Sunday, 18 Nov 2018

L’annuncio della NASA: il nostro sistema solare non è più quello con il maggior numero di pianeti

L’aspetto più interessante, però, è stata la rivelazione che i nuovi pianeti sono stati individuati attraverso l’analisi dei dati forniti da kepler attraverso una rete neurale di autoapprendimento per intelligenza artificiale creata da Google.

La NASA ha trovato sistema solare straordinariamente simile al nostro a più di 2500 anni luce di distanza. Utilizzando il sistema di autoapprendimento per intelligenza artificiale messo a  punto da Google per interpretare l’enorme massa di dati messi a disposizione da Kepler, è stato individuato un ottavo pianeta nel sistema Kepler-90. Questa scoperta toglie al nostro sistema solare il record di essere il sistema stellare con il maggior numero di pianeti e fa ritenere che anche altre stelle abbiano una corte di pianeti finora non individuati che sarà possibile identificare con il sitema di autoapprendimento di Google. Prima dell’annuncio della NASA, online si erano rincorse le solite voci che speculavano sulla possibilità che la conferenza stampa avrebbe potuto riguardare la scoperta di alieni.

Lo sviluppatore di Google Christopher Shallue e Andrew Vanderburg dell’Università del Texas di Austin hanno utilizzato una rete neurale – un tipo di apprendimento automatico che imita le connessioni tra i neuroni di un cervello – per cercare nuovi pianeti nei vecchi dati di Kepler. Hanno addestrato il loro algoritmo su 15.000 segnali che erano già stati esaminati da scienziati umani e etichettati come esopianeti reali o meno.

Di solito, i potenziali pianeti extrasolari devono essere esaminati da ricercatori umani per capire se esistono veramente. Ma Keplero ha raccolto troppi dati per consentire agli scienziati di setacciarli tutti manualmente e la rete neurale ha dimostrato di essere molto più veloce.

 “Il modello di apprendimento automatico è semplicemente in grado di analizzare più dati di quanto sarebbe ragionevolmente possibile aspettarsi che gli esseri umani siano in grado di guardare“, ha detto Shallue in una conferenza stampa. Secondo quanto dichiarato, il modello ha impiegato circa 2 ore per analizzare i 15.000 segnali del set di dati di test.
Didascalia

Il sistema Kepler-90 sembra molto simile al nostro – Centro ricerche NASA / Ames / Wendy Stenzel

Quando è stato applicato a un set di dati raccolti da Kepler su 670 stelle, il modello ha trovato due nuovi pianeti. Uno, chiamato Kepler-80g, orbita attorno a una stella a circa 1100 anni luce di distanza che ha altri 5 pianeti. L’altro, Kepler-90i, è l’ottavo pianeta nel suo sistema.

Kepler-90i non è un posto in cui mi piacerebbe visitare“, ha detto Vanderburg. “Il pianeta sembra essere piccolo e roccioso, probabilmente senza una spessa atmosfera. A causa della sua orbita vicino alla sua stella, la superficie di questo mondo può raggiungere temperature fino a 425 ° C.

Tutti i pianeti attorno alla stella Kepler-90 orbitano più vicino di quanto faccia la Terra al sole. Più vicino alla stella ci sono due pianeti leggermente più grandi della Terra, quindi Kepler-90i, che è il pianeta più piccolo del sistema, seguito da tre mondi un po’ più piccoli di Nettuno e due giganti gassosi. Il setup è simile al nostro , quindi può aiutarci a capire se il modo in cui si formano i pianeti nel nostro sistema solare è comune.

Didascalia

Troppo vicini per essere confortevoli – Centro ricerche NASA / Ames / Wendy Stenzel

È anche possibile che il sistema abbia ulteriori pianeti più distanti, dal momento che Kepler ha analizzato solo l’area più vicina alla stella.

Per concludere, passando ad un’altra notizia, il progetto Breakthrough Listen – un programma da $ 100 milioni per cercare civiltà oltre la Terra – ha cercato eventuali segnali radio emessi dall’asteroide interstellare  Oumuamua. Dopo aver esaminato un quarto dei dati raccolti, non è stato individuato alcun segnale che suggerisca presenza di vita aliena sull’asteroide.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: