Thursday, 20 Sep 2018

Tito Boeri: minaccia alle pensioni INPS se chiudono le frontiere

di Emidio Melis

Qualcosa non torna e prontamente terrorizzato, Tito Boeri si appresta a mettere in guardia gli italiani sul futuro delle proprie pensioni.

L’economia italiana è un alternarsi di giochi più o meno innocenti e quando vengono resi noti i suoi infiniti comunicati, sembrano girare di vento in vento ‘politico’ differenziandosi dall’oggi al domani. Il cittadino è sempre più colpito dall’imposizione di certe notizie, che vagano nel tentativo di comunicare l’avvenimento di qualche beneficio, grazie alle nuove tasse introdotte, a quelle risparmiate, al jobs act, all’aumento delle esportazioni, alle migliaia di assunzioni, al calo della disoccupazione, agli incentivi ai lavoratori, alla cassa integrazione, l’annunciato aumento delle pensioni; tutto, declamato con tanto di ‘banda’ e qualche giorno dopo inspiegabilmente sconfessato dalle nuove statistiche e da nuovi inspiegabili conti.

Gli allarmismi INPS

Fortunatamente l’italiano è ‘allenato’ a sentire le sorprendenti ‘c……’, che a ogni levar del sole sono comunicate da titolari o dipendenti dei ministeri italiani. Nell’estate 2015, in seguito allo smacco tremendo che subì l’economia italiana, quando sembrava qualcuno volesse comprarci, tanto eravamo caduti in basso, Tito Boeri disse: “La crisi ha colpito chi era già in difficoltà”, ‘evidenziando un’evidenza’ che ha lasciato il sorriso sulle labbra. A questo si aggiunse il ‘tenace’ allarme nella relazione INPS, quando comunicò in diretta Tv: “Il rischio di povertà è aumentato per i disoccupati”. Qualcuno griderebbe “GENIO!” se oggi potesse ricordarlo, ma purtroppo la ‘cosa’ non si ferma qui e fa riflettere su quali siano le vere necessità del Governo, per mettere fine al programma “Svendiamo l’Italia”. Convinzione di molti italiani su quello che sta avvenendo da qualche anno.

L’apertura delle frontiere ci ha condannati

Si! Sembrerebbe questa la risposta che milioni d’italiani sarebbero pronti a dare, alla fatidica domanda sull’apertura frontiere, causa della nostra disfatta. Ovviamente non è il solo motivo e come si sa, grazie all’abnegazione di migliaia di politici pronti a sedersi al Governo, il denaro accumulato, estorto ogni anno ai contribuenti, non è più in grado di sostenere l’enorme ‘fabbisogno’ dei nuovi parlamentari e le ricche pensioni dei vecchi. Qualcuno può dire il contrario? Così siamo arrivati agli ingenti sbarchi d’immigrati, clandestini e non, che stanno lentamente affondando l’Italia e per qualche strano commento, che sembra rimbalzare sui media, arricchendo le tasche di qualche interessato al loro massiccio approdo. In loro difesa si schiera Tito Boeri, avvertendo immantinente che non possiamo perdere una così importante opportunità. Quale? Vediamo.

Chiusura frontiere minaccia pensioni INPS

Una nuova minaccia finanziaria alle pensioni INPS se si chiuderanno le frontiere, avverte il presidente Tito Boeri da cui oggi vogliamo spiegazioni. Con nuove statistiche e conti alla mano, Boeri è preoccupato e dice: “I migranti sono la vita continuata delle nostre future pensioni”. Parole che ci fanno rimpiangere quelle elargite dopo soli 15anni di lavoro, quando tutto sembrava andare bene. In molti però non credono sia la strada giusta. Perché? Al flusso d’immigrati bisogna dare un lavoro; ma quale? Se non c’è per gli italiani com’è possibile trovarlo a loro? Forse si spremeranno ulteriormente i fondi pubblici, sovvenzionando a nostre spese, quei lavori che pagano le tasse con le nostre stesse tasche. Molti cittadini sono preoccupati dalla marea d’immigrati che ‘annunciano’ un futuro senza sole. Equiparare i contributi versati alla pensione ricevuta sembra utopia e a pagarne le conseguenze sarà chi non andrà mai in pensione perché, per età o salute, un domani l’avrà solo versata.

Emidio Melis è owner del blog “Scrivere che passione” e del gruppo facebook “News di cronaca dall’Italia e dal mondo

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: