Thursday, 13 Dec 2018

Il disco volante di Barra da Tijuca

di Oliver Melis

Per anni le foto dell’UFO di Barra da Tijuca sono state considerate foto autentiche di un disco volante extraterrestre e ancora oggi nell’immaginario collettivo mantengono il loro fascino.

Le foto, cinque in tutto, sono state scattate dal fotografo della stampa Ed Keffel, mentre si trovava in compagnia del giornalista Joao Martins e pubblicate per la prima volta dalla rivista O Cruzeiro nel numero del 24 maggio 1952. Le foto sarebbero state effettivamente scattate il sette di maggio quando un UFO sarebbe stato avvistato nelle vicinanze di Barra da Tijuca, in Brasile.

L’aviazione brasiliana ha condotto un’indagine e ha rilasciato una dichiarazione positiva, le foto erano autentiche. Tuttavia, il rapporto dell’aviazione non fu rilasciato al pubblico fino al 1959. Fu pubblicato per la prima volta da Fernando Cleto, un funzionario della Banca del Brasile, attraverso un programma televisivo chiamato “The Enigma of Space“. Il signor Cleto aveva indagato per anni sugli UFO grazie alla collaborazione della “Commissione investigativa sui dischi volanti” brasiliana , organizzata dall’Aviazione brasiliana sotto il comando del colonnello Joao Adil de Oliviera.

Secondo Mr. Cleto: Il 7 maggio 1952, Joao Martins e Ed Keffel si recarono nel luogo chiamato Barra da Tijuca per fare un lavoro di routine per la loro rivista. Alle 16:30 , Martins individuò improvvisamente un oggetto che si avvicinava volando ad alta velocità. All’inizio pensò che fosse un aereo. Sembrava un aeroplano. C’era ancora qualcosa di strano, realizzò Martins. Quell'”aereo” stava volando di lato. Ha urlato: “Che diavolo è?” Keffel aveva la sua Rollei-flex a portata di mano e Martins urlò: “Scatta, Keffel!” Ed Keffel, presa la sua fotocamera carica, scattò cinque foto in circa sessanta secondi, ottenendo così la sequenza fotografica più sensazionale di un disco volante.
Quanto segue è una dichiarazione personale scritta dal Sig. Martins, che è stata anche approvata e firmata dal Sig. Keffel:

Con la presente confermo che nel maggio 1952 vidi un “oggetto aereo non identificato” a Barra da Tijuca, come fu pubblicato, con ogni dettaglio, nella rivista [rivista] 0 Cruzeiro all’epoca. Assieme a me c’era il giornalista Ed Keffel, un professionista esemplare, stimato e rispettato per la sua onestà e serietà, che ha ottenuto una serie di foto dell’oggetto sopraindicato. Queste foto sono state anche pubblicate dalla rivista sopra menzionata, per la quale entrambi lavoravamo in quel momento.
Oltre ad essere un giornalista, sono anche un ingegnere; e ho anche una grande esperienza e conoscenza dei fenomeni meteorologici, astronomici e ottici. Ho esperienza di tutti i tipi noti di aeromobili e posso affermare che l’oggetto indicato non può essere inquadrato in nessun fenomeno naturale o aereo di mia conoscenza.
Né io né Ed Keffel abbiamo cercato di ricavare alcun profitto finanziario dal fatto. Al momento lavoravamo esclusivamente per questa rivista [0 Cruzeiro], cui abbiamo consegnato il nostro rapporto e le foto, senza ricevere alcun bonus extra. Né abbiamo ricevuto – né abbiamo desiderato – alcun pagamento da parte di nessuno, né per le foto né per le apparizioni che siamo stati praticamente obbligati a fare in diverse occasioni in televisione. Ho raccontato il fatto in un colloquio gratuito con le autorità militari e in diversi auditorium universitari.
Non so che cosa fosse quell’oggetto, e per questo l’ho classificato nella categoria “oggetto volante non identificato”, comunemente chiamato “disco volante”. L’incidente, oltre alle seccature che comportava, mi ha permesso di richiamare la mia attenzione sull’argomento come unico vantaggio, e di conseguenza ho svolto ricerche sull’argomento con il massimo distacco, sia in avvistamenti qui in Brasile che all’estero. . .

Per quanto riguarda la posizione del Sole e le ombre sul fogliame, come si vede in una delle foto di Barra da Tijuca, è facile confermarle. Basta andare lì; ed è facile raggiungere il punto, alla stessa ora e periodo dell’anno corrispondente al fatto. Questo, infatti, è già stato fatto, nel lontano 1952 , dai tecnici dell’Aeronautica Brasiliana, come fu poi divulgato in dettaglio dal ricercatore Cleto Nunes attraverso la televisione e la stampa.

La critica, la negazione dei fatti o le discussioni di chi non conosce l’argomento o lo conosce da lontano o attraverso la lettura di pubblicazioni di terza mano, che di solito sono errate, può essere solo dovuto a intolleranza o disonestà di intenti. Quanto a me, li ignoro, perché sono un professionista che non basa la sua carriera su quel rapporto, né ho il tempo di perdere in dibattiti sterili. Ho riferito solo quello che ho visto e quello che ho detto è stato detto.
Gli scettici sostengono che, nella foto, le ombre sul fogliame sembrano indicare che la luce arrivi da destra mentre la luce sull’oggetto sembra provenire da sinistra. Jim Lorenzen , direttore dell’APRO, contesta questa scoperta affermando: “Per brillare dalla destra, il Sole dovrebbe brillare dal quadrante del cielo sud-occidentale – una cosa che non accade mai in quella parte del Brasile.”.

L’incoerenza delle ombre fu notata per la prima volta da Donald Menzel e Lyle Boyd che lo raccontano nel loro libro The World of Flying Saucers (1963); questo risultato è stato approvato da William K. Hartmann che, in seguito, ha analizzato le foto per il progetto UFO dell’Università del Colorado. Hartmann ha dichiarato: “Questo caso è presentato come un esempio di fotografie che sono state descritte come prove incontrovertibili di dischi volanti, ma che contengono una contraddizione interna semplice ed evidente“.

Fonte: Cicap.org

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: