Sunday, 21 Oct 2018

Fake News, fake science: dopo i midiclorians, la velocità curvatura. Un altro falso articolo scientifico

La pseudocultura e le fake news continuano ad imperversare sui media, trovando appigli di credibilità in pubblicazione messe online da riviste con pochi scrupoli, disposte a pubblicare, a pagamento, studi e lavori privi di veri riscontri scientifici senza sottoporli a peer review come invece fanno le riviste che serie, il cui accesso, ahimè, è solitamente a pagamento.

Ogni tanto qualcuno, però, prova a portare in evidenza questa stortura del sistema culturale. Qualcuno ricorderà l’articolo inesistente citato come riferimento in più di 400 lavori pubblicati online, oppure il falso studio sui midiclorians, quegli organuli che popolerebbero il sangue dei cavalieri Jedi di Star Wars, che fu preso per vero e pubblicatoda 4 presunte riviste scientifiche.

Un ricercatore impegnato nello smascherare i cosidetti “periodici predatori”, quelle riviste pseudoscientifiche che, come dicevamo, pubblicano qualsiasi cosa purchè si sia disposti a pagare, ha proposto uno studio sperimentale sulla velocità curvatura, più precisamente sulla possibilità di superare la velocità “warp 10“.

Nell’universo di “Star Trek”, la fantastica velocità di Warp 10 è rimasta per molto tempo fastidiosamente irraggiungibile. Tuttavia, un recente articolo pubblicato in un diario ad accesso aperto descrive un esperimento che studiato per tentare di violare quel limite.

Il fatto che “l’esperimento” descritto nel documento non sia stato condotto in un laboratorio del mondo reale, ma in un episodio della serie di fantascienza “Star Trek: Voyager“, rivela quanto sia facile pubblicare finte scienze in alcuni cosiddetti “periodici predatori”.

L’autore dello studio, è un biologo, fan di “Star Trek”, e l’articolo è basato su un episodio della serie televidiva “Voyager“. Lo ha presentato a 10 riviste ad accesso aperto note o sospettate di addebitare commissioni di pubblicazione agli autori senza fornire i servizi editoriali associati alle riviste legittime, come un’accurata revisione tra pari e la verifica delle affermazioni dello studio. Quattro di queste riviste hanno accettato l’articolo anche se una sola, l’American Research Journal of Biosciences, ha pubblicato documento.

Questi cosiddetti diari hanno standard scientifici bassi o inesistenti e la volontà di stampare qualsiasi documento presentato.

Dei quattro periodici predatori che hanno accetato il documento, nessuno ha riconosciuto la falsificazione, anche quelli che fornivano una revisione da pari. L’autore del documento, che ha preferito mantenere l’anonimato si presenta online come “BioTrekkie”.

BioTrekkie ha detto di essersi ispirato al famoso studio sui midiclorians. Quel documento era una pungente operazione di  Neuroscettico, lo pseudonimo che gestisce il blog di Discover Magazine . Secondo Neuroscettico, lo scopo era di dimostrare che certe riviste predatorie che offrono pubblicazioni ad accesso aperto, non fanno peer-reviewed ma pubblicano qualsiasi cosa a pagamento.

La ricerca di BioTrekkie segue “Voyager” Episode 32, “Threshold”, dove il Lt. Thomas Paris allestisce una navetta sperimentale per attraversare il limite di curvatura 10. (Questo concetto coinvolge le navi che vanno più veloce della velocità della luce e non ha assolutamente analogie nel mondo reale.) Dopo un viaggio di successo, l’ormai squilibrato Paris rapisce il capitano Kathryn Janeway per un secondo viaggio. Dopo aver attraversato il confine del transwarp, entrambi si trovano rapidamente evoluti in quello che apparentemente è il futuro stato anfibio dell’umanità. Alla fine, sia Paris che Janeway tornano alla loro forma umana.

Il documento descrive la trama dell’episodio come se fosse stata un ricerca sperimentale. Nello studio viene usata la parola “celerity“, che significa estrema velocità, nel titolo, ma durante le’sposizione BioTrekkie descrive esplicitamente la massima celerità teorica come “curvatura 10.” Nonostante questa e altre finzioni, incluse quelle che coinvolgono l’autore e l’affiliazione, il documento è stato pubblicato come ricerca legittima.

Alla fine del documento, si auspicano ulteriori studi futuri sull’impatto della curvatura 10 sulla genetica umana e sui cambiamenti fisici.

Parlando come se l’esperimento fosse un fatto, anziché una finzione, BioTrekkie scrive: “Dato che ora sappiamo cosa aspettarci, possiamo imporre l’intenso trattamento antiprotone in anticipo, possiamo inserirlo in uno shuttle come compensatore della metamorfosi“.

Gli abbonamenti alle riviste accademiche possono essere costosi, e questa è una cosa che tiene i risultati della ricerca fuori dalla portata di alcuni scienziati e del pubblico. Negli ultimi anni, gli editori hanno fondato riviste ad accesso aperto che consentono a chiunque di leggere le proprie pubblicazioni, senza costi aggiuntivi. Le cosiddette riviste predatorie si concentrano maggiormente sulle tariffe e meno sulla precisione scientifica.

Le riviste predatorie “non sono selettive in ciò che pubblicano, sono essenzialmente riviste contraffatte, che imitano l’aspetto e l’atmosfera delle riviste online legittime, ma con l’obiettivo singolare di fare soldi facili“.

BioTrekkie ha pubblicato la sua ricerca, che elencava sei membri del cast di “Star Trek: Voyager“come autori. Nella biografia tutti e sei venivano indicati come affiliati del Dipartimento di ingegneria biomedica presso la Starfleet Academy.

Dei 10 periodici a libero accesso scelti per l’invio, solo uno ha notato che la Starfleet Academy sembrava essere un’affiliazione fittizia. Nessuno ha notato i riferimenti “Star Trek”, nonostante il fatto che nella ricerca utilizzasse l’inconfondibile definizione ” warp 10“.

Quattro riviste hanno accettato il documento ma chiesto alcune revisioni. Un quinto giornale ha respinto il documento perché risultava già pubblicato online sull’American Research Journal of Biosciences.

“Tra i quattro che l’hanno accettato, due non hanno fornito alcun feedback da parte dei revisori, mentre altri due hanno fornito una presunta recensione tra pari”, ha spiegato BioTrekkie.

La peer review è un caposaldo della ricerca accademica, con scienziati non coinvolti nella ricerca che riesaminano i metodi e chiedono chiarimenti. Il processo aiuta a garantire che gli esperimenti siano ripetibili quando possibile, oltre a valutare se i risultati supportano l’interpretazione dell’autore. La revisione tra pari fornita dalle due riviste non era all’altezza.

Secondo BioTrekkie, le riviste open-access richiedono quasi sempre una notevole tassa di pubblicazione, mentre le riviste più serie hanno solitamente commissioni molto basse o nulle.

Un esame degli studi pubblicati sulle riviste predatorie evidenza che una parte dei lavori pubblicati appaiono legittimi, il che fa pensare che gli autori potrebbero non esser estati al corrente dell’irregolarità della pubblicazione o che alcuni ricercatori abbiano ritenuto che pubblicare, a pagamento, su tali riviste fosse meglio che rimanere inediti.

Insomma, fake news in scienza fake.

Non credete a qualcuno che vi parlerà di velocità curvatura sottoponendovi uno studio pubblicato sull’American Research Journal of Biosciences  come fonte ufficiale per accreditarsi

Hits: 2108

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: