Sunday, 18 Nov 2018

Il mistero della scialuppa abbandonata alla fine del mondo

Non esiste più posto terribile sulla terra.

L’isola di Bouvet si trova nella parte più estrema dell’Oceano Meridionale, costantemente battuta dalle tempeste, a sud delle Forties Roaring. Si tratta di una macchia di ghiaccio in mezzo a desolazione congelata: pochi chilometri quadrati di basalto vulcanico disabitato coperto da centinaia di metri di ghiacciaio, spesso avvolta dalla nebbia marina, completamente priva di alberi o rifugi, priva anche di luoghi adatti all’atterraggio.

Quest’isola è la sede di un mistero.

Cominciamo questo racconto all’inizio. Bouvet è spaventosamente isolata; La terra più vicina è la costa dell’Antartide, 1.750 km a sud, leggermente più lontane sono Città del Capo e Tristan da Cunha.

L’isola ha una storia piuttosto interessante. Fu scoperta il 1 ° gennaio 1739 dal francese Jean-Baptiste Bouvet de Lozier. L’isola non è stata fissata sulle carte nautiche fino al 1898.

I primi esploratori a cartografarla i marinai del peschereccio norvegese nel 1927. Furono anche i primi ad avventurarsi sull’altopiano centrale di Bouvet, che sale a circa 780m sul livello del mare e consiste di un paio di ghiacciai che coprono i resti di un vulcano ancora attivo. Horntvedt prese possesso dell’isola in nome del re Haakon VII, ribattezzato Bouvetøya (che significa semplicemente “l’isola di Bouvet” in norvegese), lo ha approssimativamente mappato e ha lasciato una piccola cache di disposizioni sulla riva a beneficio di tutti i marinai naufraghi. [Baker pp.72-3]

Mappa dell’isola di Bouvet come è oggi. La Nyrøysa, dove è stata scoperta la misteriosa scialuppa, si può vedere nella parte nord-occidentale della costa.

Il 2 aprile 1964 una spedizione sudafricana raggiunse l’isola. Il responsabile era il tenente comandante Allan Crawford, Un veterano britannico dell’Atlantico meridionale [Crawford pp.45-114], ed è stato lui a scoprire la misteriosa imbarcazione abbandonata: semiaffondata, evdentemente non manutenuta da tempo ma in condizioni abbastanza buone per poter navigare.

Non esistevano segni per identificare l’origine o la nazionalità. Sulle rocce a cento metri di distanza si trovava un serbatoio da quarantacinque galloni e un paio di remi, con pezzi di legno e un serbatoio di galleggiamento di rame aperto per qualche scopo. Pensando che fossero oggetti portati da dei naufraghi, effettuammo una breve ricerca, ma non resti o segni di presenza umana.”

[Crawford pp.182-3]

Mappa geologica della Nyrøysa di Peter Baker. La barca di salvataggio è stata trovata nella più grande e più settentrionale delle due lagune (nero ombreggiato) sulla nuova piattaforma lavica.

Era un mistero degno di un’avventura di Sherlock Holmes. L’imbarcazione, che Crawford descrisse come “una barca di salvataggio priva di qualsivoglia segno di identificazione“, deve provenire da una nave più grande. Ma nessuna rotta commerciale è mai passata entro mille miglia da Bouvet. Se si trattasse effettivamente di una scialuppa di salvataggio, allora, da quale nave era venuta? Quale spettacolare navigazione l’aveva portata là attraverso centinaia di miglia di mare? Ma la domanda più inquietante era una sola: cosa ne era stato dell’equipaggio?

In realtà, nessuno oltre Allan Crawford sembra aver avuto il minimo interesse per il mistero. Niente articoli sui giornali dell’epoca né ulteriori dettagli sulla barca stessa, tantomeno degli elementi che si trovavano sulla riva.

Quasi tutto quello che abbiamo è costituito dalle scarne annotazioni di di Crawford, una certa conoscenza della storia dell’isola Bouvet e alcune conclusioni di buon senso riguardo al comportamento probabile dei marinai naufraghi. Con questi elementi è possibile costruire almeno tre possibili ipotesi che potrebbero spiegare la presenza della scialuppa.

Cominceremo con l’indicazione dei fatti che possiamo stabilire. In primo luogo, è chiaro che la barca deve essere arrivata a Bouvet ad un certo punto nei nove anni tra il gennaio 1955, quando la Nyrøysa non esisteva e l’aprile 1964, quando un’eruzione generò questa piattaforma. Si tratta di un periodo di tempo ragionevolmente limitato, e se la scialuppa era veramente una barca di salvataggio, dovrebbe essere possibile stabilire da quale nave provenisse. In secondo luogo, Crawford non vide segni di alcun campo, rifugio, fuoco o cibo. Inoltre, la presenza di una pesante barca in una laguna situata a meno di 30 metri dalla riva suggerisce che sia arrivata all’isola con un equipaggio completo o quasi, sufficiente a trascinarla su un terreno piuttosto ruvido.

Prendiamo innanzitutto la possibilità che la barca sia quella che sembrava essere: una scialuppa di salvataggio proveniente da un naufragio. Sarebbe certamente la spiegazione più drammatica e romantica, e spiega alcune delle cose che Crawford ha annotato: come mai la scialuppa fosse arenata nella laguna e non trascinata sulla riva, probabilmente i passeggeri erano uomini che non sapevano se avrebbero avuto ancora bisogno di quella barca e come mai vi fossero solo due remi, essendosi, probabilmente, persi gli altri in mare durante una traversata terribile.

Ci sono comunque molte cose che non si adattano all’ipotesi di salvataggio, le più evidenti delle quali sono la mancanza di attrezzature e l’assenza di due corpi o di un campo. Non ci sarebbe alcuna buona ragione per un gruppo di sopravvissuti per allontanarsi dal Nyrøysa; È lontano dalla neve, almeno durante l’estate ed è l’unica grande area pianeggiante di terra su tutta l’isola. Ma se un gruppo di sopravvissuti si fosse insediato in questa piccola area e avesse finito per morirvi, tracce di un accampamento, per non parlare dei resti dei loro corpi, avrebbero dovuto essere rinvenuti anche nella ricerca più superficiale.

Forse i naufraghi preferirono spostarsi verso l’interno e sono morti altrove sull’isola? Improbabile. Le scogliere di ghiaccio di Bouvet sono alte e altamente inclini alla valanga, quindi sarebbe molto pericoloso cercare di muoversi all’interno o di accamparsi troppo vicino a uno dei vertiginosi margini rocciosi che abbondano sull’isola. Oltre a ciò, le fonti più evidenti del cibo – le foche di Bouvet e gli elefanti marini – si riuniscono sul Nyrøysa. Non c’era bisogno reale di caccia altrove, a meno che i sopravvissuti non fossero stati sull’isola per tanto tempo e avessero spazzato via la popolazione animale locale ma, se così fosse, i segni di un accampamento dovevano essere doppiamente evidenti. Gli uomini avrebbero sicuramente lasciato i resti di fuochi e pasti a base di elefante di mare.

Infine, perché un gruppo di sopravvissuti, benché ben attrezzati, avrebbe lasciato la barca a galleggare nella laguna? Era l’unico rifugio prontamente disponibile che avevano su un’isola dove, anche in estate, la temperatura media si aggira intorno a zero.

Meno probabile, ma non del tutto impossibile, è l’ipotesi che la scialuppa si sia avvicinata a Bouvet senza equipaggio a bordo. Magari la scialuppa era stata in giro per l’Oceano Meridionale, forse per anni, prima di arenarsi sull’isola. Questa teoria ha la virtù della semplicità, e spiega certamente perché non c’erano segni per identificare la sua origine o la nazionalità, per non parlare dell’assenza di segni di vita sulla riva.

Una terza possibilità è che la barca abbandonata da una nave sconosciuta che capitata Bouvet tra il 1955 e il 1964. Questa ipotesi spiega in modo più convincente la presenza della scialuppa;

L’ipotesi che la barca abbandonata appartenesse ad un gruppo di sbarco ha un altro vantaggio: spiega l’assenza di corpi, di un accampamento e di attrezzature. Supponiamo, ad esempio, che un gruppo di uomini sia sbarcato con due barche, ma abbia poi evacuato l’isola su una sola per qualsivoglia motivo  ecco che si spiega la presenza dell’imbarcazione abbandonata e sarebbe abstato qualche anno di esposizione alle intemperie dei duri inverni della zona per cancellare i segni identificativi dalla scialuppa.

Eppure, anche questa spiegazione, benchè attraente, presenta grossi buchi. Perché un gruppo di sbarco abbandonerebbe una barca così preziosa e apparentemente in buone condizioni?

Un’ultima ipotesi: quelli erano gli anni della guerra fredda e non è difficile immaginare americani e sovietici in gara per occupare le posizioni strategiche più importanti anche in luoghi lontani ed inaccessibili come il profondo mare meridionale. Forse quella scialuppa e quei pochi resti di attrezzature non sono altro che quanto resta di uno scontro mai dichiarato tra esploratori o militari americani e sovietici oppure fu tutto lasciato lì da qualcuno che fu sgombrato in tutta fretta in elicottero prima dell’arrivo di qualcun altro.

Forse non lo sapremo mai.

fonti

PE Baker. «Note storiche e geologiche su Bouvetoya». Bollettino d’indagine britannico antartico 13 (1967).

Allan Crawford. Tristan da Cunha e le forti Roaring . Edimburgo: Charles Skilton, 1982.

Rupert Gould. “Le Auroras e le altre isole dubbiose”. In stranezze: un libro di fatti inspiegabili . Londra: Geoffrey Bles, 1944.

Charles Hocking. Dizionario dei disastri in mare durante l’età del vapore, comprese le navi da navigazione e le navi di guerra perdute in azione, 1824-1962 . Londra: London Stamp Stamp, 1989.

Norman Hooke. Vittime marittime, 1963-1996. Londra: Lloyd’s di London Press, 1997.

DB Muller, FR Schoeman e EM Van Zinderen Bakker Sr. ‘Alcune note su una ricognizione biologica di Bouvetøya (Antartico)’. Giornale della scienza sudafricana , giugno 1967.

Henry Stommel. Isole perse: la storia delle isole che sono scomparse dalle carte nautiche . Victoria [BC]: Università di British Columbia Pess, 1984.

EM Van Zinderen Bakker. «Il sondaggio biologico e geologico sudafricano delle isole Marion e Prince Edward e la spedizione meteorologica all’isola di Bouvet». Journal of Scienza Sudafrica 63 (1967).

BP Watkins et al. ‘Ricerca scientifica all’isola di Bouvet, 1785-1983: una bibliografia .’ Journal of South African Antarctic Research 25 (1984) .

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: