Monday, 19 Nov 2018

L’uomo falena


di Oliver Melis per Aenigma

Point Plessant è una cittadina degli Stati Uniti situata nel West Virginia. Questo luogo è stato reso famoso nel 1966 da un curioso fatto di cronaca che lo fece conoscere in tutto il mondo.

Era la sera del 15 novembre quando due coppie stavano percorrendo sulla stessa macchina la provinciale che li avrebbe ricondotti a casa. All’altezza di una fabbrica di tritolo abbandonata dopo la fine della seconda Guerra Mondiale, scorsero due forti luci rosse, simili a due fari.

L’uomo falena – Mothman

Incuriositi accostarono e scesero dalla vettura per vedere di cosa si trattasse. Scoprirono che quei fari erano in realtà dei enormi occhi. Di fronte a loro c’era una creatura semi-umana, alta più di due metri, priva di collo e ricoperta da una peluria grigia e ali da pipistrello raccolte dietro la schiena. Spaventati, risalirono in auto e fuggirono a tutta velocità verso il centro abitato. Il loro incubo, però, era appena iniziato.

L’essere prese il volo e attaccò dall’alto l’automobile. La creatura aveva un’ impressionante apertura alare di quattro metri, una velocità in volo che sfiorava i 160 chilometri orari planando sul tettuccio della vettura e fissandoli dal parabrezza con i suoi occhi rossi. Forse i primi lampioni e le prime abitazioni dovettero farlo desistere poiché, come era apparso, scomparve nella notte. Sconvolti, i ragazzi si precipitarono al comando di polizia e raccontarono l’accaduto allo sceriffo. In altri casi, tutta questa storia sarebbe finita nel dimenticatoio. Ma non si trattava di ragazzi soliti a fare bravate.

La notizia, come spesso capita, arrivò alle orecchie di un giornalista locale che scrisse un articolo a riguardo. Fu lui a battezzare con ogni probabilità lo strano mostro “Mothman” o uomo falena probabilmente ispirato dalla serie Batman in onda proprio in quell’anno. L’avvenimento non fu l’unico, tra il 1966 e il 1967 furono oltre 100 le apparizioni nella zona dello strano essere. Il giorno dopo altri quattro testimoni avvistarono il mostro in volo sopra l’area dei capannoni TNT utilizzati come deposito per la dinamite.

Il 25 novembre un testimone vide il mostro in pieno giorno mentre spiegava le ali per cercare di seguire il suo furgone. Il 26 novembre una donna si trovò il mostro di fronte nel suo giardino. Mothman divenne per alcuni un presagio di morte perché si narra che apparisse in luoghi di presunti disastri. Ma come veniva descritta la creatura? Il mostro veniva descritto come un essere di grandi dimensioni, fino a tre metri di statura con grandi occhi rossi e testa incassata nel busto con grandi ali che alcuni descrivono come quelle di un pipistrello.

Per tredici mesi ci furono continue segnalazioni che culminarono il 15 dicembre del 1967 con il crollo del Silver bridge, ponte costruito sul fiume Ohio. Un Ufologo, John Keel si interessò al mistero e indagò sul mostro per circa dieci anni. Keel raccontava di telefonate dove un misterioso personaggio lo informava di future sventure, diceva anche che spesso nei luoghi degli avvistamenti si notavano dei Man in black con delle strane apparecchiature.

Vennero fatte le più strane congetture sul presunto mostro volante, venne collegato agli UFO o a esperimenti militari sfuggiti di mano, visto che spesso veniva avvistato nei pressi di un deposito dismesso di tritolo in uso nella seconda guerra mondiale. Il 15 dicembre del 1967 un tragico evento fu collegato alla presenza del mostro volante nella cittadina di Poin Pleasant, il ponte Silver bridge costruito sul fiume Ohio crollò causando la morte di 46 persone. Keel sosteneva che in qualche modo il mostro volesse mettere in guardia gli abitanti della cittadina comparendo poco prima dei disastri. Keel sostiene la stranezza del crollo e delle dinamiche con i due semafori sul rosso e l’accumularsi del traffico.

Loren Coleman, autore del bestseller sulla vicenda “Mothman”, (Mothman and Other Curious Encounters), afferma:“C’è gente che mi ha scritto dicendo che strane creature sono state avvistate anche dopo l’11 settembre”. mentrer Rick Moran, un giornalista che ha condotto per la rivista Fortean Times  un’indagine sul caso, non vede particolari misteri in quell’episodio. “Non credo che il crollo del ponte sia veramente collegato alla vicenda di Mothman”. L’indagine che si svolse all’epoca, infatti, determinò che il crollo fu dovuto a una serie di eventi: il deterioramento del metallo, un cedimento strutturale, il cattivo tempo e l’accumularsi del traffico sul ponte. Tutto ciò contribuì al crollo del ponte.

Moran ha intervistato tutti coloro che ancora vivevano a Point Pleasant e che avevano assistito a qualcosa di strano tra il 1966 e il 1967. “Le versioni dei testimoni corrispondevano a quelle date tanti anni prima” dice Moran. “Più le domande si facevano specifiche e più mi convincevo che i testimoni avevano effettivamente visto qualcosa”.
Che cosa?“

Un fatto che colpisce, come spiega Joe Nickell, esperto nella soluzione di misteri ed enigmi paranormali. “La creatura aveva occhi luminosi come i fari di un automobile. Ora, chi come me si interessa di ornitologia saprà che di notte gli occhi di alcuni uccelli risplendono di colore rosso se illuminati da una torcia o dai fari di un auto. Il rosso che si vede non è il colore dell’iride, ma quello della membrana vascolare sottostante”.

Nella Virginia dell’Ovest e in altre zone esiste una creatura alata, che ha abitudini notturne e grandi occhi rotondi, che sembrano rossi se illuminati. Ha il collo incassato tra le spalle, ha ali molto grandi, lunghe zampe e ricorda da vicino i disegni fatti dai testimoni che dissero di avere visto Mothman.

Stiamo parlando di un barbagianni, un uccello che si muove solo di notte e che per questo si vede raramente e può indubbiamente spaventare chi se lo dovesse trovare davanti. Certo non ha le dimensioni di un uomo, ma, grazie all’estesa apertura alare e alle lunghe zampe, può apparire più grande di quello che effettivamente è.

“Il buio, la sorpresa, la paura e altri fattori emotivi possono alterare il ricordo e la percezione di quanto è stato probabilmente visto e, cioè, un barbagianni”.

Ufo, alieni, esperimenti genetici, mostri da altre dimensioni, il tentativo di spiegare i fatti di Point Pleasant sono stati tanti ma davano più domande che risposte.

Un paio di giorni prima alcuni operai che lavoravano in un cimitero videro l’essere volante ma solo dopo il susseguirsi degli eventi raccontarono dell’avvistamento, forse suggestionati dai fatti.

Oliver Melis è owner su facebook delle pagine NWO ItaliaPerle complottare e le scie chimiche sono una cazzata.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: