Sunday, 18 Nov 2018

Il Falcon 9 di SpaceX ha ottenuto la certificazione necessaria per il lancio di missioni scientifiche con la più alta priorità

Il razzo Falcon 9 di SpaceX può ora lanciare le missioni scientifiche più costose e con la priorità più alta della NASA.

Il Launch Services Program (LSP) della NASA ha certificato il Falcon 9 a due stadi  come un razzo di “Categoria 3“, hanno annunciato i rappresentanti SpaceX.

La certificazione LSP Categoria 3 è un risultato importante per il team Falcon 9 e rappresenta un’altra pietra miliare nella nostra stretta collaborazione con la NASA“, ha detto in una nota Gwynne Shotwell, presidente e direttore generale di SpaceX. “Siamo onorati di avere l’opportunità di fornire servizi di lancio economicamente convenienti e affidabili ai payload scientifici più critici del Paese“.

La scala di certificazione LSP arriva solo alla categoria 3, che è riservata ai lanciatori più affidabili. Secondo i tecnici dell’LSP, la categoria 3 viene certificata solo ai razzi che abbiano dimostrato di avere un’affidabilità superiore al 90%.

Per fare un confronto, i lanciatori di categoria 2, livello raggiunto dal Falcon 9 nel 2015, dovrebbero svolgere senza incidenti le loro missioni dall’80 al 90% delle volte.

Un razzo SpaceX Falcon 9 lancia il Transite Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA dalla stazione di Air Force di Cape Canaveral in Florida il 18 aprile 2018.

Un razzo SpaceX Falcon 9 lancia il Transite Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA dalla base dell’Air Force di Cape Canaveral in Florida il 18 aprile 2018. Credit: SpaceX

Solo i razzi di Categoria 3 possono lanciare le missioni NASA più costose, più importanti e più complesse – progetti come il Telescopio Spaziale Hubble, il Mars rover Curiosity e il James Webb Space Telescope. (Hubble fu lanciato dallo space shuttle Discovery nell’aprile del 1990, Curiosity è stato lanciato da un razzo United Launch Alliance Atlas V nel novembre del 2011 e lo space telescope James Webb sarà portato in orbita da un razzo Arianespace Ariane 5 nel marzo 2021).

Il Falcon 9 ha debuttato nel giugno 2010 e ha al suo attivo oltre 60 lanci. Ad oggi, solo un lancio non è andato a buon fine: un decollo del giugno 2015 che avrebbe dovuto inviare la capsula robotica Dragon della SpaceX con un carico di rifornimenti destinati alla Stazione Spaziale Internazionale.

Un Falcon 9 è esploso sul pad nel settembre 2016 durante un test pre-lancio, distruggendo un satellite per comunicazioni AMOS-6.

Il Falcon 9 è, ad oggi, l’unico razzo parzialmente riutilizzabile. I primi stadi del Falcon 9 sono riusciti a tornare a terra per essere riutilizzati 30 volte e un certo numero di questi booster sono stati rinnovati e ridisegnati. Il fondatore e CEO di SpaceX, Elon Musk, ha detto, in un’intervista, che vorrebbe arrivare a riutilizzare anche il secondo stadio e le carene di carico del Falcon 9 (i coni terminali che circondano i satelliti durante il lancio).

Da gennaio 2019, il Il Falcon verrà utilizzato anche per lanciare la navicella in grado di trasportare fino a 7 astronauti Dragon Crew.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: