Sunday, 18 Nov 2018

Jean Hilliard: L’ibernata

di Oliver Melis

Jean Hilliard ha recuperato completamente dopo essere stata trovata completamente congelata nel Minnesota.

La storia di Jean Hilliard, una donna ristabilitasi completamente dopo essere stata trovata congelata nella neve del Minnesota, è stata condivisa in varie forme da quando è stata pubblicata per la prima volta nel 1980. E, dopo ogni nuova condivisione, la storia ha assunto contorni sempre più sorprendenti, fino a sfociare nel mistico.

Uno dei primi resoconti dell’incidente, pubblicato dalla Montreal Gazette il 30 dicembre 1980, raccontava come Hilliard fosse collassata in una notte passando dai 22 gradi a temperature sotto lo zero mentre cercava un riparo dopo un incidente automobilistico. Venne recuperata come una vera e propria statua di ghiaccio dopo sei ore e portata in ospedale: respirava appena due o tre volte al minuto e il suo cuore batteva solo otto volte al minuto.

Secondo il giornale canadese, il Dr. George Sather, uno dei primi a prestare soccorso alla donna, avrebbe detto: “Pensavo che fosse morta, ma poi abbiamo percepito un gemito estremamente debole. Allora abbiamo capito che quella persona aveva ancora un barlume di vita“.

Le possibilità di sopravvivenza di Jean furono comuqnue giudicate scarse, la sua temperatura corporea non veniva registrata dal termometro e questo significava che era inferiore ai 26,5 gradi.

Non c’erano prove di un polso o di una pressione sanguigna“, ha detto al fratello di Jean, il dottor Edgar Sather. “Il suo corpo era troppo congelato per trovare una vena per ottenere un impulso cardiaco.

La maggior parte delle storie pubblicate su Jean Hilliard subito dopo l’incidente hanno raccontato dell’utilizzo di tappetini elettrici per scaldare il corpo e di bombole di ossigeno per il suo recupero, ma a ogni nuova condivisione la storia è diventata sempre più sensazionale.

Quando Weekly World News (la stessa pubblicazione ha raccontato al pubblico fantastiche storie di finzione sul “Bat Boy” mezzo-pipistrello e sugli UFO di Hitler) ha pubblicato una versione del racconto nel gennaio 1981, alle citazioni dei genitori della Hilliard sono state aggiunte la guarigione dovuta al potere della preghiera. Guide Post Magazine ha portato questo tema ancora oltre, sostenendo che una catena di preghiera aveva salvato la vita di Jean Hilliard.

Durante le prime ore in cui la catena di preghiera era in corso, le mie gambe e i miei piedi, invece di diventare più scuri come previsto dal Dr. Sather, iniziarono a schiarire e riguadagnare il loro colore naturale. Uno dopo l’altro, i dottori e le infermiere si presentarono per ammirare la sfumatura rosata che appariva sulla linea di demarcazione in cui l’oscurità iniziava sulla mia parte superiore delle cosce, il punto in cui il dottor Sather disse che pensava di dover amputare“. Questo il racconto della vittima del congelamento stando alle storie messe in circolo in seguito.

Ben presto centinaia e migliaia di persone furono consapevoli che una giovane donna era stata portata all’ospedale di Fosston congelata e aveva un disperato bisogno della miracolosa guarigione di Dio.

Mentre alcuni potrebbero considerare il recupero di Hilliard un “miracolo” (il New York Times ha persino citato il dottor Sather che considera la sopravvivenza della giovane donna come tale), la sua esperienza non è stata, però, unica.

In un articolo pubblicato dallo Spartanburg Herald nel gennaio del 1981, il dott. Richard Iseke dichiarò che non era insolito per il congelamento delle vittime ottenere dei recuperi completi:

Come per il recupero della donna del Minnesota congelata dopo un calvario notturno in condizioni meteorologiche estreme è stata descritta come un miracolo dal suo medico. Ma altri medici dicono che tali “miracoli” non sono così rari: altre vittime di episodi di congelamento sembrano essersi riprese completamente anche dopo periodi prolungati senza battito del cuore.

Anche se Hilliard è stata innegabilmente fortunata a sopravvivere, Iseke ha affermato che “ci sono numerosi casi clinici nella letteratura medica di persone che sono sopravvissute (con temperature corporee interne) a 26 o 27 gradi”.

Il corpo umano reagisce al freddo estremo proprio come un animale in letargo: l’attività interna rallenta, il che riduce drasticamente la richiesta di ossigeno delle cellule dal sangue.

insomma, il recupero di Jean Hilliard è stato incredibile ma non è un “mistero medico irrisolto“.

Nessun miracolo.

Fonte: Snopes.com

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: