Thursday, 20 Sep 2018

Cercheremo la vita sulle lune Encelado ed Europa

Continua la ricerca della vita nel sistema solare. Dopo Marte l’attenzione si è ora spostata su alcune grandi lune, satelliti dei giganti Giove e Saturno.

Uno degli oggetti più interessanti da questo punto di vista è, secondo gli scienziati, Encelado, la luna incrostata di ghiaccio di Saturno. Analizzata dalla sonda spaziale Cassini della Nasa e dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), la luna è caratterizzata dai geyser d’acqua che spruzzano dal suo polo sud, probabile segno della presenza di un oceano liquido a diversi chilometri sotto la superficie. Cassini ha scoperto che l’acqua di Encelado contiene tutti gli ingredienti di base per la vita come lo conosciamo: carbonio, azoto e una fonte di energia disponibile in forma di idrogeno.

Europa (Credito: Nasa)

La luna di Giove Europa è però essere uno dei luoghi più probabili del sistema solare per portare la vita (Credit: Nasa)

Ma Cassini restano solo poche settimane prima di affrontare la sua morte tuffandosi nell’atmosfera di Saturno.

La NASA sta quindi esaminando la possibilità di inviare una missione specifica su Encelado per effettuare analisi più complete e verificare se sia possibile trovare tracce di vita.

Encelado, tuttavia, è solo uno dei diversi mondi del sistema solare coperti di ghiaccio dove siamo certi sia presente acqua allo stato liquido, in grado, forse, di ospitare vita microscopica. Ci sono altri candidati credibili e, precisamente,  le lune di Giove Europa, Callisto e Ganymede e perfino la lontanissima luna di Nettuno, Triton, potrebbe essere abitabile per forme di vita adattate a condizioni estreme.

Europa è forse il bersaglio più conosciuto per l’esplorazione. Già negli anni ’60 gli astronomi pensavano che la luna potesse ospitare la vita. Lo scrittore Arthur C Clarke, nel suo romanzo “2001:odissea nello spazio” vi immaginava piante giganti in grado di crescere sotto il ghiaccio. Osservazioni della sonda Galileo della Nasa alla fine degli anni ’90 dimostrarono che Europa ha un oceano di acqua di circa 15-20 km di profondità sotto la sua crosta ghiacciata. Ci possono anche essere aree in cui laghi d’acqua potrebbero essere intrappolati nel ghiaccio.

Mentre dovremo aspettare qualche decennio per tornare su Encelado, Europa sarà presto studiata dettagliatamente. L’Esa sta costruendo una nave spaziale nota come Juice , che sta per Jupiter Icy Moons Explorer. Il lancio avverrà nel 2022, poi la sonda entrerà nell’orbita di Giove e farà studi dettagliati su Europa, Ganymede e Callisto.

Test di trapano a ghiaccio (Credit: NASA)

L’acqua liquida sarà probabilmente raggiunta da un robot perforando attraverso gli strati di ghiaccio (Credit: NASA)

la Nasa, da parte sua, ha pianificato per il 2020 la missione Europa Clipper. Questa sonda spaziale robotica è progettata incontrare Europa circa 40 volte e fare uno studio dettagliato della sua superficie.

Nel frattempo, al Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena, gli ingegneri stanno già lavorando al passo successivo: la progettazione di lander robotici e sistemi di campionamento per questi mondi gelidi.

“Le lune celle sono luoghi estremamente impegnativi per operare”, dice l’ingegnere robotico, Hari Nayar. “Sono fredde, dure robuste e solo arrivare al liquido, attraverso parecchi chilometri di ghiaccio, è una sfida incredibilmente difficile”.

Nayar prevede una serie di missioni effettuate con un lander che culmineranno nell’invio di un robot che dovrebbe perforare lo strato di ghiaccio. “Non abbiamo ancora risolto del tutto questo problema”, ammette, “ma ci sono molte persone intelligenti al JPL”.

La sua squadra ha sviluppato una serie di concetti, tra cui un rover per Europa e un sistema di ancoraggio che utilizza pali riscaldati per bloccare gli strumenti nel ghiaccio. Le tecnologie per prelevare campioni da sotto la superficie includono un robot riscaldato alimentato da un piccolo reattore nucleare che dovrebbe essere in grado di sciogliere la crosta ghiacciata. Un altro progetto prevede di ottenere delle carote trivellando il ghiaccio per analizzarlo a varie profondità.

Cassini spaziale (Credit: NASA)

La nave spaziale Cassini avrebbe potuto esaminare i pennacchi d’acqua di Encelado, ma, tra poche settimane, si tufferà nell’atmosfera di Saturno (Credit: Nasa)

Questi progetti, però, non sono previsti per la fase operativa prima dei prossimi 10 – 15 anni.

Trovare una forma di vita – per quanto semplice – su mondi una volta considerati lune morte, sarebbe una delle scoperte più importanti di tutti i tempi. Significherebbe che la vita potrebbe essere comune in tutto l’Universo.

 

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: