Tuesday, 20 Nov 2018

“Bussando alla porta dell’eternità” – La missione Voyager della NASA compie 40 anni

La missione Voyager ha inviato alla Terra le prime vedute ravvicinate di Urano e Nettuno. Ha rivelato “raggi” negli anelli di Saturno e dettagli sulla tempesta di Giove che non erano mai stati visti né immaginati. Ha fotografato i pennacchi vulcanici di Io e ha scoperto il potenziale della vita sulle lune Encelado e Titano.

Nel 2012, Voyager 1 lasciò il nostro sistema solare e entrò nello spazio interstellare. È l’oggetto creato dall’uomo più distante dalla Terra e continua a raccogliere e trasmettere informazioni preziose agli scienziati – utilizzando ancora il suo antiquato registratore a 8 tracce.

“Per me, la cosa migliore di questo anniversario e la celebrazione che tutti sembrano fare è solo avere l’opportunità di passare un po ‘di tempo a ricordare quello che tutti abbiamo realizzato tanto tempo fa con così poco”, dice Carolyn Porco, uno scienziato planetario e ex membro del team di imaging del Voyager .

Nella mia mente, la missione Voyager è l’Apollo 11 del programma di esplorazione planetaria“, continua. “Ha guadagnato questa statura iconica nella nostra cultura, perché non solo ci ha aperto il sistema solare ma porta con sé una registrazione di saluti umani e canzoni e immagini del nostro pianeta che costituiscono un messaggio dall’umanità alla Via Lattea, a qualunque, chiunque, troverà Voyager – se mai accadrà. Sapranno che c’era una civiltà intelligente capace di costruire una sonda spaziale e di inviarlo nello spazio interplanetario come messaggio per il futuro. Voyager, probabilmente, vivrà per miliardi di anni.

La gran parte del sistema solare, spiega la Porco, esiste oltre le orbite degli asteroidi che circondano i pianeti più vicini. “La Terra, Venere, Marte, Mercurio, i nostri vicini, sono una piccolissima parte del sistema solare“, dice. “Siamo vicini al sole, ma il nostro sistema solare esiste soprattutto nella parte esterna e non avremmo potuto supporre di sapere che cos’è il nostro sistema solare fino a quando non abbiamo avuto una missione in grado di osservarne l’esterno, come ha fatto Voyager. Voyager ci ha aperto la vista del nostro sistema solare “.

La NASA lanciò le due navi spaziali Voyager nel 1977: Voyager 2, il 20 agosto e Voyager 1 il 5 settembre.

Quello che è così notevole da ricordare, dice la Porco, è quanto poco gli scienziati sapevano di Giove e di Saturno, che erano i principali obiettivi della missione, quando fu lanciato Voyager. “Non sapevamo come erano strutturati; i loro tassi di rotazione, almeno per Saturno, non erano chiari. …Non sapevamo nulla di cosa avremmo trovato negli anelli di Saturno “.

“Quanto a Urano e Nettuno, che erano gli obiettivi secondari degli scienziati della NASA (anche se in gran parte hanno mantenuto segreto questo fatto durante la pianificazione), “all’epoca per noi erano solo puntini visibili al telescopio…

Gli obiettivi più importanti per il volo del Voyager 1 erano gli anelli di Saturno, il suo globo e l’atmosfera, e Titano, la grande luna che gli orbita intorno..

“Sono stata fortunata perché c’erano così tante nuove scoperte negli anelli che io, studentessa universitaria, sono stata coinvolta su due progetti e ne ho fatto la mia tesi di dottorato. E questo ha definito la mia vita perchè poi sono stata chiamata a studiare gli anelli di Urano, scoperti alla fine degli anni ’70.

Quando la Porco ha terminato la sua tesi di dottorato, è stata ufficialmente aggiunta alla squadra di imaging del progetto Voyager per aiutare a pianificare gli incontri con Urano e Nettuno, perché aveva acquisito le conoscenze necessarie per studiare gli anelli di Urano.

Voyager 1 ha anche rivelato molte nuove informazioni sulla luna di Saturno Titano, risultati che hanno aiutato la NASA a decidere dove concentrare la loro attenzione sulle missioni successive, come Galileo e Cassini.

Il successo di Voyager 1 ha portato alla decisione di utilizzare Voyager 2 per prestare maggiore attenzione alle altre grandi lune, e ancora più lune sono state scoperte nel processo, dice la dottoressa Porco. Le scoperte di Voyager 2 hanno mostrato agli scienziati della NASA che alcune lune potrebbero essere altrettanto importanti da esplorare come qualsiasi pianeta, perché potrebbero essere sedi della vita.

“Su alcune lune abbiamo scoperto oceani, e poi le missioni successive, come Galileo a Giove e, naturalmente, Cassini scoprirono che ci sono lune intorno a ciascun pianeta che hanno oceani sovrastruttivi”, dice Porco. “Come Encelado, la piccola luna di saturno che ha un oceano sotto la crosta di ghiaccio, eche abbiamo scoperto avere tutti gli ingredienti necessari per sostenere la vita.”.

Per Porco, i vantaggi di Voyager vanno oltre le scoperte tangibili. “L’esplorazione del nostro sistema solare non solo ci ha dato una prospettiva su noi stessi e sul nostro posto nel cosmo ma ci ha mostrato quanto fosse limitata la nostra visione delle cose finchè non siamo andati là a guardare cosa c’era oltre il confine del nostro sguardo dalla terra. “In un certo senso, Voyager è la cosa più vicina all’immortalità che l’umanità arriverà mai a realizzare. Nell’agosto del 2012, Voyager 1 è entrato nello spazio interstellare, e quindi Voyager come ci ha definito specie interplanetaria negli anni ’80, ora ci ha definito come specie interstellare“.

Voyager presto si spegnerà, potrebbe accadere in un momento qualsiasi dei prossimi dieci anni, dipenderà da come gestiremo la potenza residua delle sue batterie e sarà un momento triste per chi ha vissuto quella missione ma Voyager esisterà ancora lungo, per molto, molto tempo. Potrebbe essere ancora là, a viaggiare nel cosmo, molto tempo dopo che l’umanità sarà andata.”

Forse tra miliardi di anni da oggi, Voyager potrebbe essere trovato. Una civiltà che oggi ancora non esiste potrebbe trovare la navicella e decodificare i messaggi registrati in essa. È come bussare alla porta dell’eternità. Questo è ciò che Voyager ha fatto per noi.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: