Thursday, 13 Dec 2018

Un nuovo nome per il BFR, la nave spaziale di SpaceX destinata a portare l’uomo su Marte

Con due messaggi via Twitter, Elon Musk ha annunciato che l’astronave Big Falcon Rocket, l’imponente sistema di lancio e volo spaziale che SpaceX sta sviluppando per arrivare su Marte, e non solo, ha cambiato nome.

Finora, il sistema lanciatore e nave spaziale erano stati chiamati Big Falcon Rocket, il lanciatore, e Big Falcon Spaceship, la nave spaziale vera e propria.

Il nuovo nome scelto dal miliardario sudafricano trapiantato negli Stati Uniti è “Starship“, come comunicato in un primo laconico tweet, cui ha aggiunto un secondo per spiegare che “Tecnicamente, sono due parti: Starship è l’astronave / palco superiore e Super Heavy è il razzo necessario per sfuggire alla gravità profonda della Terra (non necessaria per altri pianeti o lune)“.

Il nome dell’astronave di SpaceX destinata a raggiungere Marte è già cambiato in passato: inizialmente Musk battezzò il sistema con il nome di Mars Colonial Transporter, poi ha cambiato in in Interplanetary Transport System (ITS) nel 2016. ITS è poi diventato  BFR-BFS nel settembre 2017, in occasione di un comunicato in cui Musk ha rivelato un design aggiornato per la grande navicella spaziale.

Non tutti hanno approvato il nuovo nome scelto da Musk: un utente di Twitter ha fatto presente all’imprenditore che per meritare questo nome il veicolo dovrebbe viaggiare verso altri sistemi stellari e non limitarsi al nostro sistema solare. Come al solito, Musk ha risposto senza smentire la sua fama di visionario: “Le versioni successive lo faranno” ha twittato.

Pochi giorni fa, Musk aveva annunciato che SpaceX sta lavorando a una nuova iterazione del design, descrivendolo come un “cambiamento radicale” e “deliziosamente controintuitivo”, senza però fornire altri dettagli.

Il razzo destinato a lanciare verso Marte la Starship di SpaceX sarà il più potente lanciatore mai costruito e l’astronave, sulla base delle specifiche precedentemente indicate da Musk, sarà in grado di trasportare circa 100 persone per viaggio. Questo veicolo, nei progetti di SpaceX, dovrebbe portare esseri umani verso la Luna, Marte, la luna di Giove Europa, il satellite di Saturno Encelado e ovunque gli uomini decidano di andare nel sistema solare.

Per accorciare i tempi di percorrenza verso Marte, Elon Musk sta anche progettando di inviare lungo la rotta di quella che ora si chiama Starship, alcuni cargo in grado di rifornire di propellente la nave spaziale, in modo che possa accelerare costantemente.

Se tutto andrà secondo i piani, il primo volo con equipaggio umano verso Marte potrebbe avvenire verso la metà degli anni ’20, ha dichiarato Musk.

Alla lunga, SpaceX dovrebbe abbandonare il Falcon 9 Block 5 ed il Falcon Heavy per spostare tutta l’attività spaziale sul sistema Super Heavy-Starship. Il sistema, che, è bene ricordarlo, sarà riutilizzabile, si occuperà dei lanci di satelliti, di recuperare satelliti fuori servizio ed immondizia spaziale, effettuerà voli di linea a lungo raggio in brevissimo tempo da un punto all’altro della Terra ed effettuerà voli turistici verso la Luna, oltre, naturalmente, ad avviare il processo di colonizzazione di Marte.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: