Saturday, 23 Feb 2019

I più convinti oppositori degli alimenti geneticamente modificati sono quelli che ne sanno meno

Ignoranza In Azione

Alcune persone sono davvero contrarie agli alimenti geneticamente modificati (GM). Ma quanto ne sanno veramente questi fieri oppositori della scienza di modificazione genetica su piante a scopo alimentare?

Non tanto quanto pensano, stando ad un nuovo studio dell’Università del Colorado.

Si scopre che le persone che si oppongono agli OGM generalmente ammettono di saperne davvero poco“, ha spiegato il coautore dello studio Nicholas Light. “Se non ne sanno molto, ammettono di non saperne molto. Ma non importa, quel poco che credono di sapere, specifico sull’argomento,  basta a spingerli ad un’opposizione cieca e irriducibile.

l Sondaggio

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista  Nature Human Behaviour, lo studio è stato condotto su un campione di oltre oltre 2000 persone, intervistate negli Stati Uniti, in Francia e in Germania.

Per prima cosa, ad ogni intervistato è stato chiesto di condividere la propria opinione sugli alimenti GM e di valutare la propria comprensione su cosa siano effettivamente gli alimenti GM. Quindi ciascun rispondente ha risposto a una serie di domande con opzione “vero o falso” sulla scienza in generale e sulla genetica.

Nonostante vi sia un diffuso consenso scientifico sul fatto che gli alimenti geneticamente modificati siano sicuri, oltre il 90% degli intervistati ha dichiarato di essere almeno in qualche modo contrario ai cibi di quel tipo. In generale, più una persona si dichiarava contraria, minore era il punteggio ottenuto nel test di conoscenza e più in alto valutavano la propria comprensione del soggetto.

Questo risultato è perverso, ma è coerente con le precedenti ricerche sulla psicologia dell’estremismo“, ha detto l’autore principale Phil Fernbach in un comunicato stampa. “Le opinioni estreme derivano spesso da persone che pensano di comprendere argomenti complessi meglio degli altri.”

Se si trattasse solo di persone disinformate che pensano di conoscere meglio del resto del mondo, non sarebbe un grosso problema.

Ma modificando geneticamente un alimento, possiamo migliorare tutto, dalla sua resistenza alla siccità al suo livello nutrizionale, fattori che potrebbero portare a una società più sana e meglio nutrita e le opinioni degli oppositori dei cibi GM possono ostacolare la ricerca sugli OGM e portare a una legislazione che ne rallenti la diffusione.

Quindi, come convincere gli oppositori degli alimenti GM non sono dannosi, al contrario di quanto loro pensano?

I nostri risultati suggeriscono che per cambiare le opinioni consolidate nelle menti delle persone prima è necessario che imparino a capire cosa non sanno e ad avere lo stimolo e la curiosità per informarsi“, ha detto Light. “Senza questo primo passo, gli interventi educativi potrebbero non funzionare molto bene per portare le persone in linea con il consenso scientifico“.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: