Friday, 21 Sep 2018

Tessuti dalle bucce d’arancia: Orange fiber, un esempio di eccellenza italiana

di Francesca Marchese

Dalla moda all’energia – la buccia e le sementi dei agrumi famosi agrumi siciliani, le arance, vengono utilizzati in una serie di iniziative imprenditoriali più ecologiche e più sane.

Nel 2011, Adriana Santonocito era studente di design a Milano quando ha avuto l’idea di produrre tessuti sostenibili da ciò che era naturalmente abbondante e ampiamente sprecato nella sua città natale, Catania, in Sicilia.

La sua sfida era quella di trovare un modo per mettere a frutto i residui di centinaia di migliaia di tonnellate di arance.

Ora, grazie al suo pensiero creativo, è possibile fare interi articoli di abbigliamento utilizzando fibre che hanno origine dal frutto.

Processo chimico

Il concetto di Santonocito è stato ispirato da una domanda posta nella sua tesi universitaria. Potrebbe essere realizzato un lussuoso foulard di seta da sottoprodotti degli agrumi che altrimenti sarebbero gettati via o utilizzati per alimentare il bestiame?

Laboratori Fiber ArancioneImmagine copyright: ORANGE FIBER reagenti chimici per separare la cellulosa dai resti delle arance

La questione è particolarmente rilevante in Sicilia, dove ogni anno vengono vendute migliaia di tonnellate di agrumi, producendo enormi quantità di rifiuti.

La 39enne ha trovato la sua risposta nei laboratori dell’università e ha registrato un brevetto apposito.

Era già noto che la cellulosa potrebbe essere estratta dalle scorie delle arance. Ma la signora Santonocito ha scoperto che, utilizzando reagenti chimici, questa cellulosa può essere estratta sotto forma di un filato che può essere tinto e miscelato con altri tessuti, come il cotone o il poliestere.

Insieme con la suo collega universitaria Enrica Arena, nel 2014 fondò Orange Fiber e cominciarono a vendere i filati di seta all’arancia ad aziende dell’industria dell’abbigliamento.

Adriana Santonocito e Enrica ArenaImmagine copyright: ORANGE FIBER Adriana e Enrica dirigono ora un’azienda con 12 dipendenti

Quest’anno, Salvatore Ferragamo ha usato il loro tessuto nella sua collezione primavera-estate con l’obiettivo di rendere più sostenibili le sue magliette, gli abiti ed i foulard di fascia alta.

Orange Fiber, che ora ha un team di 12 persone, opera da uno stabilimento locale per la trasformazione di succhi, da cui ottiene gratuitamente il materiale di scarto.

L’attività è parzialmente stagionale, essendo operativa soprattutto nei mesi dell’anno in cui si lavora il succo di frutta all’arancia. Ma una volta che le bucce d’arancia sono state trasformate in cellulosa, questa può essere immagazzinata per essere utilizzata in seguito.

Antonio Perdichizzi, investitore precoce di Orange Fiber, afferma che l’azienda si è distinta perché, a differenza delle start-up più innovative in Italia, non è digitale.

Le bucce aromatiche dopo i frutti sono state spremuteImmagine copyright: ORANGE FIBER Orange Fiber utilizza le scorie delle arance

L’Italia non investe molto nell’innovazione, ma idee e abilità brillanti vincono malgrado la mancanza di risorse“, aggiunge.

Rosario Faraci, professore di affari, economia e gestione presso l’Università di Catania, afferma che l’azienda è un esempio di come “la creatività e lo spirito imprenditoriale” stia creando nuovi posti di lavoro e attività nella regione.

Fibra – non grassa

Le arance potrebbero anche essere utilizzate per rendere le cibarie più sane e durature grazie ad una nuova procedura che le trasforma in un’innovativa farina senza grassi.

La nuova tecnica è attualmente in fase di test presso l’Università di Catania ed i risultati sono incoraggianti.

Al momento, quasi tutti i panettieri utilizzano grassi, come il burro o la margarina nella loro cucina.

Ma secondo la ricerca, metà di questo grasso potrebbe essere sostituito utilizzando farina ottenuta da cotogne, semi e parte della polpa non utilizzata per la produzione di succhi di frutta.

Brioche fatto usando la farina arancioneImmagine copyright: ORIETTA SCARDINO I cuochi locali e gli chef pasticcini di Acireale, vicino a Catania, amano la nuova farina

Come nel caso di Orange Fiber, i ricercatori ottengono le materie prime necessarie al processo dai fabbricanti di succhi di frutta locali. Lavano le scorie per rimuoverne il sapore amaro, poi le essiccano e sbiancano ciò che rimane.

Salvatore Barbagallo, professore di agricoltura all’Università di Catania, afferma che la farina è “perfettamente sostenibile” e non costa quasi nulla per produrre. Inoltre non ha “alcun impatto” sul gusto e la fragranza del cibo che lo contiene.

Fonte: BBC

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: