L’evento di Carrington del 1859

0
2226

Come molti gentiluomini vittoriani, Richard Carrington non aveva bisogno di imbrogliarsi con il lavoro; invece, ha rivolto le sue energie allo studio della filosofia naturale. Era il campo dell’astronomia a cui Carrington si applicò, ma a differenza di altri gentiluomini di inclinazione simile, iniziò i suoi studi non dal tramonto, ma dall’alba.

Il Sole suscitava un grande interesse in Carrington e ciò che vide sul suo volto la mattina del 1° settembre 1859 lo stupì. Quella mattina, mentre disegnava un insolito gruppo di macchie solari, il disco solare esplose in un bagliore luminoso mentre una quantità incalcolabile dell’energia immagazzinata nelle corde contorte del campo magnetico del Sole veniva rilasciata, spingendo miliardi di tonnellate di materiale stellare verso una collisione con la Terra.

Carrington era stato testimone di un brillamento solare e la conseguente eiezione di massa coronale che avrebbe colpito la Terra appena 17 ore più tardi avrebbe provocato una tempesta geomagnetica di tale forza che sarebbe diventata notizia mondiale il giorno successivo e avrebbe portato il suo nome nel futuroL’evento di Carrington del 1859 era un assaggio di ciò che la nostra stella è capace di fare nelle giuste circostanze, le cui implicazioni, oggi, sono davvero preoccupanti, data la rete di comunicazioni satellitari che abbiamo tessuto intorno e al di sopra del pianeta.

UNO SPETTACOLO MOLRIFICANTE

Richard C. Carrington. Fonte: SolarStorms.org

La scienza dell’osservazione del Sole era agli inizi nel 1859, e mentre gli strumenti di Carrington erano rozzi per gli standard odierni – un telescopio con montatura equatoriale di 4-1 / 2 permetteva di effettuare comunque importanti osservazioni.

Usando attrezzature simili, gli astronomi avevano iniziato a indagare i segreti del Sole, osservando che il numero di macchie solari e la loro posizione sulla faccia del Sole sembravano seguire dei cicli. Sapevano anche che le macchie solari erano associate a fenomeni osservabili sulla Terra, come l’aurora boreale e l’aurora australiana, e che esisteva una chiara associazione tra l’attività solare e il campo magnetico terrestre. Alcuni osservatori solari avevano persino dei magnetometri che potevano registrare cambiamenti sulla Terra e correlarli all’attività solare.

L’evento che Carrington fu abbastanza fortunato da vedere fu solo uno dei tanti flares che il Sole emise per diversi giorni. Gli osservatori solari segnalarono un gran numero di macchie solari a partire dal 28 agosto, con forti aurore che si vedevano a latitudini insolitamente. L’osservazione sembrava suggerire che una o più macchie solari avevano creato un brillamento solare e l’eiezione di massa coronale (CME) con un’energia sufficiente a lanciare una nuvola di plasma verso la Terra. Gli effetti elettromagnetici di una scarica solare sono visibili sulla Terra già 8 minuti dopo mentre il plasma impiega diversi giorni per attraversare i 150 milioni di km di spazio che separano il Sole e la Terra.

Le osservazioni di Carrington sulle macchie solari viste il 1 ° settembre 1859. Il flare cominciò nelle regioni bianche (A e B) e si diffuse su tutto il quadrante dell’ammasso e durò cinque minuti prima di sbiadire. Fonte: Richard Carrington [Pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

Quelle eruzioni sarebbero impallidite in confronto a ciò che il Sole rilasciò il 1 ° settembre. L’osservazione di Carrington del cluster delle macchie solari quel giorno fu interrotta alle 11:18 ora locale dall’apparizione di due punti intensamente luminosi che si muovevano attraverso l’intera superficie della macchia solare prima di scomparire gradualmente.

Inizialmente, Carrington pensò ad un guasto del suo apparato che aveva fatto in modo che la luce diretta del sole fosse proiettata sul suo schermo, ma poi capì che stava assistendo a qualcosa di raro e insolito. Carrington corse a cercare qualcuno che gli facesse da testimone per l’osservazione, ma quando tornò, un minuto dopo, fu “mortificato nel constatare che l’evento era già molto cambiato e indebolito“.

Il tutto durò meno di cinque minuti. Ma l’energia rilasciata in quei pochi minuti avrebbe avuto conseguenze enormi. Gigatoni di particelle cariche vennero espulsi dalla superficie del Sole, per cavalcare lungo un nodo contorto del flusso magnetico del Sole in rotta di collisione con la Terra. I primi effetti del CME in arrivo furono riportati solo 18 ore dopo che Carrington vide il brillamento o, forse, il CME che colpì la Terra la notte del 2 settembre era stato in effetti rilasciato da una precedente e inosservata fiammata solare.

ECCO CHE ARRIVA IL SOLE

Indipendentemente dalla fonte, la tempesta solare in arrivo causò una tempesta geomagnetica di proporzioni epiche. La magnetosfera terrestre fu spinta violentemente da parte, permettendo alle particelle cariche di scivolare nell’atmosfera e accoppiarsi con le molecole di gas, producendo forti aurore. Le luci erano visibili negli emisferi nord e sud fino a latitudini prossime ai tropici; I testimoni dell’evento riferirono di avere potuto leggere un giornale per strada a mezzanotte e di scambiare la luminosità del cielo per l’alba.

Per quanto impressionanti fossero le aurore, non erano altro che un assaggio rispetto all’energia distruttiva che stava per calare sul pianeta. Come nel caso della tempesta geomagnetica del 1989, le distorsioni del campo magnetico terrestre raggiunsero un punto di collasso. La NASA ha prodotto un che simula l’evento. Il collasso del campo magnetico liberò i terawatt di energia immagazzinati nella Terra. All’epoca la corrente elettrica era poco diffusa e usata pochissimo per cui, alla fine, l’evento fece pochi danni e si dissipò in modo innocuo.

La nascente rete telegrafica subì il peso maggiore del danno. Gli uffici dei Telegrafi riportarono danni e vi furono interruzioni del servizio oltre a problemi di connessione, i rozzi quadri elettrici dell’epoca si fusero e alcuni operatori rimasero fulminati quando provarono a metterci le mani.

La tempesta solare durò per due giorni, danneggiando le apparecchiature del telegrafo in tutto il mondo. Alcuni operatori, nel tentativo di risparmiare le loro reti da ulteriori danni, staccarono le batterie dalle linee, per poi scoprire che potevano ancora inviare messaggi usando solo la corrente fornita dalla tempesta. I fili del telegrafo portarono abbastanza energia da bruciare i pali su cui poggiavano ed i danni furono considerevoli. Quando la tempesta finì, milioni di dollari di danni erano stati inflitti alla neonata rete elettrica.

MOLTO DA PERDERE

Nel secolo e mezzo trascorso da quando Richard Carrington fece la sua osservazione, gli scienziati hanno studiato l’evento di Carrington e hanno cercato nel ghiaccio e in tutti i documenti disponibili le prove di altre tempeste tempeste simili che hanno colpito la Terra. Tutto ciò che è stato trovato finora impallidisce rispetto alla furia della tempesta del 1859. Un CME “Carrington class” lanciato da un brillamento solare del 2012, ha mancò di intersecarsi con il passaggio della Terra per soli nove giorni.

Il famoso assicuratore Lloyd’s di Londra, una società con molto da perdere in un tale evento, ha commissionato uno studio per stimare l’impatto di un evento di livello Carrington se colpisse oggi la Terra. Ovviamente, con la nostra totale dipendenza dai servizi basati sull’elettricità, la conclusione dello studio è stata che potremmo avere fino a 2,6 trilioni di dollari di danni alla rete solo negli Stati Uniti, con interruzioni di corrente e dei servizi che potrebbero arrivare a durare fino a due anni.