Saturday, 23 Mar 2019

Tutto pronto per il lancio della Dragon Crew di SpaceX. Domani mattina il liftoff

SpaceX è ormai a meno di 24 ore da uno dei lanci più importanti della sua storia: il primo lancio della navetta Dragon Crew, la capsula spaziale che la compagnia di Elon Musk ha progettato per trasportare gli astronauti della NASA in orbita ed oltre. La Dragon Crew fa parte del programma commerciale della NASA, la quale ci ha investito circa 8 miliardi di dollari, creato per ripristinare la capacità dell’agenzia di far arrivare il proprio personale alla Stazione Spaziale Internazionale.

La NASA ha dato un “go” per il lancio inaugurale della Dragon Crew che sarà spinta oltre l’atmosfera da un razzo Falcon 9, domani mattina alle 08.49. Secondo le previsione meteo rilasciate giovedì, la missione ha una probabilità dell’80% di avere tempo favorevole per il lancio. Per questa missione sperimentale, chiamata Demo-1, SpaceX non lancerà astronauti verso la Stazione Spaziale Internazionale. Invece, invierà 180 chili di carico e un manichino da crash test con indosso una tuta spaziale, come fece per il lancio inaugurale del Falcon Heavy, quando simulò il carico con una Tesla Roadstar guidata da un manichino in tuta spaziale chiamato Starman.

Hans Koenigsmann, vice presidente di SpaceX per la costruzione e l’affidabilità del volo, ha rivelato ieri, in conferenza stampa, che il manichino avrà un corpo femminile e una tuta spaziale.

Ha molti sensori, noi lo chiamiamo smarty e il suo nome è Ripley“, ha detto Koenigsmann. Il nome è un omaggio a Ellen Ripley, la protagonista del film “Alien” interpretato da Sigourney Weaver.

“Ripley” è una parte fondamentale della missione di SpaceX e della NASA

spacex crew dragon space capsula ship falcon 9 razzo di lancio pad 39a arm nasa programma di equipaggio commerciale ccp
Una vista della capsula di SpaceX’s Crew Dragon in cima a un razzo Falcon 9 a Cape Canaveral, in Florida. – SpaceX / Twitter

La ragione per la quale un manichino è stato scelto per andare sulla ISS è, naturalmente, che essendo il volo inaugurale della capsula Dragon Crew, non si conosce al 100% cosa potrà accadere in caso di anmalie, si è quindi preferito evitare di mettere a repentaglio le vite degli astronauti.

Questo è un test dal valore inestimabile che ci permetterà di capire, nell’ambiente spaziale, come funzioneranno questi sistemi” , ha dichiarato a Business Insider Kathryn Lueders, responsabile del programma commerciale con equipaggio della NASA.

Abbiamo fatto tonnellate di test di atterraggio sull’acqua, test con il paracadute, verificato ogni singolo componente della capsula, ma la realtà è che ci serve il rientro di Ripley correttamente posizionata sul sedile,“, ha detto Lueders. “Abbiamo piazzato strumenti e sensori in ogni angolo di questo veicolo.”

La NASA definisce ufficialmente Ripley un “dispositivo di prova antropomorfo o ATD. Lueders ha detto che il manichino monitorerà i repentini cambiamenti di velocità che possono indurre gravità artificiale o carichi G. Se quelle forze fossero troppo forti, un astronauta a bordo del Crew Dragon potrebbe essere incosciente o possibilmente ferito.

Ripley e altri sensori a bordo del Crew Dragon misureranno anche le temperature, registrando i livelli di rumore dannosi e verificheranno che la navicella non vibri troppo in qualsiasi momento della missione.

crew dragon v2 capsule spacecraft spacex flickr 17435146682_930204534e_k
la Dragon’s Space v2 volteggia durante un test del paracadute. – SpaceX / Flickr (dominio pubblico)

Proprio come per i test delle auto, misureremo tutte le risposte: l’intera struttura è comoda e sicura, ma sappiamo che l’atterraggio con il paracadute, può essere difficile“, ha spiegato Lueders. “Ovviamente eseguiamo un sacco di test in molti modi diversi, ma primna di mettere a bordo delel persone vogliamo che tutto sia testato in condizioni di piena operatività.”

Al rientro di Ripley, ingegneri e tecnici alimenteranno con i dati raccolti una serie di simulazioni al computer per creare modelli di come si comporterebbe la Dragon Crew in una varietà di situazioni con persone reali a bordo.

Se tutto andrà bene con Demo-1, SpaceX eseguirà un test in volo del sistema di aborto missione ad aprile. Dopodiché, SpaceX spera di lanciare i suoi primi astronauti nella sua missione Demo-2 per luglio.

Ogni missione è importante, ma [Demo-1] è ancora più importante, sono abbastanza sicuro che non sono solo io a pensarlo. credo che oggi tutti in SpaceX si sentano in questo modo“, ha concluso Koenigsmann.

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: