Ambiente: parliamo di olio di palma

0
1133

Ci laviamo i capelli, ci laviamo i denti, ci detergiamo la pelle e la usiamo per quasi tutte le pratiche di make up. Lo utilizziamo per pulire le nostre case, ci alimentiamo le nostre auto e lo mangiamo nel cioccolato, nel pane, nel gelato, nella pizza, nei cereali per la colazione e nelle caramelle.

Olio di palma: sicuramente non lo hai mai inserito nella tua lista della spesa ma, all’uscita del supermercato hai sempre le buste piene di esso.

Un ingrediente estremamente versatile che è più economico e più efficiente da produrre rispetto ad altri oli vegetali, l’olio di palma si trova oggi nella metà di tutti i beni di consumo tra cui saponi e dentifricio, cosmetici e detersivi per il bucato e tutta una serie di alimenti lavorati. L’olio di palma si trova anche nel biodiesel utilizzato per alimentare le auto ( più del 50% del consumo di olio di palma nell’Unione europea nel 2017 è servito a questo scopo).

Le nostre vite moderne sono inestricabilmente intrecciate con l’olio di palma, che può apparire sulle etichette nella lista degli ingredienti sotto una miriade di nomi alternativi tra cui laurilsolfato di sodio, acido stearico e palmitato. Ma gli attivisti avvertono che la nostra insaziabile domanda di olio di palma ha alimentato una delle più urgenti crisi ambientali e umanitarie del nostro tempo.

L’equivalente di 300 campi di calcio della foresta pluviale viene distrutto ogni ora per far posto alle piantagioni di olio di palma, secondo il Progetto Orangutan. Questa sfrenata deforestazione – che si è verificata in alcuni dei punti caldi più biodiversi del mondo, soprattutto in Indonesia e Malesia – ha decimato l’habitat di specie in via di  estinzione come gli oranghi e le tigri di Sumatra, la deportazione forzata di comunità indigene ed è un importante motore del cambiamento climatico.

Eppure, nonostante tutto ciò, “dal punto di vista ambientale, non molto è cambiato“.

La deforestazione continua a un ritmo allarmante in Indonesia e Malesia, che forniscono circa l’85% dell’olio di palma mondiale. Un’indagine pubblicata a settembre da Greenpeace ha scoperto che più di 500 miglia quadrate di foresta pluviale – circa le dimensioni di Los Angeles – sono stati cancellati in Indonesia, Malesia e la vicina Papua Nuova Guinea a causa della produzione di olio di palma a partire dalla fine del 2015.

Secondo il rapporto di Greenpeace, 12 dei più grandi marchi del mondo, tra cui Nestlé, General Mills, Kellogg’s, Colgate-Palmolive, PepsiCo e Unilever continuano a rifornirsi di olio di palma da produttori e coltivatori che si sono dimostrati “attivamente impegnati nella eliminazione delle foreste pluviali” – nonostante gli impegni per “zero-disboscamento” che queste aziende hanno assunto negli ultimi anni.

Stiamo consumando i loro prodotti su base giornaliera“, ha detto Annisa Rahmawati di Greenpeace Indonesia, secondo Mongabay.com . “Quindi stiamo … indirettamente [partecipando a queste] deforestazioni e violazioni dei diritti umani“.

Alcune aziende, tra cui Unilever e Nestle, hanno risposto alla relazione di Greenpeace ribadendo i loro impegni in materia di sostenibilità. “La nostra ambizione è che entro la fine del 2020 tutto l’olio di palma che usiamo sia di origine responsabile“, ha affermato Nestle  sul suo sito web.

Questa estate, Wilmar International, il più grande commerciante di olio di palma del mondo, è stato coinvolto in controversie dopo che la sua cofondatrice miliardaria Martua Sitoris è stata accusata di gestire una “compagnia ombra” con suo fratello che aveva bonificato un’area di foresta pluviale due volte più grande di Parigi nel 2013 – Lo stesso anno in cui la Wilmar aveva promesso di lavorare per “nessuna deforestazione” e “nessun sfruttamento” nella sua catena di approvvigionamento.

Sitoris è stata costretta a dimettersi  sulla scia delle accuse, e la Wilmar – che controlla quasi la metà del commercio mondiale di olio di palma – ha promesso questo mese di rafforzare la sua politica di sostenibilità .

Lo scandalo di Wilmar fa chiaramente capire che non è possibile affidare a queste aziende la responsabilità di autogestirsi“, ha dichiarato Tomasz Johnson, capo della ricerca di Earthsight e fondatore di The Gecko Project , parlando da Londra la scorsa settimana.

Emma Lierley, direttrice della politica forestale della Rainforest Action Network (RAN), ha fatto eco a questo sentimento. “In questo settore si verificano sempre gli stessi problemi”, ha detto. “La deforestazione continua, le specie minacciate sono ancora messe a rischio, e ci sono prove che gli abusi sul lavoro, tra cui lavoro minorile e lavoro forzato, sono ancora comuni in tutte le piantagioni in Malesia e Indonesia – e tutto questo accade nonostante i cambiamenti delle politiche aziendali“.

La politica aziendale è buona, ma deve essere applicata come è scritta“, ha aggiunto Lierley. “Semplicemente non stiamo vedendo il vero cambiamento in atto.”

E l’orologio, ha avvertito, è minaccioso: l’industria dell’olio di palma sta causando danni potenzialmente irreparabili al pianeta – e al suo clima – e se non intraprendiamo azioni tempestive e complete, il risultato potrebbe essere catastrofico.

Ciò che molte persone non capiscono è quanto impatto abbia l’olio di palma sulla nostra futura stabilità climatica“, ha detto Lierley.

La coltivazione di olio di palma è attualmente condotta in modo sproporzionato in aree ad  alto tenore di carbonio  come foreste tropicali e  torbiere ricche di carbonio. Quando queste aree vengono disboscate per far posto alle piantagioni, enormi quantità di questo gas serra vengono rilasciate nell’atmosfera.

Si stima che la deforestazione tropicale sia responsabile per il 15-20% delle emissioni di riscaldamento globale, più delle emissioni delle automobili  e delle altre forme di trasporto.

Le torbiere indonesiane da sole rilasciano ogni anno oltre 500 megatoni di anidride carbonica – una quantità maggiore delle emissioni annuali della California, secondo quanto riportato dal New York Times a novembre. E la deforestazione del Borneo, un’isola condivisa da Indonesia, Malesia e Brunei, ha contribuito al “più grande aumento globale in un anno delle emissioni di carbonio negli ultimi due millenni”, si legge nel documento, citando una ricerca della NASA.

Le piantagioni di olio di palma sono il principale motore della deforestazione sul Borneo, che ha perso oltre 16.000 miglia quadrate di antiche foreste pluviali – habitat critico per un’ampia varietà di creature. Quasi 150.000 oranghi del Borneo, specie a forte rischio di estinzione, sono stati uccisi tra il 1999 e il 2015, in parte a causa dell’olio di palma.

Gli scienziati ci hanno avvertito che abbiamo solo 12 anni per scongiurare i peggiori effetti dei cambiamenti climatici“, ha detto Lierley riferendosi al rapporto delle Nazioni Unite pubblicato a ottobre. “La posta in gioco è incredibilmente alta. Serve dobbiamo vedere un’azione davvero audace da parte delle aziende lungo tutta la catena di fornitura, così come da parte degli attori governativi e altre istituzioni“.

Ciò è particolarmente urgente dato il previsto aumento della domanda di olio di palma nei prossimi anni. Il Centro per la ricerca forestale internazionale stima che il consumo mondiale di olio di palma aumenterà del 62% in uno “scenario di crescita medio” e del 94% in uno “scenario di domanda elevata”. Altri paesi, in particolare in Africa, vedranno un boom produzione di olio di palma per soddisfare questa crescente domanda.

Johnson, che per anni ha indagato sulla corruzione nel settore dell’olio di palma, ha avvertito che lo stesso modello agroindustriale della produzione di olio di palma in Indonesia e Malesia è già stato replicato in alcune parti dell’Africa .

Le stesse compagnie di olio di palma che operano in Indonesia hanno annunciato piani negli ultimi anni per fare lo stesso in paesi come la Liberia e l’Uganda,” ha detto Johnson.

Aziende come Wilmar e il conglomerato malese Sime Darby hanno ricevuto enormi concessioni, o aree di coltivazione, per l’olio di palma in questi paesi – e sono già emersi rapporti di disboscamento e di accaparramento di terreni .

“Molti di questi paesi sono politicamente fragili,” ha detto Johnson delle nazioni africane in cui l’industria dell’olio di palma sta rapidamente penetrando. “Se queste [aziende] non stanno nemmeno seguendo correttamente le regole in Indonesia, dove il presidente Joko Widodo ha preso provvedimenti per reprimere gli abusi, quali sono le possibilità che faranno meglio le cose negli stati africani?”

I problemi con l’olio di palma possono sembrare complessi e radicati, ma gli attivisti insistono sul fatto che le soluzioni siano a portata di mano.

Anche se la riduzione del consumo di olio di palma potrebbe essere un passo positivo, il boicottaggio della materia prima non sembra essere la risposta. La produzione di oli vegetali alternativi come la soia avrebbe impatti ambientali simili o addirittura peggiori, ha osservato Lierley.

Non è l’olio di palma in sè stesso a costituire il problema ma il modo in cui viene prodotto.”

E questo è ciò che deve cambiare. 

I consumatori dovrebbero spingere le aziende a essere più trasparenti sulla provenienza del loro olio di palma.

Guarda le liste degli ingredienti sulle cose che stai comprando e scopri quali prodotti contengono effettivamente olio di palma, poi contatta l’azienda e chiedi loro quale sia la loro politica sull’olio di palma. In realtà non servono molti feedback dai consumatori per inviare un messaggio forte a un’azienda“.

Le aziende, a loro volta, devono essere più trasparenti riguardo alle loro pratiche produttive, ha detto Johnson.

Devono mettere tutto sul tavolo, devono essere trasparenti e deve essere possibile di osservarli da vicino. Altrimenti, vedremo sempre più aziende ‘a zero deforestazione‘ che acquistano da fornitori poco affidabili“, ha affermato.

I consumatori possono utilizzare il loro denro per sostenere le aziende che hanno preso – ed adempiuto – impegni di sostenibilità. “Il minimo indispensabile è scegliere aziende e marchi certificati dalla RSPO (Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile).

L’RSPO, che è il principale organismo di certificazione a livello mondiale per l’olio di palma prodotto in modo sostenibile, è stato  ampiamente  criticato in passato per non aver fissato standard abbastanza elevati per i suoi membri e per applicare in modo inadeguato le sue regole. Il mese scorso, tuttavia, il gruppo ha rafforzato significativamente i  suoi criteri, una mossa lodata dagli attivisti.

Non è un problema impossibile, è una questione di volontà.”

Da Huffingthon post