers in Human neurosciences,  che evidenzia come i videogiochi possano alterare il modo in cui il cervello lavora.

I ricercatori hanno analizzato le prove emerse in 116 studi scientifici indipendenti, tra cui 22 che hanno esaminato i cambiamenti strutturali del cervello. Tra la selezione di studi, un terzo indagavano la dipendenza da videogiochi e circa il 14 per cento di loroerano concentrati sugli effetti della violenza nei videogiochi.

“I Giochi sono stati di volta in volta lodati o demonizzati, spesso senza dati reali alle spalle che appoggiassero tali affermazioni” Così dice Marc Palaus, autore principale dello studio in un comunicato  “e c’è anche da dire che il gioco è, in generale, un’attività estremamente popolare su cui tutti sembrano avere opinioni ben definite.”

Una delle scoperte principali dello studio consiste nell’osservazione che il gioco cambia la connettività strutturale “in quasi tutte le parti del cervello”, come nelle fibre di connessione della corteccia visiva, temporale e prefrontale, così come nell’ippocampo, nel talamo, e nelle fibre di collegamento dei gangli basali.

Particolare interesse ha destato l’effetto dei videogiochi sulla capacità di attenzione. La conclusione generale è stata che effettivamente i giocatori di videogiochi mostrano un miglioramento dell’attenzione nelle sue diverse forme, quali l’attenzione sostenuta o l’attenzione selettiva. E ‘stato anche scoperto che i giocatori accaniti richiedono una minore attivazione per sostenere lunghe sessioni di attenzione su attività particolarmente impegnative.

La sintesi dello studio si può riassumere  nel fatto che i videogiochi possono aumentare le dimensioni e l’efficienza delle regioni del cervello legate alla capacità videospaziali, che sono le competenze che usiamo per navigare e per percepire dove gli oggetti sono in relazione tra di loro. sia giocatori accaniti che i volontari di controllo hanno mostrato di avere, sul lungo termine, l’ippocampo allargato a destra seguendo un programma di formazione a base di videogiochi.

Tuttavia, non è tutt’oro ciò che riluce. I videogiochi sono progettati per gratificarvi con frequenti scariche di dopamina che stimola il centro del piacere e si è scoperto che un’eccessiva attività ludica altera il modo in cui trattiamo i premi, sia funzionalmente che strutturalmente. I cambiamenti neurali appaiono praticamente gli stessi di quelli osservati nelle persone dipendenti da gioco d’azzardo e droga, il che spiega perché alcune persone diventano  ossessionate dai videogiochi  o manifestano palesi sintomi di astinenza.

“Ci siamo concentrati su come il cervello reagisce all’esposizione intensa ai videogiochi, ma questi effetti non sempre si traducono ai cambiamenti della vita reale”, dice Palaus. “È probabile che i videogiochi provochino sia effetti positivi sulla capacità di attenzione e, soprattutto, sulle abilità visive e motorie, che effetti negativi, rappresentati soprattutto dal rischio di dipendenza.”

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: