Tuesday, 23 Apr 2019

La storia dimenticata dell’UFO del Nebraska

di Oliver Melis

Nel 1884 accadde qualcosa di strano nella contea di Dundy… E quasi nessuno ne è a conoscenza oggi. Il 6 giugno 1884, l’allevatore locale John Ellis e molti altri cowboy erano nella contea rurale di Dundy e, come riportato due giorni dopo nel Nebraska Nugget, (pubblicato su Holdrege), i cowboys sentirono un “terrificante ronzio” sopra la testa. Alzarono gli occhi e videro un oggetto infuocato e incandescente cadere rapidamente a terra; dopo essere passato sopra le loro teste, l’oggetto si schiantò nel terreno in un burrone poco oltre una collina.

Gli uomini si avvicinarono con cautela, ma l’oggetto era cosi caldo che uno di loro si ustionò gravemente. Il gruppo di Cowboys vide uno strano tipo di liquido sul terreno intorno al relitto del quale si intravvedevano ingranaggi, frammenti di macchinari e pezzi di metallo sparsi ovunque, tutto era troppo caldo per essere toccato. Decisero di portare l’uomo ferito di nuovo a casa di Ellis per curare le sue ustioni, per poi tentare una nuova sortita il giorno dopo quando il calore del misterioso oggetto si fosse attenuato.

I cowboys tornarono la mattina dopo, questa volta con l’ispettore EW Rawlins al seguito. Rawlins prese appunti su ciò che osservò lì, compresi alcuni pezzi di rottame che ispezionò da vicino. I pezzi di metallo sembravano simili all’ottone, ma erano notevolmente leggeri. Del pezzo principale di rottami, Rawlins scrisse nel suo diario, “l’Aerolite o qualunque cosa sia, sembra essere lungo circa cinquanta o sessanta piedi, di forma cilindrica, e di circa dieci o dodici piedi di diametro.”

Il pomeriggio dopo l’incidente, una folla di curiosi si riunì sul luogo per ammirare l’oggetto e speculare sulla sua origine. Verso le 14, scoppiò una tremenda tempesta. La pioggia cadeva più pesante e più veloce di quanto chiunque avesse mai visto. Il vento sferzava la pioggia tutto intorno, riducendo la visibilità a quasi nulla. La tempesta continuò per circa 30 minuti prima di finire bruscamente com’era cominciata. Quando i curiosi furono di nuovo in grado di vedere il luogo dell’incidente, rimasero assolutamente scioccati: i pochi frammenti che erano rimasti si stavano riassorbendo nel terreno. Quando il luogo dell’impatto venne liberato dall’acqua, dei rottami non era rimasto nulla.

Questa storia riemerse negli anni 60, quando fu scoperta una copia dell’articolo di giornale originale. Reporter e ufologi invasero la contea di Dundy per interrogare i cittadini locali. Ma furono accolti con stupore, nessuno conosceva o ricordava la storia; nessuno aveva mai sentito parlare del crash UFO. I fatti delle aeronavi misteriose erano di la da venire, ancora pochi anni e sarebbe esplosa negli USA una vera e propria psicosi delle aeronavi misteriose che sorvolavano diversi centri abitati.

Aeronavi simili a dirigibili o palloni che spesso facevano sbarcare umanoidi che entravano in contatto con gli stupiti testimoni. Fu il preludio al contattismo dei primi decenni del 900 e alla vera e propria febbre ufologica, e la piccola contea di Dundy potrebbe benissimo essere il luogo in cui la mania degli UFO iniziò tanto tempo fa.

Fonte: onlyinyourstate.com/

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: