Ultima Thule, prima foto ad alta risoluzione

0
801

Il 31 dicembre 2018, la missione New Horizons della NASA ha fatto la storia diventando la prima sonda spaziale ad incontrarsi con il Kuiper Belt Object (KBO) chiamato Ultima Thule (2014 MU69). 

Ora, grazie a il team di ricercatori del Laboratorio di Fisica Applicatadella John Hopkins University (JHUAPL), è stata fornite un’immagine ad alta risoluzione che illustra nel dettaglio l’aspetto di Ultima Thule e le sue caratteristiche di superficie. Grazie New Horizons, gli scienziati potrebbero essere in grado di apprendere di più sulla storia di questo oggetto e su come si è formato, il che potrebbe dirci molto sui primi tempi del Sistema Solare.

L’immagine originale è stata ottenuta dalla videocamera multicamera Visible Imaging (MVIC) a grandangolo – uno dei due componenti che compongono il telescopio Ralph di New Horizons – il 1 ° gennaio 2019, quando la navicella spaziale era di 6.700 km da Ultima Thule. L’immagine aveva una risoluzione di 135 metri (440 piedi) per pixel quando veniva immagazzinata e poi trasmessa sulla Terra come parte del pacchetto di dati della navicella spaziale (dal 18 al 19 gennaio).

Johns Hopkins APL

@JHUAPL

NEW: , now in higher-res! 📸 Both lobes now show many intriguing light & dark patterns of unknown origin, which may reveal clues about how it was assembled during the formation of the ! @NASANewHorizons http://bit.ly/MU69-higher-res 

L’immagine è stata quindi sottoposta a un processo noto come deconvoluzione, he serve per rendere più nitida un’immagine migliorando i dettagli fini. L’immagine decostruita risultante rivela nuovi dettagli topografici lungo il terminatore (contorno giorno / notte) in alto, grazie al motivo di illuminazione obliquo.

Come Alan Stern, il principale investigatore della missione New Horizons presso il Southwest Research Institute (SwRI), ha spiegato in un recente comunicato stampa JHUAPL :

“Questa nuova immagine sta iniziando a rivelare differenze nel carattere geologico dei due lobi di Ultima Thule, e ci sta presentando anche nuovi misteri. Nel prossimo mese ci saranno colori migliori e immagini con una risoluzione migliore che speriamo possano aiutare a svelare i molti misteri di Ultima Thule. “

I dettagli che sono più evidenti in questa foto migliorata includono numerose piccole fosse che hanno un diametro di circa 700 metri. La grande caratteristica sul più piccolo dei due lobi – che misura 7 km di diametro – sembra anche essere una profonda depressione. Entrambi i lobi mostrano anche intriganti schemi chiari e scuri, per non parlare del “colletto” luminoso che collega i due lobi.

Al momento non è chiaro come si siano formate queste caratteristiche e modelli, ma ci sono diverse possibilità che potrebbero rivelare molto sulla storia dell’oggetto. Ad esempio, le profonde depressioni potrebbero essere crateri da impatto derivanti da collisioni avvenute nel corso della vita durata 4.45 miliardi di anni dell’oggetto. Oppure potrebbero essere il risultato di altri processi, come il collasso interno o lo sfogo di materiali volatili, all’inizio della sua storia.

Ulteriori studi su queste caratteristiche potrebbero rivelare indizi su come Ultima Thule si assemblò durante la formazione del Sistema Solare, ca. 4,5 miliardi di anni fa. Attualmente, New Horizons si trova a circa 6,64 miliardi di km dalla Terra e si sposta verso il bordo del Sistema Solare a oltre 50.700 km all’ora.

Salvo ulteriori estensioni, la missione New Horizons è programmata per funzionare fino al 2021. Fino a quel momento, si spera che la missione sarà in grado di incontrare e studiare ulteriori Kuiper Belt Objects (KBOs), che potranno rivelarci altri particolari sulla prima storia di il nostro sistema solare.

Ulteriori letture: JHUAPL