Tuesday, 20 Nov 2018

La vita extraterrestre potrebbe essere viola

La vita aliena potrebbe essere viola.

Questa è la conclusione di un nuovo documento di ricerca che suggerisce che la prima vita sulla Terra avrebbe potuto avere una tonalità color lavanda. Nell’International Journal of Astrobiology, il microbiologo Shiladitya DasSarma della University of Maryland School of Medicine e ricercatore Edward Schwieterman dell’University of California, a Riverside, sostengono che prima che le piante verdi iniziassero ad utilizzare la luce solare per ottenere energia, minuscoli organismi viola utilizzavano un modo diverso per ottenere lo stesso risultato.

Secodo DasSarma, qualche forma di vita aliena potrebbe prosperare allo stesso modo,

Gli astronomi hanno scoperto recentemente migliaia di nuovi pianeti extrasolari e stanno sviluppando la capacità di vedere le biosignature superficiali” nella luce riflessa da questi pianeti. Conosciamo già modi per rilevare la vita vegetale come la conosciamo dallo spazio, ma gli scienziati potrebbero aver bisogno di iniziare a cercare biosignature per il viola.

L’idea che sulla Terra primordiale prosperassero microorganismi viola non è nuova, DasSarma e i suoi colleghi avevano già avanzato questa teoria nel 2007.

L’idea nasce dal fatto che le piante e le alghe fotosintetiche usano la clorofilla per assorbire energia dal sole, ma non assorbono la luce verde. È strano, perché la luce verde è ricca di energia. Forse, hanno pensato DasSarma e i suoi colleghi, qualcos’altro stava già usando quella parte dello spettro quando si è evoluto il sistema di fotosintesi basato sulla clorofilla.

Quel “qualcos’altro” sarebbe un semplice organismo che catturava l’energia solare utilizzando una classe di molecole chiamate retinoidiI pigmenti retinici assorbono meglio la luce verde. Non sono così efficienti come le clorofille nel catturare l’energia solare, ma sono più semplici. Questo secondo quanto riportato dagli autori nella uova ricerca pubblicata l’11 ottobre.

La raccolta di luce retinica è ancora oggi diffusa tra i batteri e gli organismi unicellulari chiamati Archaea. Questi organismi viola sono stati scoperti dappertutto, dagli oceani all’Antartico. I pigmenti retinici si trovano anche nel sistema visivo di animali più complessi. L’aspetto dei pigmenti retinici studiati in molti organismi viventi suggerisce che si siano evoluti precocemente, in antenati comuni a molti rami dell’albero della vita. Ci sono anche alcune prove che i moderni organismi che amano il sale, pigmentati di viola, chiamati alofili, potrebbero essere collegati ad alcune delle prime forme di vita sulla Terra, che prosperavano intorno alle bocche di metano nell’oceano, ha spiegato Schwieterman.

Indipendentemente dal fatto che la vita precose sulla Terra fosse viola, è chiaro che il color lavanda sembra prevalere in alcuni microorganismi, sostengono Schwieterman e DasSarma nel loro nuovo articolo. Ciò significa che eventuale vita aliena potrebbe avere usato la stessa strategia e magari con maggior successo. E se alcune forme di vita aliena stessero usando i pigmenti retinici per catturare l’energia, gli astrobiologi li potrebbero individuare solo se cercassero le loro particolari signature.

La clorofilla, afferma Schwieterman, assorbe principalmente la luce rossa e blu. Ma lo spettro riflesso da un pianeta ricoperto di piante mostra ciò che gli astrobiologi chiamano un “bordo rosso della vegetazione“. Questo “bordo rosso” è un improvviso cambiamento nel riflesso della luce nella parte vicino all’infrarosso dello spettro, dove le piante smettono improvvisamente di assorbire le lunghezze d’onda rosse e iniziano a rifletterle.

I microorganismi fotosintetici basati sui retinoidi, d’altra parte, hanno un “bordo verde”. Assorbono la luce fino alla porzione verde dello spettro, e quindi iniziano a riflettere via via lunghezze d’onda più lunghe.

Gli astrobiologi sono stati a lungo intrigati dalla possibilità di individuare vita extraterrestre sugli esopianeti rilevando il “bordo rosso” , ma potrebbero dover prendere in considerazione anche la ricerca del “bordo verde”.

Se questi organismi fossero presenti in densità sufficienti su un pianeta extrasolare, quelle proprietà di riflessione sarebbero impresse sullo spettro luminoso riflesso di quel pianeta“.

Fonte: Live Science

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: