Sunday, 18 Nov 2018

Trovati in una caverna dell’Asia centrale i resti di una ragazza ibrida Neandertal e Denisovian

Oltre 40.000 anni fa, l’Eurasia era popolata da due specie di ominidi antenate dei moderni Sapiens: i Neanderthal e una specie più misteriosa di cui sappiamo ancora davvero poco nota come Denisovans. A quanto pare, non era raro che uomini e donne delle due specie si incrociassero dando vita a figli ibridi.

Un frammento di osso scoperto in una grotta in Asia centrale, nota per la grande concentrazione di reperti umani di tutte le epoche suggerisce che l’unione tra Neanderthal e Denisovan fosse fertile e che avvenisse abbastanza di frequente. La notizia è stata pubblicata sulla rivista Nature. I ricercatori sostenevano da tempo che queste due specie dovevano essersi incrociate, ma, finora, non era stata trovata la cosiddetta pistola fumante per dimostralo.

Nel 2012, gli scienziati hanno portato alla luce un piccolo frammento di osso di ominide nella grotta di Denisova in Asia centrale. Le recenti analisi genetiche delle antiche vestigia hanno rivelato che apparteneva a una femmina adolescente, non più giovane di 13 anni, che aveva una madre di Neanderthal e un padre Denisovan.

Sapevamo da studi precedenti che Neanderthal e Denisovan dovevano essersi occasionalmente incrociati“, ha riferito Viviane Slon, ricercatrice presso l’Istituto Max Planck per l’Antropologia Evolutiva (MPI-EVA). “per la prima volta siamo stati abbastanza fortunati da individuare il frutto diretto di uno di questi incroci.“.

A rendere il ritrovamento ancora più interessante è uscito fuori il fatto che la madre Neanderthaliana sembra essere geneticamente più vicina ai Neanderthal che vivevano nell’Europa occidentale che ai Neanderthal di Altai che è noto abbiano abitato la grotta di Denisova. L’analisi del genoma ha anche mostrato che il padre Denisovano aveva almeno un antenato di Neanderthal nel suo albero genealogico. Ciò suggerisce che la “figlia dell’amore” tra una Neanderthaliana e un Denisovano, scoperta da poco, non fu frutto del caso.

Una vista della valle da sopra il sito archeologico della grotta di Denisova, Russia. B Viola, MPI f. Antropologia evolutiva

L’aspetto particolarmente interessante sta nel fatto che da un singolo genoma siamo stati in grado di rilevare più istanze di interazioni tra Neanderthal e Denisovani“, ha spiegato il co-autore dello studio Benjamin Vernot dell’MPI-EVA.

Svante Pääbo, direttore del Dipartimento di genetica evolutiva presso l’MPI-EVA, ha aggiunto: “Neandertaliani e Denisovani potrebbero non aver avuto molte occasioni di incontro, ma quando le hanno avute, devono essersi accoppati frequentementemolto più di quanto pensassimo in precedenza.

Sui Neanderthal sono disponibili numerose informazioni, ma chi erano i Denisovani?

Sfortunatamente, anche gli scienziati ne sanno relativamente poco. La grotta di Denisova, dove è stata fatta questa scoperta, è l’unico luogo in cui sono mai stati scoperti resti fisici di Denisovans. I ricercatori sanno che i Denisovani, che sono i parenti estinti più prossimi degli esseri umani attualmente viventi, si sono separati dall’Homo sapiens circa 744.000 anni fa.

È anche noto che i primi tra i primi Sapiens e Denisovans avvennero degli accoppiamenti. L’eredità genetica Denisovans è ciò che permette ai tibetani di prosperare in alta quota , oltre a influenzare il sistema immunitario di certe persone.

Sappiamo anche che i primi esseri umani si accoppiarono spesso anche con i Neanderthal. In realtà, la maggior parte degli uomini di origine europea o asiatica hanno circa il 2% di DNA di Neanderthal.

La storia degli antichi ominidi e dei primi umani è ancora misteriosa e, come dimostra questa ricerca, rimane una storia piena di mistero.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: