Monday, 19 Nov 2018

L’esagono delle Bermuda

Qualche anno fa, precisamente nel 2016, usci una notizia che spiegava il mistero del triangolo delle Bermuda diventando, grazie anche a un certo giornalismo sensazionalista, virale.
Alcune immagini riprese da un satellite mostravano dei fori di forma esagonale nelle nuvole sopra la zona nota come “Triangolo delle Bermuda“, fori che sarebbero la causa di grandi esplosioni di aria che provocherebbero la scomparsa di navi e aerei.

Il 26 aprile 2016, Science Channel ha presentato un episodio nel corso del programma “What on Earth?” che in parte si proponeva di spiegare le sparizioni di navi e aerei nell’area nota come il Triangolo delle Bermuda attraverso un fenomeno meteorologico noto come microbursts.

La notizia è diventata virale quando testate giornalistiche come il Daily Mail e Mirror Online del Regno Unito hanno dato la notizia di questa scoperta il 21 Ottobre 2016: “Il mistero dietro il Triangolo delle Bermuda potrebbe essere stato finalmente risolto. Il tratto di 500.000 km nell’Oceano Atlantico settentrionale è stato accusato di aver fatto sparire nel nulla almeno 75 aerei e centinaia di navi. Ma gli scienziati sostengono che la verità dietro il triangolo della morte è causata da strani buchi esagonali nelle nubi che creano terrificanti venti con aria ad alta pressione. Si ritiene che queste micidiali esplosioni d’aria possano capovolgere le navi e portare aerei a precipitare nell’oceano.

Le testate che hanno fatto diventare virale la presunta scoperta hanno insomma giocato sui seguenti punti:
L’esistenza di una foto satellitare che ritraeva alcuni vuoti esagonali nelle nubi sopra le Bermuda;
– L’esistenza di immagini prodotte da un altro satellite, che aveva la capacità di mappare le onde oceaniche e il vento, ha catturato lo stesso tipo di formazioni nuvolose sul Mare del Nord, anche esse associate a grandi onde e forti venti.

I meteorologi affermano che questo modello è la firma di un fenomeno reale chiamato microburst che crea forti venti.

Unendo questi punti sarebbe logico arrivare alla soluzione del mistero affermando che la causa delle decine di scomparse è stata trovata. Niente di più falso, non c’è alcuna correlazione tra le misteriose e spesso false notizie della scomparsa di navi e aerei.

Sia il Daily Mail che il Mirror hanno riportato questa notizia nell’ottobre del 2016, utilizzando in parte le citazioni di Science Channel in un modo che suggeriva di aver eseguito rapporti originali per verificare le affermazioni fatte nel video. Una citazione, dal climatologo dell’Arizona State University Randall Cerveny, ha spiegato i meccanismi di uno scoppio mentre metteva in gioco il termine “bomba atomica“:
“Questi tipi di forme esagonali sull’oceano sono essenzialmente bombe ad aria. Sono formate da quelle che vengono chiamate microbursts e sono esplosioni d’aria che scendono dal fondo di una nuvola e poi colpiscono l’oceano e creano onde che a volte possono essere di dimensioni enormi quando iniziano a interagire tra loro.”

Un’altra citazione, presa dal meteorologo della Colorado State University, Steve Miller, ha trasformato una banale affermazione scientifica in un mistero allettante:
Di solito non si vedono i bordi dritti con le nuvole. Il più delle volte, le nuvole sono casuali nella loro distribuzione.

Entrambe le affermazioni sono reali. Tuttavia, nessuno scienziato sostenne che il meccanismo che stavano descrivendo avesse una relazione con la presunta sparizione di navi e aerei nell’area. In un articolo apparso su USA Today del 21 ottobre 2016, entrambi gli scienziati hanno suggerito che i loro commenti erano stati mal interpretati da Science Channel.
Steven Miller, che è apparso sul rapporto di Science Channel, ha detto che questo modello meteorologico non può essere la causa delle scomparse nel Triangolo delle Bermuda, perché accade ovunque.

Si tratta di un fenomeno comune che si verifica globalmente – il più delle volte accade in luoghi di latitudine medio-alta sopra gli oceani, e di solito durante la stagione fredda“, ha detto lo scienziato dell’Istituto Cooperativo per la Ricerca nell’Atmosfera dell’Università Statale del Colorado.
Qualsiasi spiegazione fisica per un numero anomalo di sparizioni in un’area specifica dovrebbe avere, come caratteristica distintiva, qualcosa che la rende unica a quell’area. La spiegazione della nuvola esagonale non riesce a soddisfare questa condizione, come spiega Miller su USA Today:
Le immagini meteorologiche satellitari che mostrano pattern a nido d’ape, come quelli sopra il Triangolo delle Bermuda, sono strane da vedere, ma non sono rare. Queste cellule aperte e chiuse si verificano quando l’aria fredda e secca si mescola con l’acqua calda.”

Gli schemi sono solitamente individuati nel nord dell’Atlantico settentrionale e nel Pacifico settentrionale durante il tardo autunno e l’inizio della primavera. Un rapporto di Science Channel che collega il fenomeno meteorologico al Triangolo delle Bermuda ipotizza che i modelli di nubi, che possono creare correnti ascensionali e discendenti, potrebbero essere responsabili di attività insolite.

Infine, l’esistenza del Triangolo delle Bermuda come un luogo misterioso in cui le navi e gli aerei scompaiono frequentemente senza spiegazione è lontano da un fatto accettato. Un libro del 1975, di Lawrence Kusche, ha esaminato le registrazioni di molte delle cosiddette sparizioni e le ha trovate discutibili, inaccurate o abbellite.

Nel 2013, il World Wide Fund for Nature (WWF) ha pubblicato uno studio esaustivo delle regioni di spedizione più pericolose negli oceani del mondo. Del triangolo delle Bermuda non c’è traccia alcuna.

Fonte: Snopes, Il Giornale.it

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: