Saturday, 25 May 2019

Spazio: la nuova frontiera della finanza

Una volta l’idea dello spazio era associata esclusivamente alla fantascienza, oggi, a ben guardare, quando parli di spazio non puoi non associare altro: fondi sovrani, società di venture capital e giganti di Wall Street come Goldman Sachs.

È di pochi giorni fa la notizia che il patron di Oracle Larry Ellison crede talmente tanto nei progetti di Elon Musk da avere investito qualche miliardo di dollari su SpaceX, diventandone il secondo azionista.

Sì, avete letto bene. Questo mese, al dipartimento commerciale di Washington si è tenuta una conferenza per discutere di esplorazione e sviluppo dello spazio. Tra dibattiti sui detriti spaziali, lanci di missili e sistemi di posizionamento globale, ci sono state anche vivaci discussioni su come incoraggiare i fondi pensione a investire in società spaziali.

Gli analisti stimano che, entro il 2040, l’industria spaziale globale aumenterà il suo fatturato da circa $ 400 miliardi a oltre $ 1000.

Storicamente è stato il governo degli Stati Uniti a spingere l’esplorazione dello spazio ma il segretario al commercio Wilbur Ross ha detto che è giunto il momento per il settore privato di diventare il motore della crescita. Per questa ragione il dipartimento per il commercio degli USA sta cercando di deregolare il settore, rendendo più facile l’ingresso di imprenditori e di attirare capitali da società di venture capital, hedge fund, fondi sovrani e persino fondi pensione tradizionali.

L’industria spaziale è sull’orlo di una rivoluzione“, ha dichiarato Ross in un’intervista, sottolineando che aziende come Goldman Sachs e Bank of America hanno recentemente creato team dedicati per condurre ricerche finanziarie sull’argomento.

Egli paragona il settore alla bioscienza: una sfera che produrrà grandi “colpi” per gli investitori a lungo termine, anche se la scienza a breve termine sembra rischiosa.

È una buona cosa? Probabilmente se lo chiedessimo agli astronauti statunitensi finiti sui libri di storia cinquant’anni fa, farebbero un balzo dalla sedia. Ai loro giorni, esplorare l’ultima frontiera era considerata una iniziativa patriottica, finanziata dai governi nazionali.

La vera sorpresa è che in questo momento la spinta a attirare denaro del settore privato nello spazio avviene in un momento in cui l’amministrazione Trump propone tagli ai budget della ricerca scientifica; così tanto che enti come 314 Action (un gruppo lobbystico senza scopo di lucro che ha lo scopo di far entrare gli scienziati nell’amministrazione pubblica) affermano che nel governo è in corso una “guerra alla scienza“.

Nel settore del commercio, tuttavia, l’attenzione del capitale privato è guidata dalle opportunità, non dalla convenienza. Neli Stati Uniti è accaduto spesso che sia stato utilizzato denaro pubblico per finanziare una prima ondata di scienza speculativa, successivamente utilizzata da imprenditori privati ​​per espandere il settore e guidare l’innovazione.

La bioscienza ne è un esempio, così come Internet.

Quando si parla di spazio , ci sono prove che questa dinamica è già al lavoro: imprenditori e investitori stanno entrando nel settore. Nella stessa settimana in cui il dipartimento del commercio ha tenuto la sua conferenza, l’imprenditore britannico Sir Richard Branson ha inviato un razzo Virgin Galactic nello spazio. Ora predice che, in un paio di anni, invierà satelliti in orbita bassa per gestire le comunicazioni satellitari, così come inizieranno i voli turistici. Sta già vendendo i biglietti a circa $ 250.000 e Branson stesso ha annunciato di voler provare l’esperienza. Recentemente ha dichiarato al Financial Time che dovrebbero bastare altri tre voli per mettere tutto a punto.

Peter Diamandis, un imprenditore spaziale americano che ha acquistato un biglietto per uno dei viaggi spaziali di Branson, crede che esista il potenziale per portare nello spazio migliaia di persone all’anno.

Branson non è il solo a percepire la domanda potenziale. Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, sta cercando di lanciare un business commerciale via satellite. Ciò che contraddistingue tali imprese è che non cercano solo passeggeri privati ​​per questi voli ma, soprattutto, cercano modi per rendere i razzi riutilizzabili e standardizzati.

Come dice Ross: “Il miglior uso del denaro federale è per progetti scientifici avanzati. Ma il problema con i progetti scientifici è che sono progettati per essere unici. Di solito voliamo un 747 da Londra a New York, ma se dovessi riprogettarlo dopo ogni volo, non avresti molto traffico – i concetti come la riusabilità stanno diventando molto, molto importanti“. Resta da vedere se qualcuno di questi progetti riuscirà a fare soldi.

Non è chiaro, inoltre, come saranno colpiti dall’attuale aumento delle tensioni geopolitiche: se continuerà a crescere l’ostilità tra gli Stati Uniti e la Cina i governi nazionali di entrambe le parti, rilevando le implicazioni per la sicurezza, potrebbero diventare più interventisti nell’industria spaziale.

La Casa Bianca ha già dichiarato che lo spazio è un nuovo teatro di guerra.

In ogni caso, poiché lo spazio esterno sta diventando l’ultima frontiera della finanza, forse è il momento di prendere in considerazione anche l’investimento in un fondo azionario orientato allo spazio.

Hits: 297

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: