Scoperto Farout, l’oggetto del sistema solare più lontano dal Sole finora osservato

0
2266

Un team di astronomi ha scoperto il corpo più lontano mai osservato nel nostro sistema solare. È il primo oggetto del Sistema Solare noto che è stato rilevato a una distanza di 120 Unità Astronomiche dal Sole.  il pianeta è posto ad oltre 100 volte la distanza tra la Terra ed il Sole.

Il nuovo oggetto è stato annunciato lunedì 17 dicembre 2018 dal Minor Planet Center della International Astronomical Union e ha ricevuto la designazione provvisoria 2018 VG18. La scoperta è stata fatta da Scott S. Sheppard del Carnegie, David Tholen dell’Università delle Hawaii e Chad Trujillo della Northern Arizona University.

2018 VG18, soprannominato “Farout” dal team di ricerca per via della sua posizione estremamente distante dal sole, si trova a circa 120 unità astronomiche (AU), dove 1 AU è definita come la distanza tra la Terra e il Sole. Il secondo oggetto del sistema solare osservato più lontano dal Sole è Eris, a circa 96 UA. Plutone è attualmente a circa 34 UA, rendendo il 2018 VG18 oltre tre volte e mezzo più distante del pianeta nano più famoso del Sistema Solare.

2018 VG18 è stato scoperto come parte del progetto di ricerca di oggetti del Sistema Solare estremamente distanti, incluso il sospetto Pianeta X, che a volte viene anche chiamato Pianeta 9. A ottobre lo stesso gruppo di ricercatori aveva annunciato la scoperta di un altro oggetto distante del Sistema Solare, chiamato 2015 TG387 e soprannominato “The Goblin“, perché è stato visto per la prima volta nei giorni intorno ad Halloween. Goblin è stato scoperto a circa 80 UA e ha un’orbita che è coerente con l’influenza dell’ipotetico pianeta X di dimensioni di una Super-Terra posto molto lontano nella parte estrema del Sistema Solare.

L’esistenza di un nono pianeta principale ai margini del Sistema Solare fu proposta per la prima volta da questo stesso gruppo di ricerca nel 2014 quando scoprirono il VP113 del 2012, soprannominato Biden, che è attualmente a 84 UA.

2015 TG387 e 2012 VP113 non si avvicinano mai abbastanza ai pianeti giganti del Sistema Solare, come Nettuno e Giove, per avere significative interazioni gravitazionali con loro. Ciò significa che questi oggetti estremamente distanti possono potrebbero rivelarci ciò che sta accadendo nei confini esterni del Sistema Solare. Il team non conosce ancora bene l’orbita di 2018 VG18, quindi non è stato ancora in grado di determinare se potrebbe essere il tanto ricercato pianeta X.

2018 VG18 è molto più distante e lento rispetto a qualsiasi altro oggetto del Sistema solare osservato, quindi ci vorranno alcuni anni per determinare completamente la sua orbita“, ha detto Sheppard. “Ma è stato trovato in una posizione simile a quella di altri oggetti noti delle estreme propaggini del Sistema Solare estremo, suggerendo che potrebbe avere lo stesso tipo di orbita di questi. Le somiglianze orbitali mostrate da molti dei corpi celesti individuati in questa parte del Sistema Solare sono state la ragione per cui pensiamo possa esistere in quella zona un grande pianeta che li influenza“.

Tutto ciò che attualmente sappiamo di 2018 VG18 è la sua estrema distanza dal Sole, il suo diametro approssimativo e il suo colore“, ha aggiunto Tholen. “Perché 2018 VG18 è così distante, e orbita così lentamente, probabilmente impiegando più di 1.000 anni per compiere una rivoluzione intorno al sole.”

Le immagini di 2018 VG18 sono state scattate dal telescopio giapponese Subaru da 8 situato in cima al Mauna Kea alle Hawaii il 10 novembre 2018.

Una volta individuato, 2018 VG18, ha dovuto essere riesaminato per confermarne la posizione e la distanza, una procedura che richiede più notti di osservazione. 2018 VG18 è stato visto per la seconda volta all’inizio di dicembre dal telescopio Magellano dell’Osservatorio di Las Campanas di Carnegie in Cile. Queste osservazioni di recupero sono state eseguite dal team con l’aggiunta del dottor Will Oldroyd della Northern Arizona University. Durante la settimana successiva, Magellano ha monitorato 2018 VG18 per verificare il suo percorso attraverso il cielo e comprendere le sue proprietà fisiche di base come luminosità e colore.

Le osservazioni di Magellano hanno confermato che 2018 VG18 è a circa 120 UA, il che lo rende il primo oggetto del Sistema solare osservato oltre le 100 AU. La sua luminosità suggerisce che probabilmente ha un diametro di circa 500 km, dovrebbe essere, quindi, un pianeta nano di forma sferica. Ha una tonalità rosata, un colore generalmente associato a oggetti ricchi di ghiaccio.

Questa scoperta è davvero un risultato internazionale nella ricerca, infatti è stato ottenuto utilizzando telescopi situati nelle Hawaii e in Cile, gestiti dal Giappone, nonché da un consorzio di istituti di ricerca e università negli Stati Uniti“, ha concluso Trujillo. “Con le nuove fotocamere digitali wide-field montate su alcuni dei più grandi telescopi del mondo, stiamo finalmente esplorando le frange del nostro sistema solare, ben oltre Plutone.

Fonte: Istituto Carnegie per la scienza