Monday, 19 Nov 2018

Il misterioso incidente del Dyatlov Pass (immagini forti)

L’incidente del Dyatlov Pass (in russo: Гибель тургруппы Дятлова) riguarda la morte avvenuta in circostanze rimaste misteriose di nove escursionisti sugli sci negli Urali settentrionali il 2 febbraio 1959.

Il gruppo era composto da otto uomini e due donne. La maggior parte erano studenti o diplomati dell’Istituto Politecnico degli Urali. L’obiettivo della spedizione di 14 giorni era raggiungere Otorten (1234.2m), una montagna a 10 km (6 miglia) a nord del luogo dell’incidente. Questa rotta, in quella stagione, era stimata come “Categoria III”, la più difficile. Tutti i membri erano esperti in lunghe sciate e spedizioni in montagna. Il gruppo arrivò in treno a Ivdel, una città al centro della provincia settentrionale di Sverdlovsk Oblast il 25 gennaio. Poi portarono un camion a Vizhay – l’ultimo insediamento abitativo verso nord. Iniziarono la loro marcia verso Otorten da Vizhay il 27 gennaio. Il giorno seguente, uno dei membri – Yuri Yudin, fu costretto a tornare a causa di una malattia.

Diari e telecamere trovate attorno al loro ultimo campo hanno permesso di tracciare il percorso del gruppo fino al giorno precedente l’incidente.

La partenza avvenne abbastanza tardi il 1 ° febbraio e, quel giorno, i membri della spedizione percorsero solo 4 km (2,5 miglia). L’attrezzatura e il cibo in eccesso furono immagazzinati su una piattaforma nella foresta chiamata labaz. Il campo fu allestito verso le 17:00 su un pendio di Kholat Syakhl a soli 16 km (10 miglia) dal monte Otorten. Cenarono intorno alle 6-7 di sera e, dopo, uno o due membri del gruppo uscirono per fare un turno di guardia, presumibilmente Semyon Zolotarev e Nikolai Thibeaux-Brignolles, deduzione derivata dal fatto che furono ritrovati vestiti di tutto punto. Dopo quel momento accadde qualcosa, non sappiamo cosa, e tutto andò catastroficamente storto.

Era stato concordato in anticipo che Dyatlov avrebbe mandato un telegramma al loro club sportivo non appena il gruppo fosse tornato a Vizhay. Si prevedeva che ciò sarebbe accaduto non più tardi del 12 febbraio, ma Dyatlov aveva detto a Yudin che si aspettava di avere dei ritardi e quindi quando alla data concordata, non arrivò alcun messaggio, nessuno si preoccupò più di tanto. Ritardi di pochi giorni erano comuni in tali spedizioni. Solo dopo che i parenti dei viaggiatori, preoccupati per il perdurare del silenzio, chiesero una spedizione di soccorso, il direttore dell’istituto inviò gruppi di soccorso composti da studenti e insegnanti volontari, il 20 febbraio. Successivamente, furono coinvolti l’esercito e le forze di polizia con aerei ed elicotteri.

 Solo il 26 febbraio i soccorritori rinvennero la tenda abbandonata e gravemente danneggiata su Kholat Syakhl. Mikhail Sharavin, lo studente che individuò la tenda, in seguito dichiarò che: “la tenda era per metà abbattuta e coperta di neve, era vuota, e tutti gli oggetti e le scarpe del gruppo erano stati lasciati indietro“. Gli investigatori constatarono che la tenda era stata tagliata dall’interno e che gli sciatori erano fuggiti in calzini o a piedi nudi. Una catena di otto o nove serie di impronte, lasciata da diverse persone che indossavano calze, una scarpa singola o piedi scalzi, poteva essere seguita e guidata verso il bordo dei boschi vicini (sul lato opposto del passo, 1,5 km a nord- est) ma dopo 500 m erano coperti di neve.

Ai margini della foresta, sotto un grande vecchio cedro, la squadra di ricerca trovò i resti di un incendio, insieme ai primi due corpi, quelli di Yuri Krivoshenko e Yuri Doroshenko, senza scarpe e vestiti solo in mutande. I rami dell’albero erano spezzati fino a cinque metri di altezza suggerendo che gli sciatori si erano arrampicati per cercare qualcosa, forse il campo. Test legali hanno poi confermato che tracce di pelle sono state trovate conficcate nella corteccia, a indicare che la coppia ha tentato freneticamente di arrampicarsi sull’albero strappando rami finché le loro mani non sono state una massa di polpa carnosa. Il medico legale registrò che alcuni dei cadaveri avevano un livore mortale sul davanti. Dato che tali segni si formano sempre sul lato di un corpo che è stato premuto contro il terreno, questo indica che qualcuno li aveva spostati dopo la morte.

Il 27 febbraio tra il cedro e la tenda i ricercatori trovarono Igor Dyatlov (300 m dal cedro) e Zinaida Kolmogorova (630 m dal cedro), e 6 giorni dopo il 5 marzo – Rustem Slobodin (480 m dal cedro). I tre sembravano morti in pose che suggerivano che stavano tentando di tornare alla tenda. Una visita medica non ha rilevato ferite che avrebbero potuto portare alla loro morte, e si è concluso che erano morti di ipotermia. Slobodin aveva una piccola fessura nel cranio, ma non si pensava che fosse una ferita mortale. Un’inchiesta legale fu avviata immediatamente dopo aver trovato i primi cinque corpi. La ricerca dei restanti quattro viaggiatori ha richiesto più di due mesi.

I corpi dei quattro membri mancanti della spedizione venenro, finalmente ritrovati il ​​5 maggio in un burrone, sotto quattro metri di neve, nel bosco, a 75 metri dal cedro. Questi quattro erano vestiti meglio degli altri ma sembravano avere indossato in tutta fretta parti dell’abbigliamento degli altri: Zolotaryov indossava il cappotto e il cappello di finta pelliccia di Dubinina, mentre il piede di Dubinina era avvolto in un pezzo di pantaloni di lana di Krivonishenko. L’esame necroscopico dei quattro corpi trovati a maggio cambiò il verso all’intera indagine. Tre di loro presentavano ferite mortali: il corpo di Thibeaux-Brignolles aveva un grave danno al cranio, e sia Dubinina che Zolotarev presentavano numerose e gravi fratture al torace.

Secondo il medico legale, dottor Boris Vozrozhdenny, la forza richiesta per causare tale danno sarebbe stata estremamente elevata, al livello di un trauma da incidente automobilistico. In particolare, i corpi non avevano ferite esterne come se fossero stati paralizzati da un alto livello di pressione. A Dubinina era stata strappata la lingua.

È evidente che i membri del gruppo si erano sentiti minacciati e avevano tentato di salvarsi: erano riusciti a scavare una tana nella neve, l’avevano riempita con foglie e frasche nel tentativo di mantenersi caldi. Ma le cose stavano assumendo un aspetto sempre più bizzarro: I corpi furono effettivamente trovati a pochi metri dal loro rifugio improvvisato, nella parte profonda del burrone, sepolti sotto 4 metri di neve. Alcuni dei vestiti degli escursionisti (2 maglioni e pantaloni) si rivelarono radioattivi. Inoltre, alcuni dei vestiti presi dai corpi sotto il cedro furono collocati sui rami del cedro, ma non furono utilizzati.

Le autorità chiusero frettolosamente l’inchiesta attribuendo la morte dei membri del gruppo ad una serie di errori di valutazione del capo spedizione con il seguente documento:

Dichiarazione ufficiale per la chiusura della causa presentata dal consigliere di giustizia junior e dalla procura penale della regione di Sverdlovsk, Lev Ivanov:

Le morti dei membri della spedizione furono dovute a una serie di errori di Dyatlov. Il 1 ° febbraio ha iniziato la salita verso la cima alle 15:00, anche se sapeva della difficoltà del terreno. Inoltre – e questo è stato l’errore successivo di Dyatlov – ha scelto una linea a 500 m a sinistra del passaggio pianificato tra il Picco 1079 e il Picco 880. Così il gruppo si trovò sul versante orientale del Picco 1079. Hanno usato quello che era rimasto di la luce del giorno per salire alla vetta con forti venti (che sono tipici per questa zona) e basse temperature di meno 25 gradi centigradi. Dyatlov si è trovato in cattive condizioni per la notte, così ha deciso di piantare la sua tenda sul pendio del 1079 in modo da iniziare la mattina senza aggiungere la distanza dalla foresta (~ 1 km) al trekking rimanente di circa 10 km a il vertice.

Considerando l’assenza di lesioni esterne ai corpi o segni di un combattimento, nonché l’abbandono di tutte le risorse preziose, aggiungendo le conclusioni degli esami medici per le cause delle morti, si deve concludere che la causa del loro le morti erano calamità o forza schiacciante.

In realtà, si decise di non tenere conto delle evidenze risultanti dalle autopsie effettuate sui corpi nè delle osservazioni dirette effettuate sulla scena del crimine.

Quanto segue sono le risultanze delle analisi effettuate dagli investigatori sui corpi e sulla scena del crimine, non soddisfatte dal frettoloso rapporto di chiusura dell’indagine, riportate fedelmente nel sito http://dyatlov-pass.com:

I corpi di Yuri Doroshenko, Yuri Krivonischenko, Igor Dyatlov e Zinaida Kolmogorova furono trovati il ​​27 febbraio 1959 e portati a Ivdel. L’autopsia è stata eseguita il 4 marzo dal politologo forense dell’Ufficio regionale Boris Alekseevich Vozrozhdenny (ironicamente il suo cognome significa “rinato” in russo, interessante scelta professionale) e il medico legale di Severouralsk Ivan Ivanovich Laptev. Gli esaminatori stavano ancora vedendo l’incidente come congelato a morte, sebbene alcuni dettagli sollevassero domande: Doroshenko aveva un edema polmonare e una contusione polmonare come conseguenza di un trauma contusivo; Krivonischenko mordeva un pezzo la sua nocca per rimanere sveglio o soffocare un grido e aveva ustioni di 3 ° grado che non possono essere sostenute se ti addormenti ancora vivo; Dyatlov stava vomitando sangue e Kolmogorova aveva un livido a forma di manganello sulla sua vita. La causa della morte era ancora l’ipotermia e nessuno sospettava un fallo. Non ancora. Il 5 marzo è stato trovato il quinto corpo ed è stato identificato come Rustem Slobdoin. La sua autopsia è stata eseguita l’8 marzo da Vozrozhdenny da solo. Il trauma cranico che aveva non può essere attribuito alla goffaggine o al disorientamento. Qualcuno lo ha colpito alla testa. I rimanenti quattro corpi di Lyudmila Dubinina, Alexander Kolevatov, Nikolai Thibeaux-Brignolles e Semyon Zolotaryov furono esaminati il ​​9 maggio 1959. I loro corpi vennero trovati da un contadino nativo Kurikov con il suo cane diversi mesi dopo la loro morte. Lo stato dei loro corpi cambierà il corso dell’intera indagine. La sua autopsia è stata eseguita l’8 marzo da Vozrozhdenny da solo. Il trauma cranico che aveva non può essere attribuito alla goffaggine o al disorientamento. Qualcuno lo ha colpito alla testa. I rimanenti quattro corpi di Lyudmila Dubinina, Alexander Kolevatov, Nikolai Thibeaux-Brignolles e Semyon Zolotaryov furono esaminati il ​​9 maggio 1959. I loro corpi vennero trovati da un contadino nativo Kurikov con il suo cane diversi mesi dopo la loro morte. Lo stato dei loro corpi cambierà il corso dell’intera indagine. La sua autopsia è stata eseguita l’8 marzo da Vozrozhdenny da solo. Il trauma cranico che aveva non può essere attribuito alla goffaggine o al disorientamento. Qualcuno lo ha colpito alla testa. I rimanenti quattro corpi di Lyudmila Dubinina, Alexander Kolevatov, Nikolai Thibeaux-Brignolles e Semyon Zolotaryov furono esaminati il ​​9 maggio 1959. I loro corpi vennero trovati da un contadino nativo Kurikov con il suo cane diversi mesi dopo la loro morte. Lo stato dei loro corpi cambierà il corso dell’intera indagine. I loro corpi sono stati trovati da un Mansi nativo Kurikov con il suo cane diversi mesi dopo la loro morte. Lo stato dei loro corpi cambierà il corso dell’intera indagine. I loro corpi sono stati trovati da un Mansi nativo Kurikov con il suo cane diversi mesi dopo la loro morte. Lo stato dei loro corpi cambierà il corso dell’intera indagine.

IL CEDRO

Il 27 febbraio 1959 alle 11, a una distanza di 1,5 km dalla tenda, Koptelov e Sharavin trovarono i primi due corpi. I corpi erano di Yuri Doroshenko e Yuri Krivonischenko. Né Sharavin né Koptelov sono stati interrogati durante l’inchiesta. Sharavin dice che, nel momento in cui è stata condotta l’indagine, era in ospedale e quindi non poteva testimoniare; ancora più ragioni per cui avrebbe dovuto esserci una dichiarazione di Koptelov. La dichiarazione negli archivi criminali è di Slobtsov:
“Mentre osservava attentamente l’area, Mikhail (Sharavin) notò qualcosa di scuro vicino a un cedro: c’era una zona pianeggiante vicino al cedro e su di esso c’erano i resti di un incendio, a circa due o tre metri dal fuoco che trovarono Yuri Doroshenko, congelato senza vestiti e con la mano bruciata, e un po ‘di lato trovarono Yuri Krivonischenko nello stesso stato: sotto il corpo di Doroshenko c’erano tre o quattro rami di cedro dello stesso spessore. “

Descrivendo la condizione dei corpi nel registro ufficiale, Vasily Tempalov, il pubblico ministero nel caso penale, ha dichiarato: 
“La gamba destra di Krivonischenko non ha calzature. Sul suo piede sinistro c’è un calzino marrone, strappato. Un altro calzino come questo fu scoperto bruciato a metà vicino al fuoco. Sul dorso delle sue mani la pelle è strappata. Tra le dita c’è sangue. Anche l’indice è strappato. La pelle dello stinco sinistro è strappata e coperta di sangue. Non ci sono altre lesioni visibili sul suo corpo.
Doroshenko ha i calzini di lana in piedi e sopra questi calzini un altro calzino più leggero. Il suo orecchio, le sue labbra e il suo naso sono coperti di sangue e sulla sua mano sinistra il dito medio è insanguinato “.

All’epoca, tuttavia, non era ovvio che uno dei cadaveri fosse di Doroshenko. Ortykov ha riferito nel messaggio radio inviato dal team di ricerca a Ivdel: “La sua faccia è completamente coperta di neve, ma ora siamo dell’opinione che sia Doroshenko, non Zolotariov, sono entrambi i ragazzi più grandi”.

Uno studente del gruppo di ricerca, Vadim Brusnitsin, ha rilasciato una dichiarazione per il caso criminale: 
“Accanto ai corpi c’era un incendio. Nelle vicinanze c’erano più di dieci piccoli rami di abete, tagliati con un coltello finlandese. I rami secchi più bassi, del diametro di circa 5 cm, erano stati tagliati dal cedro. Alcuni di questi giacevano accanto al fuoco. La neve intorno è stata calpestata. “

Dalla dichiarazione ufficiale del Capitano Chernyshov: 
“È possibile concludere che altre persone sono state da allora vicino al fuoco. Abbiamo trovato diversi indumenti accanto ad esso piuttosto che sui corpi, ma non abbiamo trovato nessun altro corpo. Gli alberi vicino al fuoco erano stati tagliati con i coltelli, ma non abbiamo trovato coltelli con i corpi. “

Maslennikov affermò che Doroshenko e Krivonischenko, “forse con l’aiuto di altri, avevano fatto un bel fuoco con i rami degli abeti, ma quel fuoco era stato acceso per circa un’ora e mezza (avevano ceduto rami di cedro di 8 cm bruciato) ” .

Atmanaki 
“Per circa 20 m intorno al cedro, c’erano prove di giovani abeti tagliati con un coltello. Abbiamo visto circa 20 ceppi tagliati. Ma non abbiamo visto nessuno dei rami tagliati, tranne uno. Non è possibile immaginare che siano stati usati per mantenere il fuoco. Prima di tutto, non sono buoni per la legna da ardere. Secondo, attorno a loro c’erano un sacco di ramoscelli e materiali asciutti. “

Il team di ricerca ha inviato un altro messaggio radio in cui ha affermato che “il volume di lavoro svolto nel fare questo numero di tagli suggerisce che ci fossero più persone qui che solo questi due”.

Maslennikov 
“Diverse calze di lana e cotone erano sparpagliate attorno al fuoco. C’era un fazzoletto di donna bruciato in diversi punti e alcuni frammenti di vestiti di lana. Ma non abbiamo trovato gli abiti veri e propri. In particolare, abbiamo trovato il risvolto di un maglione scuro lì, non sui corpi. Inoltre, abbiamo trovato dei soldi, otto rubli. “

L’alto cedro, originariamente individuato da Yuri Koptelov e Michael Scharavin, conteneva alcuni indizi sugli eventi di quella notte. I seguenti resoconti delle persone presenti sulla scena sono simili e si sostengono a vicenda.

Capitano Chernyshov: “Tutti i rami bassi del cedro a portata di mano erano completamente distrutti. Uno è stato tagliato a 4 o 5 m di altezza. Erano spessi. Questi tipi di rami sono estremamente difficili da spezzare, anche se, per esempio, li appendi con tutto il peso del tuo corpo. “

Maslennikov 
“I rami più bassi e asciutti del cedro sono stati spezzati fino a 2 m di altezza. Qualcuno ha scalato l’albero, perché anche i rami alti 4 o 5 m sono stati spezzati. “

Atmanaki 
“La maggior parte dei rami secchi fino a 5 m erano rotti. Accanto a questo, il lato dell’albero che si affacciava sul pendio e la tenda era completamente ripulito dai rami. Questi non erano asciutti; erano giovani e non venivano usati. Alcuni di loro erano distesi a terra e gli altri erano appesi ai rami inferiori del cedro. Sembrava che qualcuno avesse creato un nascondiglio rivolto verso il sito da dove provenivano. “

Doroshenko e Krivonischenko post-mortem
È così che i primi corpi furono trovati il ​​27 febbraio 1959 sotto un vecchio cedro, vicino a un pozzo del fuoco. La foto è fatta prima che la neve venga rimossa. Possiamo vedere la maglietta a quadri di Krivonischenko (rivolta verso l’alto sulla foto a destra). Questa foto ha iniziato una leggenda secondo cui i due corpi erano ricoperti da una coperta, uno stile di sepoltura.
Doroshchenko e Krivonischenko post-mortem
Stessi corpi dopo che la neve è stata pulita, Doroshenko rivolto verso il basso, Krivonischenko rivolto verso l’alto. Doroshenko aveva ustioni sul piede e la tempia giusta. Krivonischenko ha avuto ustioni alla gamba sinistra e al piede sinistro. Sulle loro mani sono state osservate numerose lesioni minori, lividi e abrasioni. Doroschenko è stato inizialmente pensato per essere Zolototaryov.
Doroshchenko e Krivonischenko post-mortem
La posizione in cui è stato trovato il corpo di Doroshenko non corrisponde al livor mortis sulla sua schiena. I corpi sono stati posti uno accanto all’altro in relazione alle manipolazioni post-mortem. La scena sembra ordinata, nessun gioco osceno con i cadaveri che gli assassini molto spesso lasciano alle spalle. Ciò suggerisce che chiunque fosse l’ultimo a contatto con i corpi provava compassione, pietà e rispetto verso le vittime. Non erano gli assassini, ma i loro amici in difficoltà che cercavano di rendere i loro letti di morte in qualche modo meno orribili.
 
Dyatlov Pass incidente albero di cedro
Dyatlov Pass incidente albero di cedro

Resti di un incendio sotto il vecchio cedro con rami spezzati fino a 5 m di altezza che suggeriscono che gli escursionisti si fossero arrampicati per cercare qualcosa o per nascondersi da qualcuno. La radura si trova nella direzione in cui si trovava la tenda. I rami del cedro erano sparsi per terra e in parte appesi ai rami inferiori. Nelle vicinanze i giovani abeti e betulle sono stati tagliati con un coltello da rompere. Le cime tagliate e il coltello non sono stati trovati. Questo tipo di taglio non era pensato per la masterizzazione in quanto i ramoscelli essiccati si potevano trovare in giro. Divenne chiaro che sotto il cedro più di due persone si impegnavano in grandi sforzi per raccogliere la legna per la protezione.

 

YURI DOROSHENKO (21)

Rapporto autoptico di Yuri Doroshenko

Yuri Doroshenko post-mortem

Yuri Doroshenko era alto 180 cm, il membro più robusto e più alto del gruppo. La carnagione del defunto è stata descritta come “marrone-viola”. Indossava una canottiera di cotone senza maniche, una camicia a quadretti a maniche corte con due taschini sul petto vuoti con tutti i bottoni a sei, pantaloncini e costume da bagno, mutande di cotone blu allacciate con due bottoni – gravemente strappata sul davanti del lato destro con un grande foro 23 cm in lunghezza e all’interno della coscia del lato sinistro 13 cm di lunghezza. Indossava diversi calzini di lana su entrambi i piedi, le calze sul piede sinistro erano bruciate. Senza scarpe. Le macchie di mortis erano situate nella parte posteriore del collo, del busto e delle estremità, il che non era coerente con la posizione del corpo in cui era stato trovato. Ciò significa che il corpo è stato spostato qualche tempo dopo che il sangue ha smesso di circolare.

  1. nei capelli dell’esperto defunto trovarono particelle di muschio e aghi di pino; i capelli sono bruciati sul lato destro della testa
  2. orecchio, naso e labbra sono coperti di sangue
  3. labbro superiore gonfio con emorragia rosso scuro
  4. soffice guancia destra ricoperta di schiuma grigia; liquido grigio proveniente dalla sua bocca aperta. La causa più evidente è l’edema polmonare.
  5. padiglioni auricolari auricolari di colore rosso-bluastro; nel lobo dell’orecchio destro e macchie tristi di colore marrone-rosso
  6. la superficie interna della spalla destra ha due abrasioni 2×1,5 cm senza sanguinamento nei tessuti, due tagli sulla pelle
  7. l’ascella destra ha un livido 2×1,5 cm
  8. lividi rosso-marroni con dimensioni 4×1 cm, 2,5×1,5 cm, 5×5 cm nel terzo superiore dell’avambraccio destro
  9. gonfiore e piccole abrasioni nella parte posteriore del tessuto molle della mano destra
  10. lividi con sanguinamento nel tessuto molle sottostante sul dorso della mano destra corrispondente al secondo osso metacarpale
  11. i tessuti molli di entrambe le mani e le punte delle dita sono particolarmente viola scuro; tutte le dita delle mani e dei piedi sono gelosamente congelate. Se Yuri Doroshenko fosse sopravvissuto, avrebbe richiesto un’amputazione di tutti i suoi piedi e dita.
  12. sulla superficie interna della spalla sinistra nella terza abrasione inferiore marrone-rosso
  13. sulle superfici interne del gomito sinistro piccole abrasioni di colore brunastro-rosso
  14. sulla superficie interna dell’avambraccio sinistro c’è una ferita superficiale della pelle ricoperta di sangue secco
  15. lividi simili in colore rosso pallido sugli stinchi di entrambe le gambe

La quantità di urina era 150 cm 3 . Questo volume è inferiore a quello che ci si aspetterebbe in caso di morte per ipotermia. Il corpo stava ancora facendo sforzi per combattere il congelamento al momento della morte. I casi di morte ipotermica hanno significativamente più urina nella vescica ( www.ncbi.nlm.nih.gov ). Il fluido schiumoso grigio che è stato trovato sulla guancia destra del defunto ha iniziato le speculazioni che prima della morte qualcuno o qualcosa stava premendo sulla sua cavità toracica. Questo metodo energico era comune per gli interrogatori dell’NKVD (polizia segreta di Stalin) e delle forze speciali. La causa potrebbe anche essere una brutta caduta da un albero. Questo aspetto è stato ignorato nei documenti finali, che leggevano la causa della morte: ipotermia.

Gli esperti hanno descritto le ferite – lividi e abrasioni, come autoinflitte e le ha spiegate con urti effettuati da Doroshenko contro rocce, ghiaccio e altri oggetti circostanti durante l’agonia. La morte, secondo il file, si è verificata 6-8 ore dopo l’ultimo pasto.

 

YURI KRIVONISCHENKO (23)

Rapporto autoptico di Yuri Krivonischenko

Yuri Krivonischenko post-mortem

Il suo corpo fu scoperto sotto l’albero di cedro. Indossava una maglietta a maniche lunghe a quadri, pantaloni da nuoto, mutande lunghe e calzettoni sul piede sinistro. Niente scarpe

  1. lividi sulla fronte 0.3×1.8 cm
  2. sanguinamento diffuso nella regione temporale e occipitale destra a causa del danneggiamento del muscolo temporale
  3. livido intorno all’osso temporale sinistro
  4. manca la punta del naso, nessuna traccia di sangue significa che è stata morsa molto probabilmente da animali post mortem, il defunto è stato trovato a faccia in su
  5. orecchie congelate
  6. porzione dell’epidermide dalla mano destra si trova nella bocca del defunto
  7. il dorso della mano destra è gonfio, le dita sono marrone-porpora
  8. le punte delle dita sulla mano destra sono di colore marrone scuro, piccole abrasioni sulla pelle del tessuto molle
  9. palmo della mano destra colore bluastro-rosso, pelle marrone scuro con bordi frastagliati alla base del pollice
  10. nella falange media delle dita 4-5 ferita cutanea con bordi duri e superficie carbonizzata
  11. distacco dell’epidermide da 2 cm sul dorso della mano sinistra
  12. abrasione di colore rosso pallido sul lato destro del torace 7×2 cm e 2×1,2 cm
  13. abrasioni rosso chiaro lungo la linea clavicolare centrale sul bordo della costola dell’ipocondrio destro
  14. abrasioni rosso scuro sul polso sinistro, il dorso della mano sinistra è gonfio
  15. livido rosa e marrone-rosso sulla natica sinistra 10×3 cm
  16. tre lesioni cutanee lineari con bordi dritti, angoli acuti e profondità fino a 0,3 cm sul lato interno del terzo superiore della coscia sinistra
  17. tre ferite cutanee con spigoli vivi sul lato interno del terzo superiore dell’anca sinistra
  18. abrasione marrone scuro sulla parte anteriore del femore e della tibia destra
  19. abrasioni marrone-rosso scuro sulla coscia anteriore-interna sinistra
  20. edema sulla gamba e sul piede sinistro, brucia nella zona delle dimensioni di 31×10 cm sull’intera superficie esterna della gamba
  21. patch in area 10×4 cm di peeling epidermide marrone-rosso dal retro del piede sinistro, secondo dito carbonizzato al colore marrone scuro e il tessuto è denso al tatto

La quantità di urina nella vescica era di 500 cm 3 . Causa della morte: ipotermia. La presenza di una pelle tra i denti strappata dalla mano poteva suggerire che Krivonischenko cercasse di rimanere sul cedro più a lungo che poteva e cercava di risvegliare le sue mani irresponsabili mordendosi, o stava cercando di soffocare un grido.

I primi due corpi di (Doroshenko e Krivonischenko) che sono stati trovati dall’incidente del Dyatlov Pass hanno mostrato uno schema di morte atteso. Si congelarono a morte. I loro vestiti furono rimossi dai loro amici. Potrebbe sembrare male, ma questa è la realtà della Siberia. Se non riesci a tenerti al caldo, morirai rapidamente. Uno dei miti più comuni che circondano queste morti è una teoria della cosiddetta “spogliazione paradossale”. Questa teoria ignora il fatto che i corpi sono stati spogliati dopo la loro morte e in alcuni casi è stato fatto da altri membri con l’aiuto di un coltello. Diversi capi di abbigliamento venivano semplicemente tagliati dai cadaveri o tolti e usati da altri membri del gruppo. I sartori mostravano chiaramente la volontà logica di vivere. Non c’era stato panico e non c’erano azioni illogiche.

 IGOR DYATLOV (23)

Igor Dyatlov post mortem

Igor Dyatlov post mortem
Igor Dyatlov post mortem
 

Igor Dyatlov fu trovato lo stesso giorno (27 febbraio 1959) a 300 m dal cedro, a faccia in su, dirigendosi verso la tenda. Sopra la neve erano visibili solo le mani strette a pugno piegate davanti al petto. La giacca sbottonata è insolita per qualcuno che sta morendo di freddo.

Rapporto di autopsia di Igor Dyatlov

Altezza 175 cm, la carnagione del defunto è stata descritta come “rosso-bluastro”. Aveva gilet senza maniche in pelliccia sbottonata – esterno in cotone blu, interno in pelliccia grigio scuro (Yudin lo riconobbe più tardi come gilet che regalò a Krivonishenko quando si separarono), un maglione blu, camicia a maniche lunghe di cotone rosso, nella tasca della cassa 4 pillole Streptocide ( agente anti-infiammatorio utilizzato per l’infezione della ferita) ancora nel blister, canottiera di cotone blu senza maniche, pantaloni da sci sopra i pantaloni. Senza scarpe. Aveva un calzino di cotone sul piede sinistro e un calzino di lana sul piede destro. È difficile spiegare questa distribuzione non uniforme. Potrebbe essere che avesse due calze su un piede e poi l’ha tolto per proteggere l’altro piede nudo. Potrebbe essere stato il calzino di qualcuno che lo ha semplicemente dato per proteggere un amico da una morte certa. L’orologio “Zvezda”

  1. piccole abrasioni sulla fronte
  2. piccole abrasioni sulle palpebre superiori
  3. abrasioni marrone-rosso sopra il sopracciglio sinistro
  4. piccole abrasioni sulla guancia sinistra
  5. abrasioni marrone-rosso su entrambe le guance
  6. sangue secco sulle labbra
  7. la mascella inferiore aveva un incisivo mancante, la mucosa era intatta che suggeriva che il dente fosse perso molto prima dell’ultimo viaggio
  8. ginocchia ammaccate senza sanguinamento nei tessuti sottostanti
  9. entrambe le caviglie presentavano abrasioni rosso brunastro , dimensioni 1×0,5 cm e 3×2,5 cm con emorragia nel tessuto sottostante
  10. singola incisione 4×2 cm nel terzo inferiore della tibia destra
  11. molti piccoli graffi di colore rosso scuro sul terzo inferiore dell’avambraccio destro e sulla superficie del palmo
  12. colorazione grigio-viola sul lato posteriore della mano destra
  13. le articolazioni metacarpo-falangeali sulla mano destra presentavano lividi bruni rossi. Questo è un infortunio comune nelle lotte a corpo a corpo. Per avere un’idea migliore delle ferite basta fare un pugno. Questa è la parte della mano che usi per colpire qualcuno.
  14. la mano sinistra è di colore marrone-porpora con lividi rosso-bruni
  15. ferite superficiali sul 2 ° e 5 ° dito sulla mano sinistra
  16. ferita della pelle nella superficie palmare del 2 ° 5 ° dito della mano sinistra

Non ci sono stati feriti interni. Quantità di urina nella vescica di circa 1000 cm 3 . Causa della morte: ipotermia. Successivamente Yury Yudin testimonierà che la camicia a maniche lunghe trovata sul corpo di Igor Dyatlov era sua. Ma lo diede a Doroshenko, poi se ne andò. Sarebbe logico presumere che Dyatlov l’abbia preso da un corpo congelato del Doroshenko dopo che era morto.

 

ZINAIDA KOLMOGOROVA (22)

Zinaida Kolmogorova post-mortem
Zinaida Kolmogorova post-mortem
 
Rapporto autoptico di Zinaida Kolmogorova

Zinaida fu trovata a 630 m dal cedro, a faccia in giù, dirigendosi verso la tenda. Era vestita meglio dei corpi sotto il cedro. Aveva due cappelli, una maglietta a maniche lunghe, maglione, camicia a quadretti e un altro maglione con risvolto alla manica destra. Non era chiaro se lei li tagliò o fu strappato da un’altra persona. I maglioni erano al di fuori, cosa che non è inusuale per gli alpinisti quando cercano di asciugare i vestiti indossandoli. In vita Zinaida indossava pantaloni sportivi di cotone, pantaloni, pantaloni da sci con tre piccoli fori nella parte inferiore della gamba destra dei pantaloni e tre paia di calzini. Due paia erano sottili, poi la terza coppia era di lana con dentro delle solette. Niente scarpe Nelle sue tasche sono stati trovati 5 rubli e una maschera protettiva in stile militare sul lato sinistro del petto, tra il maglione superiore e la maglietta a scacchi sotto.

  1. abrasione rosso scuro sull’eminenza frontale destra
  2. area grigio pallido 3×2 cm sopra il sopracciglio destro
  3. abrasione rosso scuro sulle palpebre superiori
  4. marrone rosso pascola sul ponte e punta del naso
  5. numerose abrasioni sullo zigomo sinistro
  6. pelle livida sul lato destro del viso
  7. abrasione marrone-rossa sul dorso di entrambe le mani nell’area delle articolazioni falangee e falangee metacarpo
  8. ferita con bordi frastagliati e pelle mancante sul dorso della mano destra alla base del terzo dito
  9. congelamenti sulle falangi delle dita
  10. un lungo livido rosso vivo 29×6 cm nella regione lombare sul lato destro del busto. Il livido sembra lasciato da un bastone

La quantità di urina nella vescica è 300 cm 3 . Causa della morte: ipotermia a causa di un incidente violento. L’esame medico mostra che Zinaida non era sessualmente attiva al momento della sua morte. Questo fatto riguarda solo (1) la natura del rapporto tra Zinaida Kolmogorova e Igor Dyatlov, e (2) se i prigionieri fuggiti sono stati incolpati per il crimine, è dubbio che avrebbero lasciato le ragazze da sole.

 RUSTEM SLOBODIN (23)

Rustem Slobodin post mortem

Rustem Slobodin post mortem
Rustem Slobodin post mortem
 
Rustem Slobodin post mortem
Rustem Slobodin post mortem
 
Rapporto dell'autopsia di Rustem Slobodin
Frattura dell’osso frontale ed emorragie (aree ombreggiate) nei muscoli temporali che sono stati trovati sul cranio di Rustem Slobodin

Il corpo di Rustem è stato trovato a 480 m dal cedro il 5 marzo, il giorno dopo l’autopsia dei primi quattro corpi, coperti con 12-15 cm di neve, a faccia in giù, dirigersi verso la tenda. Era vestito meglio che gli escursionisti precedentemente trovati. Indossava una maglietta a maniche lunghe, camicia, maglione, due paia di pantaloni, quattro paia di calzini e uno stivale di feltro ( valenka ) sul piede destro. Il suo orologio si fermò alle 8:45. Sul petto sotto il maglione c’erano due solette di scarpe, nella tasca della camicia – 310 rubli e il suo passaporto. In altre tasche sono stati trovati un piccolo coltello tascabile pieghevole (temperino), una matita, una penna, un pettine in una custodia di plastica, una scatola di fiammiferi con 48 bastoncini e un calzino di cotone. La sua autopsia è stata eseguita l’8 marzo da Vozrozhdenny da solo.

  1. emorragie nei muscoli temporali
  2. piccole abrasioni rosso brunastro sulla fronte
  3. due graffi sono lunghi 1,5 cm alla distanza di 0,3 cm tra di loro
  4. livido rosso brunastro sulla palpebra superiore dell’occhio destro con emorragia nei tessuti sottostanti
  5. tracce di scarico di sangue dal naso
  6. gonfiore e molte piccole abrasioni su entrambi i lati del viso
  7. lividi nelle articolazioni metacarpo-falangea su entrambe le mani (nocche lute). Lividi simili sono comuni nella lotta corpo a corpo
  8. lividi marrone ciliegia sull’aspetto mediale del braccio sinistro e del palmo sinistro
  9. labbra gonfie
  10. contusioni sulla tibia sinistra in dimensioni 2,5×1,5 cm (non mostrate nello schema)
  11. l’epidermide viene strappata dall’avambraccio destro (non mostrato sullo schema)
  12. frattura dell’osso frontale 6×0,1 cm situato a 1,5 cm dalla sutura sagittale (che mostra sul diagramma del trauma cranico separato senza numeri)

Boris Alekseevich Vozrozhdenny ha suggerito che la frattura nel suo cranio potrebbe essere fatta con qualche oggetto contundente. L’autopsia medica afferma inoltre che Slobodin probabilmente ha subito una perdita di coordinazione a causa dello shock iniziale subito dopo il colpo che potrebbe accelerare la sua morte per ipotermia. Comunque la conclusione è prevedibilmente attenta. La morte di Rustem Slobodin è giudicata come risultato di ipotermia. Tutti i lividi e graffi sono stati accusati di agonia dell’ultimo minuto. Anche se è ancora un po ‘oscuro come ha fatto a danneggiare le sue mani e le sue gambe esterne. Quando la persona cade anche in uno stato irrazionale, di solito sono i palmi a soffrire sia degli aspetti mediali che delle gambe. Le ferite alla testa sono meno comuni, soprattutto quelle bilaterali. È anche insolito danneggiare il viso e i lati del cranio mentre la parte posteriore della testa non ha danni. Nel caso del corpo di Slobodin vediamo il contrario. Il suo modello di infortunio è un rovescio di quello che di solito vedremmo nelle lesioni subite da un uomo congelato negli ultimi minuti della sua vita. Sembra che Rustem sia caduto ripetutamente sulla sua faccia mentre camminava giù per la montagna. E ogni volta che cadeva riusciva a colpire i lati della sua testa. Questo è insolito per un uomo che era probabilmente in una forma fisica migliore di chiunque altro nel gruppo. Anche una lunga gita in sci difficilmente potrebbe essere responsabile di questa presunta “goffaggine”. Il corpo di Rustem era l’unico con il letto ghiacciato sotto l’indurimento della neve di scongelamento. Ciò significa che il corpo è caduto quando era ancora relativamente caldo e c’era un notevole scambio di calore nell’ambiente. Il suo modello di infortunio è un rovescio di quello che di solito vedremmo nelle lesioni subite da un uomo congelato negli ultimi minuti della sua vita. Sembra che Rustem sia caduto ripetutamente sulla sua faccia mentre camminava giù per la montagna. E ogni volta che cadeva riusciva a colpire i lati della sua testa. Questo è insolito per un uomo che era probabilmente in una forma fisica migliore di chiunque altro nel gruppo. Anche una lunga gita in sci difficilmente potrebbe essere responsabile di questa presunta “goffaggine”. Il corpo di Rustem era l’unico con il letto ghiacciato sotto l’indurimento della neve di scongelamento. Ciò significa che il corpo è caduto quando era ancora relativamente caldo e c’era un notevole scambio di calore nell’ambiente. Il suo modello di infortunio è un rovescio di quello che di solito vedremmo nelle lesioni subite da un uomo congelato negli ultimi minuti della sua vita. Sembra che Rustem sia caduto ripetutamente sulla sua faccia mentre camminava giù per la montagna. E ogni volta che cadeva riusciva a colpire i lati della sua testa. Questo è insolito per un uomo che era probabilmente in una forma fisica migliore di chiunque altro nel gruppo. Anche una lunga gita in sci difficilmente potrebbe essere responsabile di questa presunta “goffaggine”. Il corpo di Rustem era l’unico con il letto ghiacciato sotto l’indurimento della neve di scongelamento. Ciò significa che il corpo è caduto quando era ancora relativamente caldo e c’era un notevole scambio di calore nell’ambiente. E ogni volta che cadeva riusciva a colpire i lati della sua testa. Questo è insolito per un uomo che era probabilmente in una forma fisica migliore di chiunque altro nel gruppo. Anche una lunga gita in sci difficilmente potrebbe essere responsabile di questa presunta “goffaggine”. Il corpo di Rustem era l’unico con il letto ghiacciato sotto l’indurimento della neve di scongelamento. Ciò significa che il corpo è caduto quando era ancora relativamente caldo e c’era un notevole scambio di calore nell’ambiente. E ogni volta che cadeva riusciva a colpire i lati della sua testa. Questo è insolito per un uomo che era probabilmente in una forma fisica migliore di chiunque altro nel gruppo. Anche una lunga gita in sci difficilmente potrebbe essere responsabile di questa presunta “goffaggine”. Il corpo di Rustem era l’unico con il letto ghiacciato sotto l’indurimento della neve di scongelamento. Ciò significa che il corpo è caduto quando era ancora relativamente caldo e c’era un notevole scambio di calore nell’ambiente.

Su Doroshenko, Kolmogorova e Slobodin le macchie di mortis viventi erano sulla superficie superiore del corpo. Ciò consente speculazioni che i corpi siano stati spostati (rovesciati) dopo la loro morte. Questo risultato è controverso .

 

Il rifugio sotto la neve

GLI SFORZI DI RICERCA CONTINUANO MA SONO TRASCORSI DUE MESI SENZA TRACCIA DEI RIMANENTI 4 ESCURSIONISTI.

Quando a maggio la neve iniziò a sciogliere un Mansi nativo Kurikov con il suo cane notò alcuni rami tagliati che stavano formando una sorta di scia che seguirono e a 50 m dal cedro trovarono pantaloni di cotone neri, la gamba destra tagliata con un coltello. Rami di cedro, un giovane abete mancava la parte superiore, un altro capo di abbigliamento è stato trovato: la metà sinistra del maglione di lana marrone chiaro, metà destra e le maniche tagliate. Si presume che il maglione appartenga a Lyudmila Dubinina. L’area è stata precedentemente ricercata con sonde da valanga ma la neve è stata poi più profonda del previsto. I corpi furono trovati il ​​5 maggio e esaminati il ​​9 maggio 1959. Vedi mappe più dettagliate

Dyatlov Pass Den è una delle questioni chiave nell’intero incidente del Dyatlov Pass. Da un lato mostra chiaramente che i membri del partito erano abbastanza sani da fare qualsiasi cosa in loro potere per sopravvivere. D’altra parte non è ancora chiaro il motivo per cui i loro tentativi non hanno funzionato. Un’altra domanda è dove è andato il coltello che ha tagliato i rami .

Mappa degli incidenti del Dyatlov Pass
 
Dyatlov Pass The Den
Dyatlov Pass The Den
Dyatlov Pass The Den
 

La tana fu fatta sopravvivendo a quattro membri del gruppo Dyatlov a 70-75 metri dal cedro in un burrone nascosto dai venti freddi. Probabilmente era un’idea di Zolotarev. Era un modo comune per sopravvivere agli inverni e, date le circostanze, offriva le migliori possibilità di sopravvivenza per coloro che rimanevano indietro aspettando con speranza che i loro tre amici si arrampicassero in cima alla montagna. Mina ulteriormente la teoria della spogliazione del paradosso. Il gruppo ha chiaramente compreso le sue minacce e ha fatto tutto il possibile per preservare se stessi. I rami di cedro sono stati portati qui e disposti per minimizzare il contatto di corpi umani e neve fredda sotto. Inoltre Ludmila Dubinina aveva maglione e pantaloni di Krivonischenko. Entrambe si sono rivelate presenti radiazioni. Tuttavia la stranezza del caso non è stata risolta. In effetti è diventato più strano. Tutti, ma tre membri hanno avuto un danno significativo alle loro ossa. Sono stati schiacciati con immensa forza. I medici hanno confrontato l’estensione del danno all’essere colpiti da un’auto. Una seconda cosa che colpisce della tana è che i corpi sono stati effettivamente trovati a pochi metri dal loro rifugio improvvisato nella parte profonda del burrone sulla superficie di soli 4 metri quadrati. Alcuni dei vestiti che sono stati prelevati da corpi lasciati sotto il cedro sono stati collocati sui rami di cedro, ma a quanto pare non sono stati utilizzati. Una seconda cosa che colpisce della tana è che i corpi sono stati effettivamente trovati a pochi metri dal loro rifugio improvvisato nella parte profonda del burrone sulla superficie di soli 4 metri quadrati. Alcuni dei vestiti che sono stati prelevati da corpi lasciati sotto il cedro sono stati collocati sui rami di cedro, ma a quanto pare non sono stati utilizzati. Una seconda cosa che colpisce della tana è che i corpi sono stati effettivamente trovati a pochi metri dal loro rifugio improvvisato nella parte profonda del burrone sulla superficie di soli 4 metri quadrati. Alcuni dei vestiti che sono stati prelevati da corpi lasciati sotto il cedro sono stati collocati sui rami di cedro, ma a quanto pare non sono stati utilizzati.Ulteriori informazioni su The Den »

Lyudmila Dubinina post-mortemFu trovato il corpo di Dubinina sulle ginocchia, il viso e il petto premuti contro la roccia.
Alexander Kolevatov, Semyon Zolotoryov e Nikolai Thibeaux-BrignollesI corpi di Kolevatov e Zolotaryov furono abbracciati dal petto all’indietro, come se Kolevatov stesse proteggendo o cercando di riscaldare Zolotaryov. Il corpo di Thibeaux-Brignolles è stato posizionato a 30 cm a valle.
Alexander Kolevatov e Semyon Zolotaryov post-mortemI corpi di Kolevatov e Zolotaryov. Notare la macchina fotografica attorno al collo di Semyon Zolotaryov. Fu trovato anche tenendo una penna in una mano e un piccolo taccuino nell’altra, ma morì prima che potesse scrivere qualcosa.
 

LYUDMILA DUBININA (20)

Rapporto autoptico di Lyudmila Dubinina

Lyudmila Dubinina post-mortem

Lyudmila indossava una camicia a maniche corte, una camicia a maniche lunghe e due maglioni. Il maglione marrone apparteneva a Krivonischenko – uno dei due trovati sotto il cedro, e recentemente testato radioattivo . Il corpo era vestito con mutande, calze lunghe, due paia di pantaloni. La coppia esterna è stata gravemente danneggiata dal fuoco e successivamente strappata. Indossava anche un piccolo cappello e due paia di calze calde. Un terzo calzino non era abbinato. Apparentemente Lyudmila nell’ultimo tentativo di preservare i suoi piedi si tolse il maglione e lo tagliò in due pezzi. Una metà ha battuto sul suo piede sinistro. Un’altra metà ha lasciato o lasciato cadere involontariamente sulla neve.

  1. i tessuti molli mancano intorno agli occhi, le sopracciglia, il ponte del naso e l’osso della guancia sinistra sono parzialmente esposti
  2. tessuti danneggiati intorno all’osso temporale sinistro, dimensioni 4×4 cm
  3. le prese oculari sono vuote, mancano i bulbi oculari
  4. le cartilagini del naso sono rotte e appiattite
  5. mancano i tessuti molli del labbro superiore, i denti e la mascella superiore sono esposti
  6. lingua mancante
  7. le costole 2, 3, 4, 5 sono rotte sul lato destro, sono visibili due linee di frattura
  8. le costole 2, 3, 4, 5, 6, 7 sono rotte sul lato sinistro, sono visibili due linee di frattura
  9. massiccia emorragia nell’atrio destro del cuore
  10. livido nella parte centrale della coscia sinistra, dimensioni 10×5 cm (non mostrato nello schema)

Dubinina si trovava su una specie di sporgenza naturale con l’acqua che vi scorreva sopra. La sua bocca era aperta. Ci sono affermazioni che la lingua è stata strappata, o mangiata, o quant’altro. La documentazione medica semplicemente “manca la lingua”. Vozrozhdenny descrive la mancanza di muscolo ipoglosso così come i muscoli del pavimento della bocca.

Sembra strano soprattutto dato il fatto che i corpi precedenti avevano autopsie più dettagliate. Non c’è una spiegazione credibile per questa affermazione vaga. Sebbene sia stato detto che lo stomaco conteneva circa 100 g di sangue coagulato. È usato da alcuni come un’indicazione che il cuore batte e il sangue scorre quando la lingua viene rimossa dalla bocca. La causa della morte è indicata come emorragia nell’atrio destro del cuore, costole fratturate multiple e emorragie interne.

L’esame medico mostra che Lyuda non era sessualmente attiva al momento della sua morte. Questo fatto è solo relativo al fatto che chiunque abbia commesso il crimine non ha aggredito sessualmente le ragazze, o gli uomini in realtà.

 

SEMYON ZOLOTARYOV (37)

Rapporto di autopsia di Semyon Zolotoryov

Semyon Zolotaryov post-mortem

  1. mancano le palle per gli occhi
  2. manca i tessuti molli attorno alla fronte dell’occhio sinistro, dimensioni 7×6 cm, l’osso è esposto
  3. ferita aperta sul lato destro del cranio con osso esposto, dimensioni 8×6 cm
  4. pugnale, costole rotte 2, 3, 4, 5, 6 sul lato destro, due linee di frattura

Il corpo di Semyon Zolotaryov è stato trovato al Passo Dyatlov con due cappelli, una sciarpa, una camicia a maniche corte, un maglione nero e un cappotto con due bottoni superiori sbottonati. Era abbastanza chiaro che il ragazzo non fosse morto dal freddo. Al contrario, la tana era un posto abbastanza caldo per lui. La sua parte inferiore del corpo era protetta da biancheria intima, due paia di pantaloni e un paio di pantaloni da sci. Aveva una copia di giornali, diverse monete, bussola e altri oggetti. Le sue gambe erano protette da un paio di calze e da un paio di scarpe fatte a mano in pelle calde chiamate “burka”. Probabilmente non potevano tenerlo caldo per molto tempo, ma nel covo era sufficiente per mantenere vivo l’uomo. Inoltre il corpo di Zolotaryov aveva una macchina fotografica attorno al collo, come si vede chiaramente nelle immagini. Secondo le dicerieche questa fotocamera è diventata una sorpresa completa per Yuri Yudin. Che ha assunto il gruppo aveva solo quattro telecamere che sono state trovate nella tenda. E all’improvviso una quinta telecamera si è rivelata sul corpo. Purtroppo l’acqua di fusione ha danneggiato il film. Ma la domanda rimane ancora. Perché Zolotaryov ha lasciato la tenda con la macchina fotografica e perché ha fatto due fotocamere per il viaggio? Uno veniva usato quotidianamente e tutti lo vedevano. È stato lasciato nella tenda e scoperto lì dal gruppo di ricerca, ma un altro è stato nascosto durante il viaggio e è stato trovato solo dopo che Semen Zolotarev è morto. Il film è stato danneggiato dall’acqua, quindi rimane la domanda: “Che cosa era così importante che ha catturato sul pendio della montagna quel giorno?” Fu trovato anche tenendo una penna in una mano e un piccolo taccuino nell’altra, ma morì, prima che potesse scrivere qualcosa.

Sia Zolotarev che Dubinina hanno un modello interessante di infortuni. Sono molto simili in direzione e forza nonostante la differenza di forma, altezza e composizione corporea dei due. Ciò suggerirebbe che qualunque cosa abbia causato queste lesioni non fosse un singolo evento uniforme.

Mayxcerpt dall’interrogatorio dell’esperto forense dell’Ufficio investigativo forense regionale Boris Vozrozhdenny guidato dal Consigliere di Giustizia e Procura della Repubblica di Sverdlovsk, Lev Ivanov, il 28 maggio 1959:

Come è possibile spiegare la causa del danno a Dubinina e Zolotariov? È possibile combinarli in un’unica causa? 
Penso che il carattere delle ferite su Dubinina e Zolotariov – una frattura a più scheggiature delle costole – su Dubinina fosse bilaterale e simmetrico, e su Zolotariov fossero unilaterali. Entrambi hanno avuto un’emorragia nel muscolo cardiaco con un’emorragia nella cavità pleurica, che è la prova che sono vivi [quando feriti] ed è il risultato dell’azione di una grande forza, simile all’esempio usato per Tibo. Queste ferite, specialmente se appaiono in modo tale da non danneggiare il tessuto molle del torace, sono molto simili al tipo di trauma causato dall’onda d’urto di una bomba.

Per quanto tempo potrebbero vivere Dubinina e Zolotariov? 
Dubinina morì 10-20 minuti dopo il trauma. Lei avrebbe potuto essere cosciente. A volte capita che una persona con una ferita al cuore (per esempio una ferita di coltello seria) possa parlare, correre e chiedere aiuto. La situazione di Dubinina era una delle complicate traumatiche derivanti dalla frattura bilaterale delle costole, con conseguente emorragia interna nella cavità pleurica. Zolotariov avrebbe potuto vivere più a lungo. È necessario tenere conto del fatto che erano tutti formati, persone fisicamente in forma e forti.

 ALEXANDER KOLEVATOV (24)

Rapporto autoptico di Alexander Kolevatov

Il corpo di Aleksander Kolevatov era ben isolato, ma gli mancavano un cappello e le scarpe. La parte superiore del busto era protetta da una camicia senza maniche, una camicia a maniche lunghe, un maglione, un maglione in pile e una giacca da sci con cerniera e bottoni. La giacca da sci è stata danneggiata. Un grosso buco sulla manica sinistra aveva bordi bruciati e misurava 25x12x13 cm. Anche la sua manica destra è stata danneggiata. Sono state trovate diverse lacrime di 7-8 cm. La giacca era sbottonata e aperta. Una strana scoperta per una persona che si supponeva morisse dal freddo e dall’ipotermia. Durante l’autopsia sono stati recuperati gli oggetti dalle sue tasche: chiave, spilla da balia, carta bianca (probabilmente per tenere traccia dei suoi pensieri o eventi) e due pacchetti di pillole (soda e codeina).

La parte inferiore del corpo aveva pantaloncini, pantaloni leggeri, pantaloni da sci e un altro paio di pantaloni di tela. Dalla tasca destra i medici hanno recuperato una scatola di fiammiferi bagnati fradici. I suoi piedi, come è stato menzionato, non avevano scarpe, ma erano protetti da calze di lana lavorate a maglia da casa con mirini di danni da fuoco. Il suo piede destro era protetto anche da un calzino leggero sotto un panno di lana. Il suo piede sinistro aveva tre calze simili. Inoltre è stata scoperta una fasciatura sulla caviglia sinistra, ma probabilmente è stata messa prima dell’incidente del Dyatlov Pass dal momento in cui il gruppo ha lasciato il kit di primo soccorso nella tenda.

La cintura del maglione e le parti inferiori dei pantaloni in seguito furono testate radioattive .

  1. mancanza di tessuti molli attorno agli occhi, mancano le sopracciglia, sono esposte le ossa del cranio
  2. naso rotto
  3. ferita aperta dietro l’orecchio, dimensioni 3×1,5 cm
  4. collo deformato
  5. sanguinamento diffuso nei tessuti sottostanti del ginocchio sinistro (non mostrato sul diagramma)
  6. pelle addolcita e sbiancata (macerazione) delle dita e dei piedi, segno consistente in putrefazione in ambiente umido
  7. la pelle complessiva aveva un colore verde grigio con una sfumatura viola

Questa autopsia ha avuto uno strano silenzio simile sulle ferite della vittima. Il naso rotto, la ferita aperta dietro l’orecchio e il collo deformato potrebbero essere il risultato di un combattimento ed essere causa di morte. D’altra parte potrebbe essere stato causato da elementi naturali poiché il corpo è stato esposto alla natura per tre interi mesi. Eppure il dottore ignora questa questione e non cerca di spiegare la ragione di queste strane lesioni. Probabilmente dovremmo aggiungere che il collo spezzato e il colpo dietro l’orecchio sono un segno comune di uccisioni eseguite da forze speciali. Tuttavia, non possiamo essere sicuri di ciò poiché il rapporto dell’autopsia non ha specificato ulteriori dettagli sul corpo. Abbiamo lasciato a indovinare la natura e l’origine di queste lesioni.

 NIKOLAI THIBEAUX-BRIGNOLLES (23)

Rapporto autoptico di Nikolai Thibeaux-Brignolles

Nikolay Thibeaux-Brignolles era ben protetto dal freddo dell’inverno siberiano. È stato suggerito che lui e Zolotarev avrebbero potuto essere fuori dalla tenda nel momento in cui la misteriosa minaccia li ha colpiti. Questo spiega perché entrambi i turisti indossavano scarpe ed erano coperti da diversi strati di vestiti. Entrambi gli uomini erano molto meglio preparati rispetto al resto del gruppo quando furono costretti ad abbandonare la loro tenda.

Nikolay indossava un cappello di pelliccia di tela e un cappello di lana lavorato a maglia. La parte superiore del corpo era protetta dal freddo da camicia, maglione di lana indossato dentro e una giacca di pelliccia su una pelle di pecora. Guanti di lana sono stati trovati nella tasca destra insieme a tre monete, pettine e diversi pezzi di carta. La parte inferiore del corpo era protetta da biancheria intima, pantaloni della tuta, pantaloni di cotone e pantaloni da sci. In piedi indossava calzini di lana lavorati a mano e un paio di stivali di feltro ( valenki ), scarpe invernali russe perfette per la freddezza siberiana.

Inoltre Nikolay Thibeaux-Brignolles indossava due orologi sul suo braccio sinistro. Uno si fermò alle 8:14 e un altro alle 8:39. Sono stati scoperti punti cadaverici sul retro della parte superiore del corpo, del collo e delle estremità superiori. Lunghezza del pelo fino a 1 cm.

  1. fratture multiple all’osso temporale, con estensioni alle ossa frontali e sfenoidali, il primo piano delle fratture al cranio è mostrato nella foto
  2. livido sul labbro superiore sul lato sinistro
  3. emorragia sull’avambraccio inferiore, dimensioni 10×12 cm

Vozrozhdenny, che ha intrapreso l’autopsia, ha escluso la caduta accidentale sulla roccia come possibile causa di una frattura così massiccia e insolita.

Da quale tipo di forza Tibo avrebbe potuto ricevere tali danni? 
Nella conclusione, è dimostrato che il danno alla testa di Tibo poteva essere il risultato del lancio, della caduta o del lancio del corpo. Non credo che queste ferite sarebbero potute essere il risultato di Tibo semplicemente cadendo dal livello della sua stessa altezza, cioè cadendo e colpendo la sua testa. La frattura estesa, depressa, multi-scheggiata (fornix rotto e base del cranio) potrebbe essere il risultato di un impatto di un’auto che si muove ad alta velocità. Questo tipo di trauma potrebbe essersi verificato se Tibo fosse stato gettato e caduto e colpito la sua testa contro rocce, ghiaccio, ecc., Da una raffica di vento forte.

È possibile che Tibo sia stato colpito da una roccia che era nelle mani di qualcuno? 
In questo caso, ci sarebbe stato un danno al tessuto molle, e questo non era evidente.

Per quanto tempo potrebbe aver vissuto Tibo dopo il trauma. Potrebbe essersi mosso da solo, parlato, ecc.? 
Dopo questo trauma, Tibo avrebbe avuto una grave commozione cerebrale; cioè, sarebbe stato in uno stato di incoscienza. Spostarlo sarebbe stato difficile e, vicino alla fine, il movimento non sarebbe stato possibile. Credo che non sarebbe stato in grado di muoversi anche se fosse stato aiutato. Potrebbe essere stato trasportato o trascinato. Avrebbe potuto mostrare segni di vita per 2-3 ore.

Ipotesi sull’incidente

 Insomma, c’è molto di misterioso in queste morti, al di là del rapporto ufficiale stilato dalle autorità ex sovietiche. Nel corso degli anni molti sono stati gli esperti ed i ricercatori che si sono avventurati nel campo delle ipotesi per spiegare quanto accaduto a Dyatlov Pass.
Si è parlato di una vera e propria carneficina effettuata dal KGB a causa di qualcosa che i ragazzi avevano visto e  non avrebbero dovuto: in effetti nell’area, proprio in quel periodo, i militari sovietici stavano sperimentando nuovi tipi di missili e razzi.
C’è anche chi pensa che i giovani potrebbero essere stati scambiati per ergastolani evasi da qualche campo di prigionia e che gli autori della strage, resisi conto dell’errore, siano scappati lasciando tutto come stava.
Ma, allora, perché nessun segno di armi da fuoco? E perché alcuni dei capi di abbigliamento dei ragazzi erano radioattivi? Perché i corpi sembrano straziati da una forza sconosciuta?
Si è provato a rispondere chiamando in ballo lo Yeti, gli UFO, uccisioni rituali ad opera di qualche banda locale, qualcuno ha pensato a fulmini globulari e ad alterazioni gravitazionali. Tutte le ipotesi sono contenute in un ottimo riassunto reperibile all’indirizzo http://dyatlov-pass.com/theories.
La verità, purtroppo, è che non sapremo mai come andarono realmente le cose e l’incidente di Dyatlov Pass è destinato a rimanere per sempre nel cassetto dei casi insoluti.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: