Perché Avi Loeb pensa che ‘Oumuamua sia un oggetto artificiale

0
7419

Avi Loeb, astronomo ed astrofisico, presidente del dipartimento di astronomia dell’Università di Harvard e autore di uno degli articoli più controversi nel campo della scienza dell’anno scorso difende con passione la sua affermazione in base alla quale ‘Oumuamua potrebbe essere un oggetto artificiale di origine aliena.

In una recente intervista apparsa sul web sul sito del quotidiano israeliano Haaretz, Loeb ha difeso le ipotesi contenute nell’articolo.

Non mi interessa cosa dice la gente, dico quello che penso, e se il vasto pubblico si interessa a quello che dico, questo è un risultato positivo per quanto mi riguarda, ma un risultato indiretto. La scienza non è come la politica: non si basa su sondaggi di popolarità“.

Il prof. Abraham Loeb, 56 anni, è nato a Beit Hanan, un moshav nel centro di Israele, e ha studiato fisica all’Università Ebraica di Gerusalemme come parte del programma Talpiot delle Forze di Difesa Israeliane per le reclute che dimostrano eccellenti capacità accademiche. Freeman Dyson, il fisico teorico e il compianto astrofisico John Bahcall ammisero Loeb all’Istituto per gli studi avanzati di Princeton, di cui furono membri Albert Einstein e J. Robert OppenheimerNel 2012, la rivista Time ha nominato Loeb una delle 25 persone più influenti nel campo dello spazio. Ha vinto premi, scritto libri e pubblicato 700 articoli nelle principali riviste scientifiche mondiali. Lo scorso ottobre, Loeb e il suo studente in post-dottorato Shmuel Bialy, anch’egli israeliano, hanno pubblicato un articolo nell’outlet scientifico “The Astrophysical Journal Letters“, in cui, a causa di alcuni comportamenti anomali, si ipotizzava che l’oggetto ‘Oumuamua possa essere sostanzialmente una vela solare proveniente dallo spazio interstellare.

Per coloro che non tengono il passo con le notizie sullo spazio, Oumuamua è stato il primo oggetto nella storia a passare attraverso il sistema solare ed essere identificato come originario al di fuori di esso.

Moti Milrod

Spiega Loeb nell’intervista: “L’articolo che ho pubblicato è stato scritto, in parte, sulla base delle conversazioni che ho avuto con colleghi che rispetto scientificamente. Gli scienziati di alto livello concordano tutti sul fatto che questo oggetto è insolito ma, per la maggior parte, hanno preferito evitare di rendere pubblico il loro pensiero in proposito. Non lo capisco. Dopo tutto, il mandato accademico ha lo scopo di dare agli scienziati la libertà di assumersi dei rischi senza doversi preoccupare del loro lavoro. Sfortunatamente, la maggior parte degli scienziati si preoccupa di curare la propria immagine.

Io Sono a capo del dipartimento di astronomia e direttore fondatore della Black Hole Initiative [un centro interdisciplinare di Harvard dedicato allo studio dei buchi neri]. Inoltre, sono direttore del Consiglio di amministrazione di Fisica e Astronomia dell’Accademia nazionale. Quell’articolo potrebbe essere un suicidio sul piano dell’immagine, se dovesse essere smentito. D’altra parte, se le mie ipotesi dovessero rivelarsi corrette, si tratterebbe di una delle più grandi scoperte della storia umana. Per farci progredire nella comprensione dell’universo, dobbiamo essere credibili e l’unico modo per essere credibili è seguire ciò che vedi, non te stesso. Qual è la cosa peggiore che mi possa capitare? Perdere gli incarichi amministrativi? Meglio così, avrò più tempo per la scienza“.

La scoperta di ‘Oumuamua e la sua identificazione come un oggetto alieno al Sistema Solare, suscitò grande entusiasmo tra gli scienziati, ma la sua forma e il suo comportamento sollevarono anche molteplici domande.

È stato oggetto di osservazioni, ma non è stato studiato abbastanza”, spiega Loeb con disappunto. “Fu tenuto sotto osservazione continuativa solo per sei giorni, dal 25 al 31 ottobre, una settimana dopo la sua scoperta. All’inizio si pensava che fosse una cometa ma non aveva coda. Le comete sono fatte di ghiaccio, che evapora quando la cometa si avvicina al sole. Ma non abbiamo visto tracce di gas o polvere emesse da Oumuamua. A questo punto si pensò che fosse un asteroide, semplicemente un pezzo di pietra. Ma l’oggetto ruotava sul suo asse in otto ore e durante quel periodo la sua luminosità cambiava di un fattore di 10, mentre la luminosità di tutti gli asteroidi con cui abbiamo familiarità cambia, al massimo, di un fattore tre.

Per spiegare questa particolarità, esistono due possibilità: una è che abbia la forma di un sigaro, l’altra è che somigli ad un pancake. La verità è che gli stessi osservatori che hanno esaminato la variazione della luce di Oumuamua hanno raggiunto la conclusione che se ha ricevuto molte spinte gravitazionali durante il viaggio, cosa che è ragionevole, perché ha trascorso molto tempo nello spazio interstellare, la sua forma deve essere piatta. Successivamente sono state scoperte altre cose, come la sua origine.”

‘Oumuamua potrebbe essere originario di Vega, ma l’universo è un luogo vasto, e anche alla velocità di Oumuamua, una velocità che nessuna astronave umana ha raggiunto, un viaggio da Vega al sistema solare richiederebbe 600.000 anni. Ma nel frattempo, Vega sta orbitando intorno al centro della Via Lattea, come il sole e tutte le altre stelle, e non era in quella regione 600.000 anni fa.

Se si fa la media delle velocità di tutte le stelle nella regione“, spiega Loeb, “ottieni un sistema che viene chiamato standard di riposo locale. ‘Oumuamua risulta a riposo rispetto a quel sistema. Non è venuto da noi. È come se ci avesse aspettato rimanendo dov’era, come una boa ancorata resta ferma sulla superficie dell’oceano, finché la “nave” del sistema solare non è passata nella sua zona. Per chiarire le cose, solo una delle 500 stelle nel sistema è a riposo come ‘Oumuamua. La probabilità è molto bassa. Se fosse una pietra espulsa dal suo sistema solare, ci aspetteremmo che abbia almeno la velocità del suo sistema stellare, non la velocità media di tutte le migliaia di stelle nelle vicinanze.

La sorpresa più grande, in realtà, è arrivata lo scorso giugno, quando nuovi dati del Telescopio Spaziale Hubble hanno mostrato che l’oggetto misterioso aveva accelerato durante la sua visita al sistema solare interno nel 2017, un’accelerazione che non spiegabile con l’effetto fionda indotto dalla forza di gravità del sole.

Un’accelerazione di questo tipo nelle comete può essere spiegata dall’effetto razzo: la cometa si avvicina al sole, il sole riscalda il ghiaccio della cometa e il ghiaccio viene emesso nello spazio sotto forma di gas, un’emissione che fa accelerare la cometa come un razzo. Le osservazioni, però, non hanno rivelato una coda di cometa dietro ‘Oumuamua. Inoltre, l’emissione di gas avrebbe determinato un rapido cambiamento nella velocità della rotazione dell’oggetto, un cambiamento che non è stato osservato e che avrebbe anche potuto spaccare l’oggetto.

Se non era un effetto razzo come nelle comete, quale forza ha provocato l’accelerazione di ‘Oumuamua? È proprio qui che Loeb entra in gioco: secondo i suoi calcoli, l’accelerazione di Oumuamua fu causata da una spinta.

L’unica ipotesi cui posso pensare“, spiega, “è una spinta dovuto alla pressione della radiazione solare. Perché funzioni, l’oggetto dovrebbe essere molto sottile, spesso meno di un millimetro, in altre parole una specie di frittella. Inoltre, il telescopio spaziale Spitzer non ha rilevato alcuna emissione di calore dall’oggetto, e ciò significa che è almeno 10 volte più riflettente di una tipica cometa o asteroide. Quello che abbiamo, quindi, è un oggetto sottile, piatto, lucido. Così sono arrivato all’idea di una vela solare: una vela solare è un’astronave che usa la luce del sole, o delle stelle, come sistema di propulsione per propulsione. Invece di usare carburante per la propulsione, l’oggetto viene spinto in avanti riflettendo la luce. In realtà, è una tecnologia che la nostra civiltà sta sviluppando in questo momento.

Avi Loeb ne sa di vele solari. Nel 2016, il fisico e venture capitalist Yuri Milner, insieme a Stephen Hawking, Mark Zuckerberg e altri, hanno fondato Breakthrough Starshot, un’iniziativa volta a sviluppare un sistema in grado di accelerare delle sonde a vele solari ad un quinto della velocità della luce per esplorare il vicino sistema solare di Alpha Centauri, che è a quattro anni luce di distanza da noi. Loeb è stato nominato direttore scientifico del progetto.

La prima domanda che ci siamo posti è se una vela quale potrebbe essere Oumuamua potrebbe sopravvivere per miliardi di anni nella Via Lattea e abbiamo scoperto che, teoricamente, sarebbe possibile. Essere colpiti dalla polvere o dal gas interstellare non logorerà l’oggetto. Successivamente, abbiamo cercato di calcolare l’accelerazione che una vela solare causerebbe in un oggetto [come una nave o una sonda], e abbiamo scoperto che l’accelerazione è coerente con quella di ‘Oumuamua.

Non abbiamo modo di sapere se si tratti di tecnologia attiva o di un’astronave non più operativa e continua a fluttuare nello spazio. Ma se ‘Oumuamua è stato creato insieme a un’intera popolazione di oggetti simili che sono stati lanciati casualmente, il fatto che l’abbiamo scoperto significa che i suoi creatori hanno lanciato un quadrilione di sonde come quella verso ogni stella nella Via Lattea. Naturalmente, la casualità viene significativamente ridotta se si assume che ‘Oumuamua fosse una missione di ricognizione deliberatamente inviata al sistema solare interno, cioè verso la regione abitabile della nostra stella. Certo, l’umanità non trasmetteva nulla decine di migliaia di anni fa, quando l’oggetto fu rilasciato nello spazio interstellare. Quindi, chiunque l’abbia lanciato non sapeva se qui potesse esserci vita intelligente. Ecco perché penso che sia solo una spedizione di pesca.

Ma pesca di cosa?

Non lo so. Adoro passeggiare lungo il mare quando sono in vacanza e guardare le conchiglie con le mie figlie. Occasionalmente troviamo una bottiglia di vetro tra le conchiglie. Secondo me, la “bottiglia” deve essere esaminata. Fino ad ora abbiamo cercato firme di culture aliene nelle trasmissioni radiofoniche, perché abbiamo sviluppato questa tecnologia nel secolo scorso. Ma un altro modo potrebbe essere quello di cercare un messaggio in una bottiglia. L’umanità ha lanciato le sonde Voyager 1 e 2, che sono già nello spazio interstellare. Sono messaggi in bottiglia. E in questo secolo ci saranno molti sistemi stellari verso i quali verranno inviate moltissime bottiglie e a velocità molto maggiori.

Per esempio, le sonde di Breakthrough Starshot?

Esattamente. Il nostro obiettivo è accelerare le vele solari fino ad un quinto della velocità della luce, in modo che raggiungano Alpha Centauri entro 20 anni. E la ragione è chiara: ho 56 anni, e Yuri Milner ne ha 57. A quella velocità avremo la speranza di vedere le immagini nel corso della nostra vita. Certo, le vele continueranno per la loro strada molto tempo dopo che Milner e io non saremo più in giro, forse dopo che nessuno di noi sarà ancora qui. È possibile che lo spazio sia pieno di vele come queste e noi semplicemente non le vediamo. Abbiamo visto solo ‘Oumuamua perché questa è la prima volta che abbiamo una tecnologia abbastanza sensibile da identificare oggetti da poche decine di metri dall’illuminazione del sole. In tre anni, la costruzione del telescopio LSST sarà completata. Sarà molto più sensibile di Pan-STARRS e sicuramente vedremo molti più oggetti che hanno origine al di fuori del sistema solare. Poi scopriremo se ‘Oumuamua è un’anomalia o meno.

L’importanza del mio articolo sta nell’attirare l’attenzione degli astronomi in modo che usino i migliori telescopi e cerchino il prossimo oggetto, e pianifichino addirittura un incontro con esso nello spazio. L’attuale tecnologia di propulsione non ci offre la possibilità di inseguire ‘Oumuamua. Il visitatore viene a cena, esce in strada e scompare nel buio. È possibile che non sapremo mai cosa stava cercando.”

Il progetto Breakthrough Listen ha usato un radiotelescopio e ha ascoltato Oumuamua con una sensibilità incredibile, al punto da poter ricevere una chiamata da un normale telefono cellulare, dall’interno dell’oggetto. Ma non ci sono stati risultati.

Quando ho suggerito a Milner di ascoltare Oumuamua, a novembre 2017, sapevamo che la possibilità di raccogliere qualcosa era scarsa o inesistente. Perché anche se fosse stato inviato un segnale, non sarebbe stato necessariamente inviato nella nostra direzione, sarebbe sotto forma di raggio direzionale. In altre parole, anche se questo esploratore avesse trasmesso qualcosa ai suoi operatori, potremmo tranquillamente non averlo sentito. Non abbiamo idea quando e  con che frequenza l’oggetto potrebbe trasmettere e, forse, data l’età di ‘Oumuamua, potrebbe non esserci più nessuno a cui trasmettere. “

Ok, questo oggetto era silenzioso, ma se i suoi creatori sono là fuori, perché non abbiamo sentito dei segnali radio? Ascoltiamo lo spazio da decenni e non abbiamo sentito nulla.

A giudicare dal nostro stesso comportamento, mi sembra che la spiegazione più probabile sia che le civiltà sviluppano le tecnologie che le distruggono. C’è un periodo di tempo durante il quale una cultura è ancora attenta, ad esempio per non entrare in una guerra nucleare. Ma se i nazisti avessero sviluppato armi nucleari, la storia umana avrebbe potuto finire 70 anni fa in una distruzione di massa. E ci sono, ovviamente, pericoli come gli asteroidi, c’è il riscaldamento globale e molti altri pericoli. La finestra tecnologica dell’opportunità potrebbe essere molto piccola. Magari vele come queste vengono lanciate, ma non hanno più nessuno a cui trasmettere di nuovo“.

In altre parole, al paradosso di Enrico Fermi: “Dove sono tutti quanti? –Loeb risponde: “Morti”.

Decisamente, almeno per la maggior parte di loro. Il nostro approccio dovrebbe essere archeologico. Come scaviamo nel terreno per trovare culture che non esistono più, allo stesso modo dovremmo elaborare sistemi per “scavare” nello spazio per scoprire civiltà che non esistono più“.

Sarebbe quindi più facile, e anche più scientifico, assumere che siamo soli fino a quando non si dimostrerà il contrario.

No. Chiunque affermi che siamo unici e speciali è colpevole di arroganza. La mia premessa è la modestia cosmica. Oggi, grazie al telescopio spaziale Keplero, sappiamo che ci sono più pianeti simili alla Terra che granelli di sabbia in tutte le spiagge del mondo. Immaginiamo un re che riesca a prendere il controllo di un pezzo di un altro paese in un’orribile battaglia, e che poi pensi a se stesso come un grande sovrano onnipotente. E poi immaginiamo che riesca ad impossessarsi del controllo di tutta la terra, o del mondo intero: sarebbe come una formica che ha avvolto le sue antenne attorno a un granello di sabbia su una vasta spiaggia. Non ha senso. Non posso che presumere che non siamo le uniche formiche sulla spiaggia, che non siamo soli.

Questa è speculazione. Non lo sai per certo.

La ricerca della vita extraterrestre non è speculazione. È molto meno speculativa dell’ipotesi che ci sia materia oscura, quella materia invisibile che costituisce l’85 percento della materia dell’universo. L’ipotesi della materia oscura è parte della corrente principale dell’astrofisica ma è una speculazione. La vita [altrove] nell’universo non è speculazione, per due ragioni: (a) Esistiamo sulla Terra; e (b) ci sono molti altri posti che hanno condizioni fisiche simili alla Terra. La scienza contiene molti esempi di ipotesi che non sono ancora state confermate dalle osservazioni, perché la scienza progredisce su una base di anomalie, sulla base di fenomeni che non sono suscettibili di spiegazioni convenzionali“.

Ma c’è una grande differenza tra la ricerca della materia oscura e la ricerca di vita extraterrestre. Non saresti stato intervistato su “Good Morning America” ​​per un articolo riguardante la materia oscura.

Perché c’è una vasta letteratura di fantascienza sul contatto con le civiltà avanzate, e non sulla materia oscura. E allora? La maggior parte degli scienziati parla di una ricerca per la vita primitiva, ma c’è un tabù sulla ricerca della vita intelligente. Forse non lo capisco. Dopo tutto, l’unico luogo in cui esiste la vita primitiva, cioè la Terra, ha anche una vita intelligente, se siamo davvero intelligenti. La nostra scienza non è sana. Ho chiesto a uno scienziato che sta ricercando oggetti nella Cintura di Kuiper, un astronomo che ha scoperto un gran numero di oggetti lì, se avesse scoperto cambiamenti nella loro luminosità che potessero essere causati da luce artificiale. Lui rispose: “Perché cercare? Non c’è niente da cercare, è chiaro che la loro luminosità in base alla luce riflessa naturalmente dal sole.”

Se non sei pronto a trovare cose eccezionali, non le scoprirai. Naturalmente, ogni argomento deve essere basato su prove, ma se le prove indicano un’anomalia, dobbiamo parlare di un’anomalia. A chi importa se questa anomalia è apparsa o non è apparsa nei libri di fantascienza? Non mi piace nemmeno la fantascienza“.

ESO / O.Hainaut

Come mai non ti piace la fantascienza?

Quando leggo un libro che contraddice le leggi della natura, mi infastidisce. Mi piace la letteratura e mi piace la scienza, ma la combinazione mi infastidisce.”

Quindi da ragazzo non hai letto “Rendezvous with Rama” di Arthur C. Clarke? Perché ricorda davvero l’incontro con ‘Oumuamua.

No. Ciò che mi ha occupato sono stati i problemi fondamentali della vita “

L’origine della vita? La sua distribuzione nell’universo?

La vita stessa, la nostra vita come esseri umani. Ho letto libri di filosofia, principalmente esistenzialismo. Sono nato in un moshav e ogni pomeriggio raccoglievo le uova e nei fine settimana guidavo il trattore sulle colline, per poter leggere. Ho amato la natura. Mi piaceva stare da solo. Non ho un profilo sui social network. Penso alle idee quando sono da solo sotto la doccia. E non ho mai pensato di essere famoso. Ho scritto un articolo scientifico che è stato pubblicato su una rivista scientifica. Non ho nemmeno rilasciato un comunicato stampa. Due blogger hanno trovato l’articolo in un archivio ed è diventato virale.”

E come ti sei sentito ad essere uno scienziato virale? Il tuo articolo è stato l’articolo sullo spazio più popolare dell’anno scorso.

Ho sfruttato l’esposizione mediatica per spiegare l’incertezza del processo scientifico. I movimenti populisti negli Stati Uniti e in Europa si basano in parte sul fatto che il pubblico ha perso fiducia nel processo scientifico. Ecco perché la gente nega il riscaldamento globale, per esempio. Uno dei miei intervistatori in Germania ha dichiarato: “Ci sono scienziati che sostengono che è un errore pubblicare finché non si è ancora certi”. Questi scienziati pensano che se riveliamo situazioni di incertezza, non saremo creduti quando parliamo di cambiamenti climatici. Ma la mancanza di credibilità è dovuta proprio al fatto che mostriamo al pubblico solo il prodotto finale. Se un gruppo di scienziati si chiude in una stanza e poi emerge per tenere una conferenza sul risultato, la gente non ci crede, perché non sono visibili i dubbi dai quali è emersa l’ipotesi. 

Il modo giusto è persuadere il pubblico che il processo scientifico è una normale attività umana, che non è diverso da ciò che fa un detective della polizia o da un idraulico che viene a riparare un tubo di scarico. Gli scienziati sono considerati un’élite, perché essi stessi creano artificialmente questa torre d’avorio. Dicono: “Il pubblico non capisce, quindi non c’è bisogno di condividere con loro. Decideremo tra di noi cosa è giusto, e poi diremo ai politici ciò che deve essere fatto “. Ma poi c’è un salto nella fase che va dalla pubblicazione delle conclusioni alla politica. Le differenze di opinione nella comunità scientifica sono ciò che presta umanità al processo scientifico e l’umanità presta credibilità“.

Se scoprissimo che non siamo soli nell’universo, quale effetto avrà questa scoperta sulla nostra vita, secondo te?

Un grande effetto. Probabilmente saranno più avanzati di noi, dato che la nostra tecnologia si è sviluppata solo di recente. Saremo in grado di imparare molto da loro, su tecnologie sviluppate in milioni e miliardi di anni. E potrebbe essere che questa è la ragione per cui non abbiamo ancora identificato la vita intelligente extraterrestre: perché siamo ancora troppo primitivi per saper interpretare i segni. Non appena lasceremo il sistema solare, credo che vedremo una grande quantità di traffico là fuori. Forse riceveremo un messaggio che dice “Benvenuti nel club interstellare”. O scopriremo molte civiltà morte – cioè, troveremo i loro resti. “

E quella sarà la buona notizia? Perché se ci sono molte civiltà più sviluppate della nostra che sono state liquidate o liquidate da sole, non è un buon segno per il futuro.

Sarà un segnale eccellente. Ci darà modo di ripensare a ciò che stiamo facendo qui e ora, così da non condividere lo stesso destino. Dobbiamo comportarci molto più decentemente e meno militarmente l’uno con l’altro, cooperare, prevenire il cambiamento climatico e stabilirci nello spazio. Questo dovrebbe rendere la nostra casa un buon posto. La domanda fondamentale è se le persone sono sostanzialmente brave persone“.

E qual è la risposta, secondo te?

Credo che lo siano. Non appena sarà chiaro che ci sono state molte civiltà estinte, credo che le persone impareranno la lezione giusta. E se scopriremo i resti di tecnologie avanzate, ci dimostreranno che siamo solo all’inizio della strada; e che se non continuiamo su questa strada, perderemo una grande quantità di ciò che c’è da vedere e sperimentare nell’universo. Immagina se agli uomini delle caverne fosse stato mostrato uni smartphone. Cosa avrebbero pensato? Ora immagina che ‘Oumuamua sia l’iPhone e noi siamo gli uomini delle caverne. Immagina scienziati che sono considerati i visionari della ragione tra gli uomini delle caverne che guardano il dispositivo e dicono: “No, è solo una roccia. Una roccia speciale, ma una roccia. Da dove vieni affermando che non è una roccia? ‘