Saturday, 17 Nov 2018

L’ipnosi regressiva e rapimenti alieni

di Oliver Melis per Reccom Magazine

L’ipnosi regressiva è utilizzata da alcuni psicoterapeuti perché sarebbe in grado di far affiorare, durante periodi di trance, ricordi rimossi a causa di eventi traumatici che influenzerebbero la vita del soggetto, causandone problemi di ordine psicologico. Il termine “regressiva” indicherebbe l’intenzione di stimolare nel soggetto posto in trance la capacità di far riaffiorare esperienze rimosse dal conscio facendo “tornare indietro nel tempo” il soggetto stesso, posto in stato ipnotico, e inducendolo a ricordare eventuali ricordi rimossi di eventi accaduti in un passato più o meno lontano per eliminare i problemi psicologici che questi ricordi acuiti o rimossi creano.

La pratica dell’ipnosi regressiva ha lo scopo di allontanare il soggetto dagli stimoli dell’ambiente, inducendo uno stato di stanchezza e di sonno per indurre uno stato di dormiveglia rilassante. Raggiunto lo scopo si dovrebbe indurre nel soggetto il fenomeno detto di regressione richiamando la capacità di far riaffiorare ricordi e situazioni di un periodo precedente che può arrivare fino all’infanzia. La regressione ipnotica viene attuata da alcuni anche per tornare ancora più indietro nel tempo, cioè a un tempo vissuto dal soggetto che riporterebbe alla luce altre vite passate e finite, magari, in modo brusco che arrivano a segnare con dei traumi anche la vita presente del soggetto stesso.

Secondo alcuni la regressione ipnotica avrebbe la capacità di far affiorare anche i ricordi traumatici rimossi a causa di presunti rapimenti alieni (abduction): Alcune persone credono di essere state rapite dagli extraterrestri e queste affermazioni non possono essere liquidate con due parole ma vanno approfondite. Un presunto rapimento presenta delle prove da vagliare, cicatrici, impianti o minuscoli oggetti che vengono estratti dal corpo dell’addotto o ricordi che, appunto, emergono dal sonno ristoratore della regressione ipnotica.

Il recupero di un ricordo rimosso  avviene attraverso dei processi che coinvolgono la sfera culturale che più si adatta ai ricordi rinvenuti da chi pratica la regressione stessa. Gli addotti che presentano dettagliati ricordi del rapimento e degli alieni vengono in pratica guidati dai terapeuti in un percorso di ricostruzione che sfocia nel solito cliché di alieni piccoli, grigi e dalla testa a pera.

Questa pratica non è consigliata da alcun manuale o istituzione medica ma, nonostante ciò, la regressione gode di un notevole sostegno popolare. Non tutti sanno o accettano che è stato ripetutamente provato che non è possibile distinguere tra veri ricordi repressi o ricordi che si formano e fissano grazie alle stimolazioni indotte dalla pratica di regressione. E’ ancora da dimostrare che ricordare un trauma sia essenziale per risolvere un problema. La mente non funziona come un registratore, essa funziona in modo differente, noi percepiamo una parte della realtà che ci circonda e rimescoliamo in continuazione i ricordi.

La rivista Pacific Standard ha definito la terapia di recupero della memoria come l’idea più pericolosa nel campo della salute mentale. Infatti nel 2005 il professore di psicologia Richard McNally del Harvard University scrisse una lettera alla Corte Suprema degli Stati Uniti affermando che “La convinzione che gli eventi traumatici possano essere repressi e poi recuperati è il più pericoloso pezzo di folklore che abbia mai infettato la psicologia e la psichiatria.

[segue]

Oliver Melis è owner su facebook delle pagine NWO ItaliaPerle complottare e le scie chimiche sono una cazzata

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: