Wednesday, 24 Apr 2019

L’aeronave del lago Elmo

di Oliver Melis

Il 13 aprile 1897, mentre attraversavano il lago Elmo, nel Minnesota, diretti a Hudson, nel Wisconsin, Frederick Chamberlain e OL Jones avvistarono una figura oscura in una radura a due isole di distanza. La figura portava una lanterna e sembrava cercare qualcosa nei dintorni. Pensando che potesse esserci qualche problema, Chamberlain e Jones si diressero verso la radura, ma la figura con la lanterna sparì tra gli alberi. Qualche istante dopo sentirono lo scoppiettio di ramoscelli e rami, seguito da un “rumore impetuoso … come il vento che soffia attorno ai cornicioni di una casa“, Raccontò Chamberlain al St. Paul Pioneer Press (15 aprile). “Un secondo dopo e abbiamo distinto un oggetto lungo e alto di un colore bianco grigio.”

Sebbene i due uomini non potevano avere una chiara visione perché avvolti nell’oscurità, l’oggetto, che aveva due file di luci rosse, verdi e bianche su ciascun lato, sembrava “la maggior parte della cima di una ‘goletta‘”. raccontò Chamberlain. “Si sollevò ad angolo acuto, poi si diresse a sud, appena sopra le cime degli alberi.”
Nella radura, i due testimoni trovarono, impresse sul terreno umido, 14 impronte lunghe due piedi, larghe sei pollici e disposte secondo un motivo oblungo sette su ogni lato. Apparentemente, queste erano le tracce lasciate dalla misteriosa macchina volante.

Intorno alla stessa ora Adam Thielen, un contadino nella zona del Lago Elmo, sentì un ronzio sopra la sua testa. Quando alzò lo sguardo, vide un oggetto scuro con le luci rosse e verdi che veleggiava nel cielo.

La storia delle aeronavi misteriose è ricca di fascino ma sappiamo che il volo più leggero dell’aria era iniziato, ad opera di alcuni coraggiosi, diversi decenni prima. Per citarne uno in particolare, l’inventore Solomon Andrews, aveva iniziato a cercare dei finanziatori che gli consentissero di impegnarsi nella costruzione di un dirigibile negli Stati Uniti.
Un progetto da lui creato, risalente al lontano 1847, per il quale non riuscì a ottenere alcun sostegno finanziario.
Tuttavia, il suo progetto riemerse di nuovo nel 1860, come discusso in questo estratto da un articolo della Smithsonian National Portrait Gallery:

Mentre prestava servizio nell’esercito dell’Unione nel 1862, Andrews si convinse che un’imbarcazione navigabile, più leggera dell’aria, sarebbe risultata di gran lunga superiore ai palloni legati che erano stati usati per la ricognizione militare. Si dimise dalla sua commissione e, a sue spese, iniziò a costruire il primo dirigibile a propulsione autonoma al mondo. Composto da tre palloncini a forma di sigaro, un timone e un’auto dell’operatore equipaggiata con pesi mobili, l’ Aereon fece il suo volo inaugurale il 1 giugno 1863. Impiegando lo stesso principio che consente a una barca a vela di navigare nel vento, Andrews dimostrò l’abilità di Aereon viaggiare in qualsiasi direzione mentre faceva il giro del suo velivolo sopra una folla incredula.
Incoraggiato dal successo del suo prototipo, Andrews iniziò un’energica campagna per interessare i funzionari federali nell’aeronave che il New York Herald definì “l’invenzione più straordinaria dell’epoca”. Si assicurò un’audience con il presidente Lincoln, fece una petizione al Congresso e fece volare un modello del Aereon nella Sala Grande del Smithsonian “Castello” per membri di una speciale commissione scientifica che hanno incluso il segretario Smithsonian Joseph Henry. Gli sforzi di Andrews non furono ricompensati, tuttavia, perché Aereon non riuscì a ottenere il sostegno del governo.

Insomma, cercare di capire chi, verso la fine del XIX secolo, stupì migliaia di persone con i prototipi sperimentali delle macchine volanti che, a breve, sarebbero diventate comuni e popolari ma, vista l’epoca, si può facilmente desumere che molti, se non tutti, questi avvistamenti, forse non erano poi cosi tanto extraterrestri come alcune riletture posteriori pretendono di credere.

Fonte: howworkstuff.com

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: