Sunday, 18 Nov 2018

Soddisfatti i requisiti della NASA per le licenze di volo con equipaggio, SpaceX e Boeing offriranno servizi anche ad altri soggetti

Boeing e SpaceX, che hanno faticato a rispettare le soglie di sicurezza stabilite dalla NASA per i veicoli commerciali con equipaggio, ora ritengono che i loro veicoli ora soddisfino tali requisiti mentre si preparano per voli di prova programmati nei prossimi mesi.

Una questione chiave nello sviluppo del CST-100 Starliner e SpaceX’s Crew Dragon è stata incentrata sulla loro capacità di soddisfare il requisito relativo alla “perdita dell’equipaggio“. Secondo tali specifiche, i velivoli autorizzati a trasportare un equipaggio umano devono poter garantire che le possibilità che si verifichino decessi o invalidità permanenti durante una missione non siano peggiori ad 1 su 270. Durante lo sviluppo dei velivoli questo requisito, significativamente più severo che nel vecchio Space Shuttle, è stato il più arduo da soddisfare..

La preoccupazione numero uno per la sicurezza del programma è la situazione attuale rispetto alla stima della perdita di equipaggio“, ha detto Donald McErlean, membro del Comitato consultivo sulla sicurezza aerospaziale della NASA, in una riunione del gruppo l’anno scorso.

Ora, nel corso di una tavola rotonda tenutasi durante il Forum sullo spazio dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics (AIAA), svoltosi il 18 settembre, i dirigenti delle due società hanno affermato di ritenere che i loro veicoli rispettino tali requisiti di sicurezza.

John Mulholland, vice presidente e program manager per il programma commerciale con equipaggio della Boeing, ha affermato che la compagnia ha valutato tre requisiti separati, tra cui la perdita dell’equipaggio, i rischi di lancio e rientro e la perdita completa della missione. “I nostri team hanno lavorato per un certo numero di anni su questi parametri“, ha detto, notando che queste analisi hanno portato a cambiamenti importanti nel design del veicolo per prevenire problemi dovuti a micrometeoroidi e ai detriti orbitali.

Adesso la nostra analisi dimostra che possiamo superare i requisiti della NASA per tutti e tre questi criteri“, ha concluso.

Benjamin Reed, direttore della gestione dell’equipaggio delle missioni commerciali di SpaceX, ha dichiarato che la sua azienda si trova in una situazione simile. “Pensiamo di avere ormai soddisfatto i requisiti“, ha detto.

Kathy Lueders, responsabile del programma commerciale con equipaggio della NASA, non ha confermato che le due società abbiano effettivamente soddisfatto tali requisiti di sicurezza. “Stiamo studiando i modelli di valutazione che ciascuno dei fornitori ha fornito.”

Testare i preparativi per il volo

Queste valutazioni arrivano mentre i voli di prova per i veicoli di entrambe le compagnie si stanno avvicinando. secondo i programmi rilasciati dalla NASA all’inizio di agosto, SpaceX ha pianificato di effettuare un volo di prova senza equipaggio a novembre, mentre il primo volo con equipaggio sarà svolto nell’aprile 2019. Boeing effettuerà il suo volo di prova senza equipaggio vrso la fine dell’anno o all’inizio dell’anno prossimo mentre il volo di test con equipaggio dovrebbe svolgersi verso la metà del 2019.

L’amministratore delegato di SpaceX, Elon Musk, tuttavia, ha accennato a un leggero ritardo nel programma della sua compagnia durante l’annuncio tenutosi il 17 settembre sui piani dell’azienda portare un miliardario giapponese e un gruppo di artisti attorno alla luna sul Big Falcon Rocket (BFR), la grande astronave che l’azienda sta sviluppando.

Speriamo di fare un volo di prova del Dragon Crew a dicembre, e poi un volo con equipaggio il prossimo anno, si spera entro il secondo trimestre del prossimo anno“, ha detto, specificando che i voli commerciali con equipaggio costituiscono la “massima priorità” per l’azienda.

Il direttore Reed ha rifiutato di commentare qualsiasi potenziale slittamento dei programmi di SpaceX. “Lavoriamo a stretto contatto con la NASA per trovare le date giuste“, ha detto dopo il panel. Durante il panel ha detto che la navicella Dragon Crew che sarà utilizzata per il primo test è già in Florida per il lavoro di integrazione finale, mentre il primo e il secondo stadio del Falcon 9 che lo lancerà sono stati testati presso il sito di test dell’azienda di McGregor, in Texas. Le revisioni finali di certificazione per quella missione sono state programmate con la NASA.

Mulholland ha invece sostenuto che Boeing ha tre navicelle Starliner in varie fasi di sviluppo, due saranno utilizzati per i voli di prova, mentre un terzo verrà sfruttato per un test di abort pad che si svolgerà tra i due voli. Anche la costruzione dei due razzi Atlas 5 della United Launch Alliance per i voli di prova è quasi completata. Il programma annunciato ad agosto per i voli di prova Starliner è rimasto invariato, ha detto dopo il panel.

Riutilizzazione dei veicoli

La tavola rotonda ha anche affrontato i piani di entrambe le società per riutilizzare i loro veicoli. Per il momento, SpaceX dovrebbe utilizzare un nuovo veicolo per ciascuno dei suoi voli con equipaggio.

Reed ha spiegato che SpaceX ha in programma di riutilizzare i suoi veicoli Crew Dragon, come fa con la versione cargo della navicella spaziale. “Il Crew Dragon, proprio come il Cargo Dragon, è stato progettato fin dall’inizio per essere un veicolo completamente riutilizzabile, e questo resta il nostro obbiettivo.” A prova di ciò, il velivolo utilizzato per laprima missione senza equipaggio verrà riutilizzato per il test di aborto missione prima del volo con equipaggio.

Per le missioni operative commerciali con equipaggio, Reed ha detto che SpaceX prevede di utilizzare inizialmente un nuovo veicolo per ogni missione, con lo scopo di realizzare una vera e propria flotta. Durante i primi lanci la compagnia lavorerà con la NASA sulla certificazione dei velivoli che hanno già volato per il riutilizzo.

Questo approccio, ha detto, è simile alla versione cargo del Dragon, infatti SpaceX inizialmente utilizzava un nuovo veicolo ad ogni volo, fino a quando ha ottenuto dalla NASA l’approvazione per il riutilizzo dei veicoli, che ora vengono rgolarmente riutilizzati nelle missioni cargo Dragon. “È stato un approccio di grande successo“, ha affermato. “Stiamo seguendo lo stesso piano di base.”

Boeing, al contrario, prevede di riutilizzare le sue capsule Starliner sin dall’inizio. Mulholland spiegato che la società ha definito quali ispezioni, test e rinnovi dei veicoli saranno necessari per ogni capsula tra un volo e l’altro, un processo che, secondo lui, dovrebbe richiedere circa quattro mesi.

È stato proprio il desiderio di riutilizzare fin da subito la propria capsula che ha spinto Boeing a decidere di far atterrare il veicolo spaziale a terra, in una delle cinque località selezionate negli Stati Uniti occidentali, piuttosto che ricorrere al classico splash down in mare. “È necessario portare i veicoli a terra e non in mare per poter garantire il rapido riutilizzo delle capsule“. La Starliner ha la capacità di scendere in mare in caso di emergenza, ma, in quel caso la capsula finirebbe abbandonata e non sarebbe riutilizzabile.

Secondo Reed, l’esperienza già fatta da SpaceX con la versione cargo del Dragon ha dimostrato che l’atterraggio in mare non è stato un grosso ostacolo alla riusabilità.

Mercati non-NASA

Un fondamento chiave del programma commerciale con equipaggio è che la NASA non sarebbe l’unico cliente per questi veicoli, con le aziende libere di usarli per altri clienti. Sia Boeing che SpaceX hanno affermato di essere ottimisti riguardo alle possibilità che il mercato dei voli con equipaggio possa espandersi al di là della NASA, una volta aperto.

Vediamo molte opportunità. Stiamo lavorando a una serie di opzioni interessanti con vari partner commerciali“, ha spiegato Reed.

Mulholland ha invece affermato che Boeing è “attivamente impegnata” nel costruire opportunità commerciali per lo Starliner con altri paesi ed entità.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: