Tuesday, 21 May 2019

Avvenuto con successo il flyby di New Horizons con Ultima Thule

La sonda esplorativa della NASA raggiunge l’oggetto più lontano mai visitato.

La sonda NASA New Horizons ha sorvolato Ultima Thule all’alba del capodanno 2019, inaugurando l’era dell’esplorazione della fascia di Kuiper, una regione di oggetti primordiali che contiene le chiavi per comprendere le origini del sistema solare.

Congratulazioni al team New Horizons della NASA, al laboratorio di fisica applicata Johns Hopkins e al Southwest Research Institute per aver fatto di nuovo storia. Oltre ad essere stato il primo a esplorare Pluto, oggi New Horizons ha volato sull’oggetto più distante mai visitato da un veicolo spaziale e divenne il primo a esplorare direttamente un oggetto che trattiene i resti dalla nascita del nostro sistema solare”, ha affermato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine.

I segnali che confermano che la navicella spaziale è attiva ed efficiente stanno giungendo ai registratori digitali portando dati scientifici su Ultima Thule.

New Horizons si è comportato come previsto“, ha detto il Alan Stern, del Southwest Research Institute di Boulder, in Coloradocapo ricercatore del team che gestisce New Horizons. “I dati ci sembrano fantastici e stiamo già studiando da vicino Ultima, da qui in avanti i dati saranno sempre migliori!

Le immagini scattate durante l’approccio della sonda spaziale – che ha portato New Horizons a soli 3.500 chilometri da Ultima Thule – hanno rivelato che l’oggetto della fascia di Kuiper potrebbe avere una forma simile a un birillo, ruotando da una parte all’altra, con dimensioni di circa 32 per 16 chilometri. Un’altra possibilità è che Ultima Thule potrebbe essere in realtà composto da una coppia di oggetti in orbita reciproca. I dati del Flyby hanno già risolto uno dei misteri di Ultima Thule, dimostrando che l’oggetto della fascia di Kuiper ruota come un’elica con l’asse che punta approssimativamente verso New Horizons. Questo spiega perché, nelle immagini precedenti scattate prima che Ultima Thule venisse risolta, la sua luminosità non sembrava variare mentre ruotava. il periodo di rotazione non è stato ancora determinato.

New Horizons occupa un posto importante nei nostri cuori come intrepido e persistente piccolo esploratore, oltre che come grande fotografo“, ha dichiarato il direttore del laboratorio di fisica applicata Johns Hopkins Ralph Semmel. “Questo flyby segna un passo importante per tutti noi – APL, NASA, la nazione e il mondo – ed è un grande onore per l’audace squadra di scienziati e ingegneri che ci ha portato a questo punto“.

Questa sequenza di tre immagini, ricevuta il 31 dicembre 2018 e ripresa dalla fotocamera LORRI a bordo di New Horizons a 70 e 85 minuti di distanza, illustra la rotazione di Ultima Thule. – Credits: NASA / JHUAPL / SwRI

Raggiungere Ultima Thule da 4 miliardi di miglia di distanza è un risultato incredibile: questa è l’esplorazione al suo meglio“, ha dichiarato Adam L. Hamilton, presidente e CEO del Southwest Research Institute di San Antonio.

Il veicolo spaziale New Horizons continuerà ad inviare immagini e dati nei giorni e nei mesi a venire e saranno necessari fino a 20 mesi per completare l’invio di tutti i dati registrati dalla sonda.

Gli aggiornamenti sui dati in arrivo possono essere seguiti su Twitter con gli hashtag #UltimaThule, #UltimaFlyby e #askNewHorizons. Aggiornamenti in tempo reale e collegamenti alle informazioni sulla missione sono disponibili anche su http://pluto.jhuapl.eduwww.nasa.gov .

Hits: 1139

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: