Tuesday, 20 Nov 2018

Mangiare cibi biologici riduce davvero il rischio di cancro? Vediamo cosa dice la scienza

Una ricerca, pubblicata su JAMA Internal Medicine, ha rilevato che coloro che hanno scelto di nutrirsi con alimenti biologici da più di 4,5 anni hanno avuto tassi di cancro leggermente più bassi, in particolare per quanto riguarda il linfoma e il cancro al seno in postmenopausa.

Attenzione, però: il fatto che esista una correlazione tra mangiare cibi biologici e tassi più bassi di cancro, non significa necessariamente che vi sia un rapporto causa effetto.

Le persone che scelgono alimenti biologici sono, generalmente, più sane, più ricche e più istruite, tutti fattori noti per avere un impatto sul rischio di cancro.

Come notano i ricercatori, questo è il primo studio nel suo genere. I risultati devono essere confermati in altri studi prima che il cibo biologico possa essere proposto come strategia preventiva contro il cancro.

Ricerche precedenti hanno tuttavia rilevato che maggiori quantità di frutta, verdura e cereali integrali associati ad una minore assunzione di carni rosse lavorate, può ridurre il rischio di cancro.

In sostanza, mangiare cibi vegetali anche non biologico va bene, specialmente se questo significa mangiare più frutta e verdura.

Come è stata condotta la ricerca?

Questa ricerca faceva parte dello studio francese NutriNet-Santé e comprendeva quasi 70.000 volontari mai colpiti da tumore.

All’inizio dello studio, la dieta di ciascun partecipante è stata valutata in base alle linee guida nutrizionali francesi e al consumo di cibo e bevande registrato in tre istantanee di 24 ore nell’arco di due settimane.

Due mesi dopo lo studio, ai partecipanti è stato chiesto di fornire informazioni specifiche sul loro consumo di 16 categorie di alimenti con etichetta biologica.

Questo includeva frutta, verdura, prodotti a base di soia, latticini, carne e pesce e così via.

I partecipanti hanno quindi ricevuto un “punteggio di cibo biologico“. Con alimenti di produzione biologica in tutte le 16 categorie, si otteneva un punteggio massimo di 32.

La salute di ciascun partecipante è stata valutata ogni anno e monitorata per un periodo di 4,5 anni. Quando si sono verificati casi di cancro, i dettagli sono stati confermati indipendentemente dall’ospedale o dal medico curante.

Cosa si è scoperto?

I punteggi dei cibi biologici dei partecipanti variavano da 0,7 a 19,4. Questi sono stati usati per dividere il gruppo in altrettanti quartili.

Il rischio complessivo di cancro era inferiore del 25% in coloro che avevano il più alto punteggio di alimenti biologici.

I tumori che mostravano la maggiore correlazione con una riduzione del rischio erano il cancro al seno (specialmente nelle donne in postmenopausa) e i linfomi (in particolare il linfoma non-Hodgkin).

Nessuna correlazione è apparsa con i tumori della prostata o del colon-retto, sebbene il lasso di tempo di osservazione relativamente breve rendeva improbabile qualsiasi cambiamento.

Di cosa dobbiamo tenere conto?

Come hanno dimostrato studi precedenti sullo stesso gruppo, le persone che scelgono prodotti coltivati ​​biologicamente tendono ad avere un reddito più elevato, livelli più alti di istruzione e diete più sane. Quindi i ricercatori hanno tenuto in considerazione questi fattori.

Hanno anche apportato aggiustamenti per altri fattori che avrebbero potuto influenzare il risultato: età, sesso, il mese in cui i partecipanti sono stati inclusi nel programma, stato civile, attività fisica, abitudine al fumo, assunzione di alcol, storia familiare di cancro, indice di massa corporea, altezza, assunzione di energia, assunzione di fibre alimentari e carne rossa e lavorata.

Per le donne (che costituivano il 78% del gruppo di studio), hanno anche tenuto conto del numero di figli avuti, l’uso di contraccezione orale, lo stato postmenopausale e l’uso di trattamenti ormonale per la menopausa.

Ma anche se i ricercatori hanno cercato di inserire correttivi sui risultati in base a questi fattori, questi erano così numerosi   che è difficile essere certi della validità dei risultati.

I partecipanti con un punteggio elevato sugli alimenti biologici avevano anche diete generalmente più sane con un maggior consumo di frutta e verdura e un minore consumo di carni rosse e lavorate. Avevano anche livelli più bassi di obesità.

Quindi i pesticidi nei prodotti convenzionali sono collegati ad alcuni tumori, come hanno ipotizzato i ricercatori?

Oppure coloro che scelgono prodotti biologici rispetto agli alimenti convenzionali hanno diete migliori e stili di vita più sani?

Questa ricerca non è, e non può essere, la risposta definitiva.

Conferma in studi futuri

Questo è il primo studio nel suo genere. L’unico studio in qualche modo simile è stato uno studio britannico del 2014 che chiedeva alle donne se mangiassero cibi biologici “mai, a volte, di solito o sempre“.

I ricercatori britannici hanno trovato un’incidenza del 21% in meno di casi di linfoma non Hodgkin nelle donne che “abitualmente o sempre” mangiavano alimenti biologici.

Hanno anche notato che nei consumatori di alimenti biologici si rilevava un lieve aumento del cancro al seno (ma le partecipanti erano anche maggiori consumatrici di alcol e avevano avuto, in media, meno figli – entrambi fattori che possono aumentare il rischio di cancro al seno).

Nel 2015, l’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato alcuni pesticidi come “probabilmente cancerogeni per l’uomo“.

Ciò significa che vi sono prove limitate di un legame tra l’uso di pesticidi e il cancro negli esseri umani, ma prove sufficienti di un legame tra l’uso di pesticidi e il cancro negli studi sugli animali sperimentali.

Esistono anche prove del fatto che le persone che consumano più prodotti di coltivazione biologica hanno livelli più bassi di residui di antiparassitari nelle loro urine e alcune ricerche mostrano che l’assunzione di prodotti biologici da loro segnalati può essere utilizzata per prevedere i livelli urinari dei metaboliti di alcuni pesticidi. Quindi è un’area degna di ulteriori ricerche.

Lo studio francese potrebbe averci detto di più se avesse incluso misurazioni più accurate dei vari alimenti coltivati ​​biologicamente che sono stati consumati e anche i livelli di particolari residui di pesticidi nell’urina dei partecipanti.

Un modo ideale per studiare questo problema in futuro sarebbe quello di monitorare i tassi di cancro in un gruppo di persone simili.

Alla metà si potrebbero dare quantità fisse di alimenti da agricoltura biologica; l’altra metà avrebbe la stessa quantità degli stessi alimenti coltivati ​​con l’agricoltura convenzionale.

I loro livelli urinari di residui di pesticidi e l’incidenza del cancro nel corso di alcuni anni potrebbero quindi essere valutati in modo più accurato.

Ma il tempo e i costi per condurre un tale studio rendono improbabile che ciò accada.

La conversazioneRosemary Stanton , Nutrizionista e Visiting Fellow, UNSW, recensito da Tim Croweprofessore associato onorario, Università di Bond.

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: