Saturday, 23 Mar 2019

I progetti per riforestare il pianeta

Mezzo millennio fa, le foreste coprivano gran parte della penisola iberica. Ma questo cambiò presto. Secoli di guerre e invasioni, espansione agricola e taglio degli alberi per svariati usi spazzarono via la maggior parte dei boschi e trasformarono luoghi come Matamorisca, un piccolo villaggio nel nord della Spagna, in aree degradate.

Il clima arido ed i terreni impoveriti della regione non rappresentano certo il posto ideale per un programma di rimboschimento medio, ma per la Land Life Company di Amsterdam è un posto ideale. “In genere operiamo dove la natura non ritorna da sola“, afferma Jurrian Ruys, il suo CEO. “Andiamo dove ci sono condizioni più difficili in termini di clima, con estati secche o molto calde.”

A Matamorisca, sono intervenuti su 17 sterili ettari di proprietà del governo regionale e li hanno trattati con il loro dispositivo distintivo: una ciambella di cartone biodegradabile che chiamano il bozzolo che può contenere 25 litri di acqua sotterranea per aiutare il primo anno di un semenzaio. Circa 16.000 querce, noci, sorbi e fiori bianchi sono stati piantati nel maggio 2018 e la società riferisce che il 96% di loro è sopravvissuto all’estate torrida di quell’anno senza irrigazione extra, una pietra miliare fondamentale per un albero giovane.

La natura ritorna da sola?” Chiede Arnout Asjes, chief technology officer della Land Life Company, che supervisiona un mix di immagini drone e satellitari, analisi di big data e il miglioramento del suolo, QR tagging e design di configurazioni di alberi specifici per sito. “Probabilmente si, ma possono volerci decenni o centinaia di anni, noi acceleriamo le cose.”

Paesaggio arido in Spagna (Credit: Getty Images)

Sono in corso tentativi di riportare la vegetazione anche in aree aride come l’interno soleggiato della Spagna (Credit: Getty Images)

La sua azienda appartiene a un movimento globale di organizzazioni che cercano di salvare aree degradate o deforestate, che vanno dalle esuberanti pianure tropicali alle aride colline delle regioni temperate. Spinti dalla perdita di biodiversità globale e dai cambiamenti climatici, questi gruppi stanno sviluppando nuovi metodi per far rivivere la copertura forestale. “Non è una proposta teorica“, afferma Walter Vergara, specialista in foreste e clima presso il World Resources Institute (WRI). “Sono necessari i giusti incentivi, le parti interessate giuste, l’analisi giusta e il capitale sufficiente, ma può accadere“.

Il modo in cui questi fattori si fondono attorno a un particolare progetto dipende dal tipo di ecosistema che si ha in mente. Le foreste secondarie dell’Amazzonia sono diverse dai pini del Texas che si stanno riprendendo dopo gli incendi boschivi o i boschi boreali che coprono gran parte della Svezia. Ciascuno fornisce diverse sfide per i programmi di rimboschimento e ciascuno ha esigenze particolari.

Nelle aride condizioni intorno a Matamorisca e in aree simili in Spagna, la Land Life Company si preoccupa della rapida desertificazione. Concentrandosi sul ripristino dell’ecosistema. Con circa 600 ettari ripiantati in tutto il mondo dal 2015 e altri 1.100 previsti per quest’anno, l’iniziativa dell’azienda si inserisce nella Bonn Challenge, uno sforzo globale per ripristinare 150 milioni di ettari di terra disboscata e degradata nel mondo entro il 2020. Un’area all’incirca delle dimensioni dell’Iran o della Mongolia. Entro il 2030, l’obiettivo è di raggiungere 350 milioni di ettari, il 20% in più di terra rispetto all’India.

Questi obiettivi includono sia la riabilitazione delle aree boschive che hanno perso la densità o sembrano un po ‘deboli (un processo noto come “ripristino” nel gergo forestale) che il recupero della copertura forestale nelle aree in cui è completamente scomparsa (procedura nota come “rimboschimento”).

L’obiettivo globale è suddiviso in parti più piccole e prende forma in America Latina come iniziativa 20×20, uno sforzo per contribuire con 20 milioni di ettari all’obiettivo generale catalizzando progetti di piccole e medie dimensioni con il sostegno politico dei governi. A differenza di ciò che fa la Land Life Company, questo progetto su scala regionale rappresenta un caso economico e commerciale per il rimboschimento, anche se punta comunque alla conservazione della biodiversità. “È necessario portare denaro del settore privato“, dice Vergara del WRI, che guida l’iniziativa, “e questo capitale ha bisogno di vedere un ritorno sui propri investimenti“. Uno studio recente ha stimato che l’America Latina potrebbe produrre un valore attuale netto di circa $ 23 bn per un periodo di 50 anni se raggiunge il suo obiettivo.

Foresta e terreni agricoli liberi (Credit: Getty Images)

Anche la terra che è stata ripulita per fare allevamenti di bestiame può tornare alla foresta con l’aiuto giusto (Credit: Getty Images)

Il denaro può provenire dalla vendita di legname in foreste gestite in modo sostenibile o dalla raccolta di “prodotti non legnosi” come noci, oli e frutti dagli alberi. Si può calcolare il quantitativo di anidride carbonica che la foresta sta catturando e vendere crediti di emissione di carbonio alle aziende desiderose di compensare le loro emissioni. Oppure si può gestire la foresta sperando che la biodiversità attiri gli ecoturisti che pagheranno per l’alloggio, i tour di birdwatching ed i pasti.

Tuttavia, i soldi per l’iniziativa 20×20 provengono per lo più da organizzazioni finanziarie con tripli obiettivi – un ritorno modesto sul loro investimento, benefici ambientali e guadagni sociali – noti come investitori d’impatto.

Ad esempio, il fondo tedesco 12Tree, uno dei partner 20×20 investe $ 9,5 milioni a Cuango, una proprietà di 1.455 ettari sulla costa caraibica di Panama che combina una piantagione di cacao commerciale con l’estrazione del legname da una foresta secondaria gestita in modo sostenibile. Con i loro soldi, hanno riforestato un ex ranch dove si allevava bestiame, hanno offerto posti di lavoro di alta qualità per le comunità circostanti e ottenuto un ritorno sui loro investimenti.

Reintroducendo gli alberi nel paesaggio, abbiamo un impatto positivo sull’umidità, sulla cattura della pioggia, sulla conservazione del suolo e sulla conservazione della biodiversità – Benoît Bertrand

Anche su terreni sradicati decenni fa e attualmente utilizzati dagli agricoltori, alcune colture possono coesistere con la foresta, se trovi il giusto equilibrio. Sebbene non sia tecnicamente una riforestazione, l’agroforestale offre l’opportunità ai piccoli agricoltori di autosostenersi mentre riportano una copertura forestale alle loro fattorie.

Un progetto globale chiamato Breedcafs sta studiando come si comportano gli alberi nelle piantagioni di caffè, nella speranza di trovare varietà di colture che riescano a crescere sotto l’ombra degli alberi. Il caffè cresce naturalmente in queste foreste, quindi replicare questo tipo di coltura nelle fattorie sta riportando il raccolto alle sue radici.

Reintroducendo gli alberi nel paesaggio, abbiamo un impatto positivo sull’umidità, sulla cattura della pioggia, sulla conservazione del suolo e sulla conservazione della biodiversità“, afferma l’esperto di caffè Benoît Bertrand, che guida il progetto dal Centro francese di ricerca agricola per lo sviluppo internazionale (Cirad)Bertrand sta analizzando quali varietà di caffè si adattino meglio a questo sistema. Un approccio simile può essere applicato alla terra con cacao , vaniglia e alberi da frutto .

Giovane alberello nella foresta (Credit: Getty Images)

Se gli alberelli possono essere protetti nei primi mesi, è più probabile che la copertura forestale ritorni (Credit: Getty Images)

Non tutti i terreni sono adatti alla riforestazione. I partner di Vergara cercano investimenti sicuri, e persino la Land Life Company gestisce progetti importanti solo in paesi che considerano “a basso rischio”, come la Spagna, il Messico o gli Stati Uniti. “Tendiamo ad evitare operazioni su larga scala in paesi come alcune parti del Medio Oriente o dell’Africa, dove la permanenza non è sicura“, afferma Ruys.

Ma con le giuste condizioni, tutto ciò che è necessario è il tempo. In Costa Rica, il Rifugio nazionale della fauna selvatica di oltre 330 ettari non assomiglia al ranch che c’era prima del 1987, quando Jack Ewing decise di trasformare questa hacienda in una destinazione ecoturistica. Invece di effettuare interventi, un amico gli raccomandò di lasciare che la natura facesse il suo corso.

Gli ex pascoli di Barú sono ora boschi esuberanti e la proprietà vanta oltre 150 ettari di foreste secondarie senza alcun intervento umanoNegli ultimi 10 anni, scimmie urlatrici, macao scarlatti e persino puma migratori sono tornati nella terra del rifugio, incrementando il turismo e rinvigorendo l’ecosistema. Ewing, che ora ha 75 anni, spiega questo successo usando le parole che il suo amico usò tre decenni fa: “In Costa Rica, quando smetti di gestire gli scrub, la giungla torna per vendetta.”

Fonti: BBC, Wikipedia

Share
Potresti trovare interessanti
Share
Share
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: