Friday, 21 Sep 2018

Sconcertanti i risultati preliminari degli esami condotti sugli astronauti Scott e Mark Kelly

I risultati preliminari dello studio comparato effettuato sugli astronauti gemelli Scott e Mark kelly vengono giudicati sconcertanti dagli scienziati della NASA. Lo studio è stato condotto in contemporanea sui due astronauti, fratelli gemelli, mentre uno era sulla terra e l’altro trascorreva un lungo periodo in missione sulla IIS. Lo scopo dello studio era quello di verificare i cambiamenti che avvengono nel corpo umano durante una lunga permanenza nello spazio e poter comparare le analisi su due esseri umani praticamente identici sia esteriormente che a livello genetico si è rivelato, come era preventivato, estremamente utile.

I risultati preliminari dello studio suggeriscono che vivere nello spazio in condizioni di microgravità spazio accresce la metilazione del DNA, un processo che nelle nostre cellule serve per accendere o spegnere l’espressione dei geni. Questi risultati non solo forniscono una panoramica su processo cellulare, ma raccontano anche agli scienziati come il corpo umano potrebbe cambiare trascorrendo lunghi periodi nello spazio.

Non appena un astronauta si ritrova in un ambiente a microgravità avvengono letteralmente i fuochi d’artificio nel nostro organismo” Ha detto il dottor Chris Mason, del Weill Cornell Medicine, in una dichiarazione a proposito dei primi risultati. “Con questo studio abbiamo visto migliaia e migliaia di geni accendersi e spegnersi. Ciò avviene non appena un astronauta entra nello spazio e alcune di queste attività continuano per un certo periodo dopo il ritorno sulla Terra “.

L’esperimento, unico nel suo genere, è stato possibile grazie a Mark e Scott Kelly, che sono gemelli e sono entrambi gli astronauti della NASA. Scott Kelly ha trascorso più di 11 mesi nello spazio (tra il 2015 e il 2016) e la NASA ha potuto svolgere controlli comparati sui due fratelli per acquisire informazioni.

Lo studio completo deve ancora essere pubblicato, ma alcuni dei risultati sono già disponibili. In uno di questi studi genetici, i ricercatori hanno scoperto che i telomeri di Scott Kelly sono cresciuti più a lungo di quelli di Mark. Questo era il contrario di quanto che ci si aspettava. Ora sarà necessario capire bene cosa significa e come ovviare.

Questo studio rappresenta una delle visioni più complete del funzionamento della biologia umana durante la permanenza nello spazio“, ha aggiunto Mason. “Ora cominciamo a comprendere i rischi molecolari  del viaggio spaziale, nonché a studiare e progettare i modi con cui proteggere e risolvere i cambiamenti genetici indotti dalle particolari condizioni cui gli esseri umani sono esposti nello spazio“.

Lo studio ha esaminato quattro aspetti principali della biologia umana: la fisiologia e come la microgravità colpisce diversi organi, come il cuore e il cervello. Ha anche esaminato i cambiamenti nella percezione e del ragionamento, che costituiscono il nucleo della salute comportamentale, e considerato il microbioma umano e come i voli spaziali potrebbero influenzare i batteri che vivono nel nostro intestino. Infine, ha esaminato qualsiasi differenza a livello genetico verificatasi tra Scott e Mark durante la lunga missione di Scott.

Grazie a questi due astronauti i viaggi spaziali potranno avvenire con maggiore sicurezza per gli esseri umani.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: