Tuesday, 20 Nov 2018

Quando le cospirazioni sono reali: il programma MKUltra della CIA

Quante volte, girando in rete e soprattutto sui siti cospirazinisti, abbiamo letto la parola “MKUltra“? 

Di solito, questo termine, o sigla, viene utilizzato in associazione alla parola CIA, insieme a frasi come “controllo della mente“, “lavaggio del cervello“, “ipnotizzare” e roba simile. Di solito viene inserita in contesti in cui si parla di esperimenti segreti della CIA durante la Guerra Fredda.

In effetti, come ci dice Wikipedia, MKUltra “era il nome in codice dato a un programma illegale e clandestino di esperimenti sugli esseri umani studiato dalla CIA durante gli anni cinquanta e sessanta del XX secolo, che aveva come scopo quello di identificare droghe e procedure che, integrando altre tecniche di tortura, facevano confessare le persone che vi venivano sottoposte“. Il progetto MKUltra generò, a suo tempo ma continua a generarne ancora, una valanga di articoli stravaganti pieni di contenuti spesso non comprovati, oltre a diventare fonte di ispirazione per trame di film e romanzi, ad esempio, l’ultimo episodio della seconda stagione di Stranger Things.

In tempi recenti, il progetto MKUltra è stato utilizzato da molti siti cospirazionisti per spiegare un po’ tutti i presunti complotti segreti del governo americano.

Infatti, come sottolineato da Rolling Stone, MKUltra è spesso associato a esperimenti relativi a pseudoscienze, come la telepatia, la visione remota (vedere le cose a grande distanza) e la psicocinesi (spostare le cose con la mente). Sebbene non associati a MKUltra, questi esperimenti sono stati effettivamente eseguiti dall’esercito degli Stati Uniti negli anni ’70 -’80 sotto il moniker Project Stargate .

Su questo, scriveremo un altro articolo. Su MKULtra, la verità della questione è più sobria e visceralmente triste di quanto si possa trovare sui siti cospirazionisti.

Attraverso lo specchio

Cos’era, in realtà, MKUltra? Certamente non era solo una voce o un mito, ma un programma progettato per indagare su un fenomeno che alcuni nel governo degli Stati Uniti speravano avrebbero dato loro un vantaggio rispetto all‘Unione Sovietica e alla Cina.

No, non stiamo parlando di poteri psichici o esseri transdimensionali qui, ma di guerra psicologica, biologica e chimica. Sì, il lavaggio del cervello e la riprogrammazione erano parte di esso.

Il progetto MKUltra fu avviato nel 1953 e, nell’arco di un paio d’anni, ipnosi, intossicazione attraverso alcool, la protezione contro il “lavaggio del cervello” durante gli interrogatori, la perdita di memoria, l’anemia acuta, l’induzione di shock e confusione e altro ancora furono studiati e testati sperimentalmente.  Secondo quanto riporta un rapporto presentato al senato degli Stati Uniti nel 1977, quattro anni dopo la chiusura ufficiale del progetto, le cose finirono per andare un bel po’ oltre, “sfuggirono di mano” recita generosamente il rapporto.

Dovrebbe essere chiarito fin dall’inizio che in generale, ci stiamo concentrando su eventi accaduti da oltre 12 ad almeno 25 anni fa“, inizia il rapporto. “Va sottolineato che i programmi che destano maggiore preoccupazione sono stati fermati e che stiamo rivedendo questi eventi passati per capire meglio quali statuti e linee guida potrebbero essere necessari per prevenire il ripetersi di tali abusi in futuro.”

La ricomparsa delle segnalazioni degli abusi del programma di test antidroga e le segnalazioni di altri programmi di test antidroga precedentemente sconosciuti oltre a progetti di controllo comportamentale, sottolineano la necessità di efficaci procedure di supervisione, sia nel ramo esecutivo che nel Congresso“.

MKUltra era un tentativo ambizioso, moralmente corrotto, di un’agenzia paranoica e proattiva, che si intensificò molto rapidamente in un brevissimo lasso di tempo, culminando nella sperimentazione di droghe illegali su migliaia di individui, in nome della sicurezza nazionale. Una volta, la figlia di uno dei soggetti sottoposti agli esperimenti ha affermato : “Quello che tentano di fare è cancellare le tue emozioni. Ti spogliano della tua anima.

Insomma, cosa successe?

L’inizio

Il 13 aprile 1953, il direttore della CIA approvò il progetto MKUltra. La guerra coreana era giunta al termine, e, quando alcuni prigionieri di guerra americani furono rilasciati, tornarono in patria elogiando pubblicamente il comunismo e denunciando l’America. Ovviamente alla CIA conclusero subito che erano stati sottoposti al lavaggio del cervello e si decise che era necessario avere delle tecniche in grado di impedire che i propri agenti vi fossero sottoposti e, al contempo, che poteva essere utile potervi sottoporre gli agenti nemici.

Il progetto venne portato avanti in stato di estrema segretezza, si temeva che l’opinione pubblica avrebbe potutto ribellarsi se ne fosse venuta a conoscenza: “Ultra” stava proprio ad indicare il massimo grado di classificazione attribuitovi.

Non era nemmeno un singolo progetto, ma 162 diversi progetto, finanziati indirettamente dalla CIA. Come notato da The Smithsonian, furono coinvolte almeno 80 istituzioni di ricerca, con almeno 185 ricercatori impegnati, molti dei quali non sapevano nemmeno di star lavorando per la CIA.

Il rapporto presentato al senato spiega che “alcuni test furono eseguiti inconsapevolmente su criminali psicopatici sessuali“. Addirittura, 12 ospedali furonopagati per condurre esperimenti su pazienti con cancro terminale. Si èparlato anche di esperimenti su bambini ma, al momento, non sono stati dimostrati.

Il rapporto spiega che, tra tutti questi sottoprogetti, otto di essi riguardavano l’ipnosi, sei riguardavano l’uso di “agenti patogeni esotici e la capacità di incorporarli in sistemi di rilascio efficaci” e tre “Su attività la cui natura semplicemente non può essere determinata“.

Alcuni progetti non specificati furono studiati per essere utilizzati dalla divisione Operazioni speciali dell’esercito, altrimenti nota come forze speciali.

Lavaggio del cervello e bere a spillo

Un testimone coinvolto nel progetto MKULtra sul lavaggio del cervello affermò davanti al senato, nel 1977, che non si era riusciti ad utilizzare le droghe per alterare la mente nel modo voluto, tuttavia, l’isolare un essere umano e metterlo in condizioni estremamente stressanti sembrava rendere le persone conformi.

Secondo il testimone, il famoso film del 1962, The Manchurian Candidate, basato sul lavaggio del cervello e la sua riprogrammazioneci ha creato dubbi per molto tempo, perché rendeva plausibile qualcosa di impossibile.” Si è scoperto che l’abilità fantastica di riscrivere completamente la mente umana e convincere qualcuno a rinunciare al proprio libero arbitrio in modo permanente, non esiste. Si può torturare o influenzare sottilmente qualcuno fino a spingerlo a fare qualcosa, ma il lavaggio del cervello come inteso nel linguaggio comune non è possibile.

Anche le droghe che alterano la mente, come l’LSD, furono pesantemente testate nei programmi di ricerca. I dettagli rimangono un po ‘sfocati, ma sembra che siano state somministrate a molte persone in situazioni sociali senza che loro ne fossero consapevoli.

Nel 1953, ad un gruppo di scienziati che stavano partecipando ad una conferenza fu somministrato LSD senza che ne fossero consapevoli. Uno di loro era il dott. Frank Olson, che in precedenza aveva lavorato con l’esercito americano per sviluppare tecniche di guerra biologica. Olson fu l’unico a sviluppare gravi paranoie e schizofrenia.

Poche settimane dopo, a New York, un agente della CIA rimase con lui in una camera di un albergo al decimo piano con la scusa di sottoporlo ad un trattamento terapeutico. Quella notte Olson si gettò contro la finestra della camera, sfondandola, e morì precipitando sul marciapiede sottostante. Le circostanze rimangono ambigue e misteriose ancora oggi.

Inno internazionale

Il The Guardian raccontò la storia del defunto Ewen Cameron, uno psichiatra scozzese che lavorava in Canada negli anni ’50, il quale si chiedeva se si potesse corrompere la mente di qualcuno e farlo agire in modi specifici e desiderabili. Presso l’Allan Memorial Institute di Montreal – un reparto psichiatrico canadese – la CIA finanziò Cameron per condurre esperimenti orribili sui pazienti: terapia elettroshock, sonno indotto da farmaci, iniezioni di dosi massicce di LSD e altro ancora.

I pazienti venivano ridotti ad uno stato di estrema confusione. A questo punto, venivano costretti ad ascoltare registrazioni verbali in cuffia, prima negative, poi positive. L’esperimento serviva a tentare di riprogrammare i soggetti ad eseguire qualsiasi ordine.

Molti di questi pazienti sono stati rilasciati con danni mentali permanenti.

Ai soggetti sottoposti agli esperimenti di questo ramo di MKUltra furono, dal 1992, assegnati compensi monetari, ma a molti non fu concesso il risarcimento poiché non si pensava che fossero stati danneggiati abbastanza dal progetto. Il governo canadese, che conosceva solo parzialmente la portata delle questioni, non ha mai ammesso alcuna responsabilità legale, ma ha offerto pagamenti per motivi umanitari.

Il nome di Cameron potrebbe essere noto in questi giorni, ma molti altri partecipanti non lo erano. Il caso fu sottoposto alla Corte Suprema nel 1985 le cui conclusioni sancirono cge, sebbene ci si potesse appellare al Freedom of Information Act (FOIA), i nomi di coloro che furono direttamente coinvolti in MKUltra dovevano restare segreti al fine di preservare le loro coperture. Anche coloro che non erano consapevoli di lavorare per la CIA furono preservati.

Anche all’interno dello stesso progetto MKUltra quasi nessuno conosceva esattamente la portata degli esperimenti in corso. Come spiega il documento del 1977, l’agenzia distrusse moltissimi documenti nel 1973, in seguito allo scandalo Watergate. Molti altri documenti erano già stati distrutti nel corso degli anni come da routine standard. Ciò che è noto del progetto proviene da testimonianze e da appelli al FOIA che hanno rinvenuto documenti di bilancio MKUltra che erano stati archiviati in modo errato.

Sebbene la CIA abbia rilasciato alcuni nuovi documenti, la questione della responsabilità e l’identità di chi sapeva del progetto in quel momento, rimane enigmatica.

L’ammiraglio Stansfield Turner, nominato a guidare la CIA nel 1977, intervenne all’udienza della commissione di quell’anno. Rispondendo alle domande del panel, Turner ha affermò che “non vi sono prove presso l’Agenzia di alcun coinvolgimento a livello superiore, della Casa Bianca, per essere chiari, non risulta un’approvazione specifica. Ciò non significa che non ci fosse “, ha aggiunto,” ma non abbiamo prove che lo attestino“.

Il senatore Inouye provocò Turner, chiedendogli: “Sei personalmente soddisfatto dall’attuale indagine dalla quale risulta che che queste informazioni appena scoperte furono tenute intenzionalmente nascoste al Senato degli Stati Uniti?

Non ho modo di provarlo, signore.” fu la risposta.

Fonti: Wikipedia, The Guardian, Cia, Corte Suprema degli Stati Uniti

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: