Thursday, 13 Dec 2018

SpaceX: cambiamento radicale nel design del BFR

In un tweet di pochi giorni fa, Musk ha rivelato che è in corso un “cambiamento radicale” nella progettazione del Big Falcon Rocket (BFR), che è destinato ad andare su Marte. A quanto pare, verranno abbandonati gli studi per riutilizzare il secondo stadio di Falcon 9, che verrà ora utilizzato per i test dei componenti del BFR. Musk ha confermato che il suo obiettivo “aspirazionale” è quello di lanciare una missione cargo senza equipaggio verso Marte entro il 2022.

In un tweet del 17 novembre, il fondatore di SpaceX, Elon Musk, ha annunciato che è in corso “un cambiamento radicale” nella progettazione del Big Falcon Rocket (BFR), l’astronave con la quale l’imprenditore intende arrivare su Marte.

Musk non ha indicato le nuove specifiche e si è limitato ad annunciare che “SpaceX non ha più intenzione di aggiornare il secondo stadio di Falcon 9 per la riusabilità” e che l’azienda punterà, invece, le sue risorse sullo sviluppo del BFR. Musk ha definito il nuovo design “molto eccitante” e “deliziosamente contro-intuitivo“.

All’inizio di novembre, Musk aveva già annunciato che “il secondo stadio Falcon 9 sarà aggiornato come una nave mini-BFR” per testare i componenti del BFR. A quanto pare, la SpaceX non punterà più sul riutilizzo anche del secondo stadio del Falcon 9 ma si concentrerà sullo sviluppo del BFR.

Nello scorso settembre, Musk aveva annunciato che Yusaku Maezawa, miliardario giapponese e un collezionista d’arte, sarà il primo passeggero del BFR: Insieme a otto artisti selezionati, Maezaqa intende completare, nel 2023, una missione di una settimana chiamata ” #dearMoon” che lo porterà a circunavigare la Luna.

Questa missione farebbe parte del più ampio progetto che Musk immagina per il BFR che sarà utilizzato per viaggi velocissimi da un continente all’altro, qui sulla Terra, compirà viaggi turistici verso la Luna ma, soprattutto, dovrà portare l’uomo su Marte per dare il via, con il tempo, alla colonizzazione del pianeta rossoMusk ha confermato di sperare ancora di riuscire ad inviare una missione cargo, senza equipaggio, su Marte entro il 2022, anche se ammette che, al momento, si tratta soprattutto di un’aspirazione. Nel progetto di Musk, illustrato in precedenza, sono previste due missioni cargo nel 2022, che avranno la funzione di trasportare attrezzature, rifornimenti e provviste, e due missioni con equipaggio umano nel 2024 che sfrutteranno l’anno e mezzo di permanenza prima del ritorno sulla Terra per porre le basi per successive missioni di più lunga portata.

Secondo quanto era stato reso noto in precedenza, il BFR doveva essere un’astronave alta 55 metri, posta in cima ad un razzo alto 70 metri, in grado di sollevare fino a 150 tonnellate di carico e di trasportare fino a 100 passeggeri su Marte.

Quest’ultimo annuncio di Elon Musk è coerente con le indiscrezioni secondo cui molte risorse di SpaceX sarebbero state riallocate verso il BFR entro la fine del 2019.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: