Friday, 16 Nov 2018

I nuovi vampiri del sangue degli adolescenti

La premessa a tutto il discorso è che ci sono poche prove convincenti che il sangue dei giovani è in grado di rallentare l’invecchiamento negli esseri umani da una certa età in avanti. Questo sembra bastare ad alcune organizzazioni per comprare il sangue da giovani donatori, adolescenti o poco più, per farne una specie di cura per la vecchiaia.

Come raccontato dal The Sunday Times, negli Stati Uniti è in forte crescita la domanda di sangue di adolescenti con prezzi che arrivano fino a 7940 dollari per una singola trasfusione. A cosa è dovuto questo fenomeno?

Nel 2016, una società denominata Ambrosia, il nome della mitica bevanda degli dei greci, apportatrice di immortalità, ha annunciato di voler commercializzare trasfusioni di sangue da giovani ad anziani con la scusa di volerne studiare l’effetto biologico.

A proposito di questo, molti studi hanno evidenziato che, in effetti, questo processo funziona nei topi, ma pochi sono gli studi condotti su esseri umani per confermare che funzioni anche sugli esseri umani.

Ambrosia ha avviato al raccolta di sangue e ha cominciato a raccogliere adesioni per il suo progetto stabilendo che l’età minima per partecipare allo studio deve essere 35 anni e richiedendo ai volontari un contributo di 8000 dollari a testa per partecipare al progetto. Curiosamente per uno studio, non si è stabilito nessun gruppo di controllo.

Bene, alla fine il progetto è partito e sono circa un centinaio i volontari che hanno aderito e che stanno ricevendo la loro donazione periodica di sangue giovanile.

A quanto è dato sapere, Il sangue utilizzato viene da banche di sangue registrate ed è quasi certo che il denaro dato dai volontari sta pagando, almeno in parte, per queste fiale insolitamente preziose.

Parlando ai giornalisti, il medico responsabile del progetto Jesse Karmazin ha affermato che il processo è attualmente in corso, spiegando che si tratta di “una specie di chirurgia plastica, solo, praticata all’interno invece che esteriormente“.

Secondo Karmazin, “non si può dire con certezza che questo fornirà l’immortalità, ma credo che ci andrà molto vicino“.

 

Non sose queste inoculazioni di sangue giovanile possano effettivamente prolungare la vita e mantenere la giovinezza quello che, però, ci appare evidente è che, se dovesse essere confermato un qualche effetto positivo, andremo incontro a grossi rischi etici, con tanti giovani adolescenti che potrebbero essere trasformati in forzati della produzione ematica allo scopo di favorire questi vecchi, ricchi, vampiri che non si rassegnano al ciclo naturale delle loro vite.

A me, francamente, sembra una prospettiva terrificante.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: