Monday, 20 May 2019

Notizie in pillole: di selfie spaziali, documentari antivax, un’altra stella si oscura e gli stranissimi polpi

Selfie spaziale

Il lander lunare Israeliano Beresheet, regolarmente in viaggio verso la Luna dopo aver risolto qualche problema tecnico, ci ha inviato il suo primo selfie con la Terra sulla sfondo. Nel selfie di Beresheet è ben evidenziato un cartello con la bandiera israeliana e vi si legge la frase “un piccolo paese, grandi sogni“.

L’arrivo di Beresheet sulla Luna è previsto nella prima settimana del mese di aprile.

Rimosso un documentario antivax da Amazon Prime

I vaccini non causano l’autismo, ormai è certo, ma la persone comune dotata di un account Amazon Prime potrebbe avere avuto informazioni sbagliate guardando il documentario del 2016 “Vaxxed: From Cover-Up to Catastrophe“.

A seguito di numerose critiche, Amazon ha ritirato il documentario dal suo servizio di abbonamento video in streaming il 1° marzo. Il documentario “Vaxxed” mira a tracciare un legame tra vaccini e autismo, ma si basa sulla ricerca del  medico britannico ampiamente screditato Andrew Wakefield, che ha anche diretto il film.

Quello che il documentario non dice è che la ricerca controversa e non replicata di Wakefield sui pericoli dei vaccini contro il morbillo-parotite-rosolia (MMR) è stata ritirata e smentita da anni di studi rigorosi.

Scoperta un’altra stella che si oscura all’improvviso

Ricordate KIC 8462852, nota anche come Stella di Tabby, che balzò alla ribalta qualche anno fa per via del fatto che la sua luce si oscurava in modo anomalo fino ad un calo di intensità del 22%? La Stella di Tabby fu sospettata di essere circondata da megastrutture aliene per via di questo fatto ma questa ipotesi fu poi esclusa.

Ebbene, ora gli astronomi hanno individuato un’altra stella che si oscura all’improvviso: la luce di EPIC 204376071, una stella posta a 440 anni luce dalla Terra, si è ridotta dell’80% per un’intera giornata.

EPIC 204376071 diventa ancora più interessante. Si abbassò all’improvviso, colpendo un picco dell’80 percento, poi si illuminò di nuovo più lentamente mentre qualsiasi cosa stesse bloccando la luce accesa.

Questo fenomeno è noto come occultazione. Secondo gli astronomi la causa potrebbe essere un grande pianeta con un sistema ad anello che, inteponendosi tra noi e la stella ne provocherebbe l’eclissi.

L’altra ipotesi su cui stanno lavorando gli astronomi è quella di una specie di foglio di polvere che si muove tra noi e la stella, più spesso da un lato e più sottile dall’altro, in orbita quasi permanente attorno alla stella.

Lo strano meccanismo di adattamento di polpi e seppie

Proprio quando pensavamo che i polpi non potessero essere più strani, si scopre che loro ed i loro fratelli cefalopodi si evolvono in modo diverso da quasi tutti gli altri organismi del pianeta.

In una svolta sorprendente, in aprile 2017 gli scienziati hanno scoperto che i polpi, insieme ad alcune specie di calamari e seppie, modificano regolarmente le sequenze di RNA (acido ribonucleico) per adattarsi al loro ambiente.

Questo è strano perché non è proprio così che gli adattamenti di solito avvengono negli animali multicellulari. Quando un organismo cambia in qualche modo fondamentale, in genere inizia con una mutazione genetica – una modifica al DNA. Pare che almeno due specie di polpi e una seppia fanno questa cosa su base regolare. Per fare dei confronti evolutivi, sono stati esaminati un guscio di un nautilus e un gasteropode, e si è riscontrato che mancavano loro le capacità di editing dell’RNA.

Insomma, i molluschi non sembrano avere alti livelli di editing dell’RNA che sembrano una proprietà quasi esclusiva dei cefalopodi coleidi. L‘editing intelligente dell’RNA è particolarmente comune nel sistema nervoso coleoide e i biologi si stanno chiedendo se questo non abbia a che fare con l’enorme sviluppo del loro sistema nervoso. I cefalopodi coleidi, infatti, sono eccezionalmente intelligenti.

In pratica, questi animali sono abili nel sistemare il loro RNA quando è necessario per adattarsi a modifiche ambientali ma questa abilità sembra aver provocato un vero e proprio compromesso evolutivo, che li distingue dal resto del mondo animale. In termini di evoluzione genomica run-of-the-mill, i coleoidi si sono evoluti davvero, molto lentamente.

Qualche tempo fa i polpi vennero alla ribalta sui media per via di una ipotesi lanciata da alcuni scienziati, secondo la quale sarebbero animali di origine aliena. Questa ipotesi è stata rapidamente smentita.

Hits: 297

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: