Sunday, 18 Nov 2018

The green man o Charlie senza faccia

di Oliver Melis

Qualche volta le leggende non sono proprio tali, in Pennsylvania per le strade, durante la notte, si aggirava un uomo, verde, luminescente e orribile. Quest’uomo venne soprannominato “The green man” o Charlie senza faccia. La sua origine ritenuta da alcuni soprannaturale aveva portato alla nascita di alcune storie sul suo conto che i genitori raccontavano ai loro figli per spaventarli e costringerli a restare a casa. Come tutte le leggende metropolitane che si rispettino, la storia di Charly senza faccia venne arricchita di episodi drammatici, morti misteriose, ferite e mutilazioni.

Ma la leggenda, tanto leggenda non è. La storia di Charlie senza faccia nasce da una terribile vicenda.

Un giorno del 1918 Raymond Robinson rimase gravemente ferito a causa della corrente elettrica, incidente che sfigurò irrimediabilmente il suo volto che rimase senza occhi, naso e orecchie. Il povero Raymond nell’incidente perse anche un braccio.

Raymond Robinson nacque nel 1910,e crebbe quindi come un “mostro”, soprannominato “The Zombie” dagli altri ragazzi, finendo inevitabilmente per vivere una vita da isolato, reietto di quella società che aveva bisogno di miti e leggende per mantenere al sicuro i propri figli.

Per non spaventare soprattutto i più piccoli, Robinson vagava di notte, e la pelle cicatrizzata assumeva un riflesso al chiaro di luna di colore vagamente verdastro.

Si tratta di un esempio molto esplicativo su come nascono le leggende metropolitane che, a volte, vanno indagate prima di deriderle perché possono nascondere delle vere e proprie tragedie.

Fonte: Horror Pills

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: