Tuesday, 20 Nov 2018

Scoperto sul fondo del mar Nero il relitto, perfettamente conservato, di una nave greca di 2400 anni fa

I resti di un naufragio di 2.400 anni fa – i più antichi mai ritrovati intatti – sono stati rinvenuti sul fondo del Mar Nero dopo tre anni di mappatura del fondo marino.

Un’antica nave mercantile greca di 23 metri è stata scoperta completa di alberi, timoni e panche per remare. Incredibilmente, gli occhi moderni hanno visto questo tipo di nave solo in un’illustrazione sul “Siren Vase“, un vaso splendidamente decorato che raffigura la nave di Ulisse, che è attualmente al British Museum.

Una nave dal mondo classico, praticamente intatta, che giace sotto più di 2 chilometri di acqua, è qualcosa che non avrei mai creduto possibile”, ha commentato il professor John Adams, direttore dell ‘Università di Southampton e fondatore del Centro di Archeologia marittima, oltre che direttore del progetto di mappatura del fondale del mar Nero “Questa scoperta rivoluzionerà la nostra comprensione su come venivano costruite le navi e come si navigava nel mondo antico“.

Il progetto di archeologia marina del Mar Nero (Mappatura del Mar Nero) ha permesso di individuare la nave già nel 2017 a una profondità di circa 2 chilometri. Una recente datazione al radiocarbonio ha confermato che la nave risale al 400 aC circa. Il bastimento è potuto rimanere in condizioni così buone per tutti questi anni grazie alle acque anossiche e super-salate del Mar Nero, che sono prive di ossigeno disciolto, consentendo alla materia organica di rimanere preservata per secoli.

Il Mar Nero è stato a lungo un’importante rotta commerciale tra Europa e Asia, il che significa che è stato un centro di attività per innumerevoli culture e civiltà, tra cui Greci, Persiani, Sciti, Romani, Goti, Unni, Crociati e Ottomani, per citare solo alcune.

Il Mar Nero è stato mappato per oltre 2.000 chilometri quadrati utilizzando una tecnologia precedentemente utilizzata solo dalle compagnie energetiche. Nel corso di tre anni di lavoro, il team ha scoperto oltre 60 relitti di navi, che vanno dal navi del periodo classico a una flotta di incursori dei cosacchi del XVII secolo.

Il Dr Dragomir Garbov, un archeologo marino che ha lavorato al progetto, ha spiegato che molti dei relitti “appaiono letteralmente come se fossero affondati ieri“.

Il progetto di mappatura è il soggetto di un documentario di due ore, proiettato in anteprima al British Museum, che verrà poi distribuito alle reti televisive di tutto il mondo.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: