Sunday, 18 Nov 2018

Le pietre di Aztlan

di Oliver Melis

Le misteriose Pietre di Aztlán, conosciute anche come come le Ojuelos Piedras, scoperte alcuni anni fa ci raccontano una storia strana e bizzarra, almeno cosi ci vogliono far credere alcuni ricercatori che le hanno analizzate: queste pietre, a detta di tali ricercatori, descriverebbero un Contatto Extraterrestre avvenuto 27 mila anni fa!!

Le Pietre di Aztlán sono alcuni oggetti in ceramica scoperti alcuni alcuni anni fa, sulla loro superficie sono rapprentate delle strane figure che, inizialmente, si era supposto avessero origini preispaniche ma, per alcuni, mostrano volti che vengono descritti e interpretati come alieni grigi vicino a disegni che sembrano dischi volanti.

Le “investigazioni” di García Sánchez e altri ricercatori hanno permesso di valutare che il numero di figurine rappresentate varia da 300 a 3.000, e, almeno cosi raccontano i siti “scandalistici”, osservandone bene alcune di queste. è possibile identificare almeno tre crani di alieni. Questa pietra racconterebbe la storia della città degli Aztechi, cioè, la mitica città di Aztlán. Non a caso la famosa Pietra circolare di Aztlán mostra volti di alieni nel mezzo del calendario azteco.

Secondo i “report” dei ricercatori e degli investigatori UFO, le statuette sono state analizzate con i metodi del Carbonio 14, giungendo alla conclusione che risalgono ad almeno 27.000 anni fa, quindi apparentemente molto antiche. Non ci spieghiamo come però siano riusciti a datare la ceramica con il metodo del radiocarbonio che viene usato su resti fossili di esseri viventi e non di rocce o pietre per le quali esistono altre tecniche di datazione, ma questo, per i famigerati ricercatori UFO e per i siti scandalistici, a quanto pare è solo un insignificante dettaglio.

Le statuette erano, comunque, almeno inizialmente poco considerate e in pochi ne parlavano, fino a quando una nostra vecchia conoscenza, l’ufologo messicano Jaime Maussán le ha analizzate.
Maussàn in seguito ha presentato uno speciale nel suo programma Tercer Milenio, dove il ricercatore austriaco Klaus Dona e il fisico teorico del progetto di risonanza scientifica Nassim Haramein hanno commentato le investigazioni sulle Pietre di Ojuelos che sono state presentate come un autentico mistero, aggiungendo che il tutto è connesso con il ritrovamento delle Mummie Aliene di Nazca in Perù.
Le Mummie Aliene di Nazca sono simili ai disegni che si trovano nelle ceramiche di Ojuelos e mostrano Alieni Grigi con occhi e testa sproporzionati.

Secondo i teorici degli UFO questi esseri avrebbero preso contatto con le popolazioni locali mesoamericane (preispaniche) in tempi pre-preistorici.

Questa storia ci fa venire in mente sia le pietre di Ica che i dischi di baian kara ula e la presenza di Jaimes Maussàn ci mette in guardia ulteriormente. Le pietre di Ica erano un clamoroso falso, creato ad arte vista la propensione dei tanti creduloni a comprarle, sui dischi abbiamo già scritto tempo fa e la mummia non ha nulla di alieno o misterioso, e da come viene presentata la scoperta i dubbi che si tratti di una bufala non sono pochi, non capiamo come si possa analizzare una piccola mummia estratta da una scatola di cartone in un terrazzo e come si possa commettre il marchiano errore di studiare della ceramica datandola con il metodo del carbonio 14, ma questi come detto sono solo dettagli.

Fonti: Gli indipezzenti; Segni dal cielo; Fanpage.it

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: