Sunday, 19 May 2019

Che tempo fa su Marte? Ce lo dice giornalmente InSight

Gli strumenti a bordo del lander InSight della NASA stanno raccogliendo dati meteorologici dalla superficie marziana, consentendo di conoscere le previsioni meteorologiche giornaliere, che sono rese disponibili al pubblico.

rapporti meteorologici giornalieri di Elysium Planitia sono iniziati l’11 febbraio e contengono informazioni su temperatura dell’aria, velocità del vento e pressione atmosferica, riferisce la NASA.

Il giorno di San Valentino, il 14 febbraio, il lander InSight ha rilevato una massima di -16 gradi Celsius, un minimo di -95 gradi Celsius, una velocità del vento superiore di 36,4 mph e una pressione atmosferica di 721.7 pascal.

Bollettino meteorologico giornaliero marziano dall’11 al 17 febbraio 2019. – Immagine: NASA

InSight è atterrato vicino all’equatore che, in questo periodo dell’anno, è in pieno inverno marziano, un periodo in cui le tempeste diventano più attive. La sonda sta raccogliendo i dati meteorologici nella sua area, come ha spiegato in un comunicato l’astronomo della Cornell University, Don Banfield.

Dato che il lander è vicino all’equatore, non pensavo che avremmo visto alcuna prova delle tempeste che si verificano a 60 gradi di latitudine nord, ma stiamo già vedendo prove delle onde del segnale di alta e bassa pressione che modificano il clima su Marte“, ha detto. “Possiamo vedere quelle onde praticamente fino all’equatore, poiché le onde sono abbastanza grandi da avere una firma. È stata una sorpresa.

Per raccogliere queste informazioni, InSight è equipaggiato con una serie di sensori sviluppati dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, dalla Cornell University e dal Centro de Astrobiología in Spagna. Questi strumenti, noti collettivamente come Auxiliary Payload Subsystem (APSS), raccolgono dati ogni secondo di ogni giorno marziano, o sol (un giorno marziano è di 24 ore, 39 minuti e 35.244 secondi). InSight trasmette questi dati sulla Terra ogni giorno, generando dei bollettini meteorologici giornalieri. InSight continuerà con questa raccolta di dati per i prossimi due anni, quindi oltre agli aggiornamenti giornalieri, potremo avere un quadro preciso delle variazioni stagionali del clima di Marte.

Gli strumenti TWINS sul lander InSight, uno rivolto a est e uno a ovest. – Immagine: NASA / JPL-Caltech

L’APSS è costituito da un sensore di pressione dell’aria all’interno del lander, da una coppia di sensori di temperatura dell’aria e del vento sul ponte (chiamati TWINS) e da un magnetometro (il primo a raggiungere la superficie di un altro pianeta) situato sul bordo del ponte. Uno dei sensori TWINS è rivolto a est e uno rivolto a ovest. Questo strumento consentirà al team InSight di sapere se i venti forti stanno interferendo con il sismometro di InSight, noto come SEIS.

L’APSS ci informa sulla meteorologia planetaria, ed è una cosa buona ma è anche cruciale per il successo della missione InSight. Monitorando le condizioni attorno alla sonda, gli scienziati della NASA sapranno se il tempo sta danneggiando le sensibili apparecchiature, vale a dire il SEIS e la sonda del flusso di calore, entrambe le quali sono ora dispiegate sulla superficie di Marte. Entrambi gli strumenti sono interessati da forti oscillazioni di temperatura e SEIS è particolarmente sensibile alle variazioni di pressione dell’aria e al vento.

L’APSS ci aiuterà a filtrare il rumore ambientale nei dati sismici e a sapere quando stiamo assistendo a un terremoto e quando non lo siamo,” ha affermato Banfield in una dichiarazione della NASA . “Operando continuamente, avremo anche una vista più dettagliata del tempo rispetto alla maggior parte delle missioni di superficie, che di solito raccolgono dati solo in modo intermittente nel corso di un sol.

Il lander InSight della NASA con i suoi strumenti dispiegati sulla superficie marziana. – Immagine: NASA / JPL-Caltech

E come la NASA ha sottolineato, TWINS consentirà anche agli scienziati di studiare il modo in cui i venti spostano la polvere sulla superficie marziana:

Gli scienziati non sanno quanto vento ci vuole per sollevare la polvere nell’atmosfera sottile di Marte, che influisce sulla formazione delle dune e sulle tempeste di sabbia, comprese le tempeste di polvere che avvolgono tutto il pianeta come quella avvenuto l’anno scorso che ha posto fine alla missione del rover Opportunity.

L’APSS aiuterà anche il team della missione a conoscere i diavoli della polvere che si generano sulla superficie del pianeta. I diavoletti di polvere sono essenzialmente trombe d’aria a bassa pressione, quindi il sensore di pressione dell’aria di InSight può rilevare quando se ne genera qualcuno in prossimità del lander. È molto sensibile – 10 volte di più delle apparecchiature sui lander Viking e Pathfinder – e consentirà al team di studiare i diavoli della polvere da centinaia di metri di distanza.

È interessante notare che le informazioni preliminari suggeriscono già che i diavoli della polvere sono comuni in Elysium Planitia. Questi twister a forma di tornado a bassa pressione ruotano a circa 100 km/h.

Questo è un dato preoccupante. Se un diavolo di polvere con dimensioni e velocità sufficienti colpisse InSight potrebbe provocare danni importanti alle sue sensibili attrezzature.

Hits: 404

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: