Il nuovo selfie di Curiosity prima di abbandonare la cresta di Vera Rubin

0
632

Il rover Curiosity ha già fatto la storia dopo aver coperto quasi 20 chilometri sul terreno marziano, aiutando gli scienziati a ricostruire la storia geologica di Marte. Curiosity è stato nella zona della cresta di Vera Rubin per oltre un anno, ora sta per spostarsi e il team che lo gestisce, prima di cambiare zona, ha detto al rover di prendere un selfie.

Il nuovo selfie di Curiosity mostra il rover seduto sul terreno color ruggine, guardando la telecamera con la sua “testa”. Quello che comunemente individuiamo come la testa del rover è in realtà un alloggiamento per gli strumenti Mastcam e ChemCam. La foschia all’orizzonte è dovuta a una tempesta di polvere locale – nulla di così grave come l’evento globale che probabilmente ha condannato il rover Opportunity lo scorso anno. La NASA ha preso il selfie il 15 gennaio, ma questo è in realtà un insieme di molte immagini come tutti i selfie di Curiosity.

A giudicare dall’immagine, Curiosity appare ancora in condizioni piuttosto buone, a parte le ruote che appaiono provate dalle asperità del suolo marziano dopo sei anni trascorsi sul pianeta rosso. La NASA si aspetta che Curiosity continui ad operare ancora per diversi anni a venire.

La NASA utilizza il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) per scattare queste foto. Cattura immagini a colori reali con una risoluzione di 1600 x 1200. L’immagine rilasciata dalla NASA è molto più grande perché viene ottenuta unendo 57 diversi fotogrammi. Ecco perché l’immagine finale ha dettagli così sorprendenti e non si vede il braccio del MAHLI. La NASA, in pratica, ritaglia il braccio da tutti i frame, facendo sembrare che qualcuno si sia fermato accanto al rover e abbia scattato una foto.

Curiosity nel 2012.

Vera Rubin Ridge è stato il 19° sito di trivellazione di Curiosity su Marte. È possibile vedere la minuscola foratura “Rock Hall” direttamente davanti al rover. Ora il rover si sta dirigendo verso un’area argillosa situata a sud della cresta dove effettuerà nuove trivellazioni. I minerali argillosi possono contenere indizi che ci aiutano a conoscere meglio gli antichi laghi che un tempo coprivano l’area intorno al Monte Sharp.

La versione a piena risoluzione del selfie di Curiosity è disponibile sul sito della NASA, pesa 23 MB e comprende circa 10.000 pixel quadrati. Dovresti essere in grado di ridurlo a qualsiasi dimensione desideri, ma la NASA ha anche alcuni download di sfondi pre-ritagliati in risoluzioni comuni.